Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Processo verbale
Lunedì 18 gennaio 2016 - Strasburgo

13. Ordine dei lavori
CRE

È stato distribuito il progetto definitivo di ordine del giorno delle sedute plenarie di gennaio 2016 (PE 574.582/PDOJ). Sono state proposte le seguenti modifiche (articolo 152 del regolamento):

Lunedì e Martedì

Non sono proposte modifiche.

Mercoledì

D'intesa con i gruppi politici, Il Presidente propone che mercoledì pomeriggio la relazione di Ulrike Lunacek A8-0372/2015 sull'Accordo di stabilizzazione e di associazione UE-Kosovo (punto 43 del PDOJ) e la Dichiarazione del Vicepresidente della Commissione/Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza sullo Sterminio di massa sistematico delle minoranze religiose per opera dell'ISIS (punto 88 del PDOJ) siano esaminate in tale successione dopo la Dichiarazione del Vicepresidente della Commissione/Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza sugli Accordi di associazione / accordi di libero scambio globali e approfonditi con la Georgia, la Moldova e l'Ucraina (punto 69 del PDOJ).

Il Parlamento esprime la sua approvazione su tale proposta.

Giovedì

Non sono proposte modifiche.

Intervengono Philippe Lamberts, a nome del gruppo Verts/ALE, per chiedere che questa settimana si svolga una discussione sulle misure relative ai diritto di asilo che la Danimarca si appresta ad adottare (il Presidente risponde che chiederà al presidente della commissione LIBE di convocare una riunione straordinaria sull'argomento domani, alla presenza di un rappresentante del governo danese), Manfred Weber, per sostenere la procedura prospettata dal Presidente osservando che non è opportuno discutere la questione in Aula già nel corso di questa tornata, e Gabriele Zimmer, per sostenere la proposta del Presidente (il Presidente verifica che vi sia consenso per la riunione di domani della commissione LIBE).

°
° ° °

L'ordine dei lavori è così fissato.

Avvertenza legale - Informativa sulla privacy