Procedura : 2019/2611(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : RC-B8-0186/2019

Testi presentati :

RC-B8-0186/2019

Discussioni :

PV 14/03/2019 - 8.2
CRE 14/03/2019 - 8.2

Votazioni :

PV 14/03/2019 - 11.2

Testi approvati :

P8_TA(2019)0204

<Date>{13/03/2019}13.3.2019</Date>
<RepeatBlock-NoDocSe> <NoDocSe>B8‑0186/2019</NoDocSe> }
 <NoDocSe>B8‑0187/2019</NoDocSe> }
 <NoDocSe>B8‑0190/2019</NoDocSe> }
 <NoDocSe>B8‑0191/2019</NoDocSe> }
 <NoDocSe>B8‑0193/2019</NoDocSe> }
 <NoDocSe>B8‑0194/2019</NoDocSe></RepeatBlock-NoDocSe> } RC1
PDF 152kWORD 57k

<TitreType>PROPOSTA DI RISOLUZIONE COMUNE</TitreType>

<TitreRecueil>presentata a norma dell'articolo 135, paragrafo 5, e dell'articolo 123, paragrafo 4, del regolamento</TitreRecueil>


<Replacing>in sostituzione delle proposte di risoluzione seguenti:</Replacing>

<TablingGroups>B8‑0186/2019 (Verts/ALE)

B8‑0187/2019 (GUE/NGL)

B8‑0190/2019 (ALDE)

B8‑0191/2019 (S&D)

B8‑0193/2019 (ECR)

B8‑0194/2019 (PPE)</TablingGroups>


<Titre>sull'Iran, in particolare il caso dei difensori dei diritti umani</Titre>

<DocRef>(2019/2611(RSP))</DocRef>


<RepeatBlock-By><Depute>Roberta Metsola, Jaromír Štětina, Marijana Petir, Pavel Svoboda, Tunne Kelam, Milan Zver, Agnieszka Kozłowska‑Rajewicz, Eduard Kukan, Elisabetta Gardini, Róża Gräfin von Thun und Hohenstein, Cristian Dan Preda, Patricija Šulin, Tomáš Zdechovský, Adam Szejnfeld, Csaba Sógor, Jarosław Wałęsa, Andrzej Grzyb, Michael Gahler, Elmar Brok, Ivo Belet, Sandra Kalniete, Dubravka Šuica, Andrey Kovatchev, Francis Zammit Dimech, Seán Kelly, Ivana Maletić, Deirdre Clune, Laima Liucija Andrikienė, Inese Vaidere, László Tőkés, Stanislav Polčák, Jiří Pospíšil, José Ignacio Salafranca Sánchez‑Neyra</Depute>

<Commission>{PPE}a nome del gruppo PPE</Commission>

<Depute>Elena Valenciano, Victor Boştinaru, Soraya Post, Knut Fleckenstein, Wajid Khan</Depute>

<Commission>{S&D}a nome del gruppo S&D</Commission>

<Depute>Raffaele Fitto, Karol Karski, Branislav Škripek, Ryszard Czarnecki, Monica Macovei, Jana Žitňanská, Ruža Tomašić, Anna Elżbieta Fotyga, Charles Tannock</Depute>

<Commission>{ECR}a nome del gruppo ECR</Commission>

<Depute>Marietje Schaake, Petras Auštrevičius, Beatriz Becerra Basterrechea, Izaskun Bilbao Barandica, Dita Charanzová, Gérard Deprez, Marian Harkin, Ivan Jakovčić, Ilhan Kyuchyuk, Valentinas Mazuronis, Louis Michel, Javier Nart, Urmas Paet, Maite Pagazaurtundúa Ruiz, Carolina Punset, Jozo Radoš, Frédérique Ries, Robert Rochefort, Jasenko Selimovic, Pavel Telička, Johannes Cornelis van Baalen, Matthijs van Miltenburg, Hilde Vautmans, Mirja Vehkaperä</Depute>

<Commission>{ALDE}a nome del gruppo ALDE</Commission>

<Depute>Bodil Valero, Heidi Hautala, Barbara Lochbihler</Depute>

<Commission>{Verts/ALE}a nome del gruppo Verts/ALE</Commission>

<Depute>Cornelia Ernst, Barbara Spinelli, Luke Ming Flanagan, Marie‑Christine Vergiat</Depute>

<Commission>{GUE/NGL}a nome del gruppo GUE/NGL</Commission>

<Depute>Fabio Massimo Castaldo, Ignazio Corrao, Isabella Adinolfi</Depute>

<Commission>{EFDD}a nome del gruppo EFDD</Commission>

</RepeatBlock-By>


Risoluzione del Parlamento europeo sull'Iran, in particolare il caso dei difensori dei diritti umani

(2019/2611(RSP))

Il Parlamento europeo,

 viste le sue precedenti risoluzioni sull'Iran, in particolare quelle del 13 dicembre 2018 sull'Iran, in particolare il caso di Nasrin Sotoudeh[1], e del 25 ottobre 2016 sulla strategia dell'UE nei confronti dell'Iran dopo l'accordo nucleare[2],

 viste le conclusioni del Consiglio sull'Iran del 4 febbraio 2019,

 viste la relazione del 30 gennaio 2019 e la dichiarazione del 29 novembre 2018 del relatore speciale sulla situazione dei diritti umani nella Repubblica islamica dell'Iran,

 vista la risoluzione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite del 17 dicembre 2018 sulla situazione dei diritti umani nella Repubblica islamica dell'Iran,

 vista la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo del 1948,

 visto il Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici del 1966, di cui l'Iran è parte,

 vista la Carta dei diritti dei cittadini del Presidente iraniano,

 visti gli orientamenti dell'UE sui difensori dei diritti umani,

 vista la dichiarazione del 29 novembre 2018 a cura di esperti delle Nazioni Unite in materia di diritti umani, dal titolo "Iran must protect women's rights advocates" (L'Iran deve proteggere i difensori dei diritti delle donne),

 visti gli orientamenti dell'UE sulla pena di morte, gli orientamenti dell'UE in materia di tortura e altre pene o trattamenti crudeli, disumani o degradanti, e gli orientamenti dell'UE in materia di diritti umani per la libertà di espressione online e offline,

 vista la decisione del Consiglio, del 12 aprile 2018, di prorogare le misure restrittive per altri 12 mesi in risposta a gravi violazioni dei diritti umani in Iran,

 vista la dichiarazione rilasciata il 12 marzo 2019 dal portavoce del Servizio europeo per l'azione esterna (SEAE) sulla condanna dell'avvocatessa iraniana per i diritti umani Nasrin Sotoudeh,

 visti l'articolo 135, paragrafo 5, e l'articolo 123, paragrafo 4, del suo regolamento,

A. considerando che, in Iran, i difensori dei diritti umani, i giornalisti, gli avvocati e gli attivisti online sono continuamente soggetti a vessazioni, arresti arbitrari, detenzione e persecuzione per via del loro lavoro; che il ministro iraniano dell'Intelligence e altre forze hanno attuato una forte repressione nei confronti della società civile negli ultimi mesi;

B. considerando che nella sua risoluzione del 25 ottobre 2016 sulla strategia dell'UE nei confronti dell'Iran dopo l'accordo nucleare si evidenzia l'importanza di difendere gli orientamenti sui diritti umani dell'UE, anche per quando riguarda i difensori dei diritti umani, nell'ambito delle relazioni UE-Iran;

C. considerando che la nota avvocatessa per i diritti umani Nasrin Sotoudeh è stata recentemente condannata a una pena detentiva minima di sette anni; che, nel corso dei due processi a suo carico, è stato riferito che la pena detentiva combinata potrebbe essere sensibilmente più lunga, nonostante la durata esatta della sua reclusione resti incerta; che il vero motivo della sua incarcerazione sembrerebbe risiedere nel fatto di aver difeso pacificamente i diritti umani in Iran; che i processi nei quali è stata coinvolta non sono stati celebrati nel rispetto delle norme internazionali fondamentali in materia di giusto processo;

D. considerando che Reza Khandan, marito di Nasrin Sotoudeh, è stato arrestato per aver sostenuto le donne che hanno manifestato pacificamente contro l'obbligo di indossare l'hijab e a favore della scarcerazione di sua moglie; che nel gennaio 2019 il Tribunale rivoluzionario di Teheran lo ha condannato a sei anni di prigione;

E. considerando che gli attivisti ambientali Taher Ghadirian, Niloufar Bayani, Amirhossein Khaleghi, Houman Jokar, Sam Rajabi, Sepideh Kashani, Abdolreza Kouhpayeh e Morad Tahbaz, in rappresentanza della Persian Wildlife Heritage Foundation, sono stati arrestati tra il gennaio e il febbraio del 2018, sono stati detenuti senza avere accesso a un avvocato e, nelle ultime settimane, sono stati sottoposti a processo nell'ambito di procedimenti giudiziari non conformi alle norme in materia di equo processo; che un altro membro del gruppo, il professore universitario iraniano-canadese Kavous Seyed-Emami, è deceduto lo scorso anno in circostanze misteriose mentre si trovava in stato di detenzione;

F. considerando che gli attivisti sindacali Esmaeil Bakhshi, Sepideh Gholian e Mohammad Habibi sono stati arrestati nel 2018 e nel 2019 dopo essere stati alla guida di proteste a favore dei diritti dei lavoratori e degli insegnanti; che Maryam Akbari Monfared, difensore dei diritti umani, è stata condannata a 15 anni di prigione nel 2010 per presunta "ribellione contro Dio" e, pur soffrendo di diverse malattie, si è vista negare l'accesso a cure mediche;

G. considerando che gli attivisti Arash Sadeghi, Narges Mohammadi e Farhad Meysami sono stati tutti condannati a lunghe pene detentive per le loro campagne a favore dei diritti delle donne, dei diritti umani e dell'abolizione della pena di morte;

H. considerando che è prassi regolare che i tribunali iraniani non assicurino il diritto a un equo processo e utilizzino come prove in aula le confessioni ottenute sotto tortura; che le autorità continuano a criminalizzare l'attivismo a difesa dei diritti umani e ricorrono all'articolo 48 del codice di procedura penale iraniano per limitare l'accesso dei detenuti all'assistenza legale; che non esistono meccanismi indipendenti per garantire la rendicontabilità in seno alla magistratura;

I. considerando che i continui arresti di cittadini con doppia cittadinanza dell'UE e iraniana, incluso l'iraniano-britannico Nazanin Zaghari-Ratcliffe, sono accompagnati da lunghi periodi di isolamento e interrogatori, dalla mancata garanzia di un giusto processo e da sentenze di condanna a lunghe pene detentive fondate su accuse vaghe o non precisate che adducono motivi di "sicurezza nazionale" e "spionaggio", nonché da campagne denigratorie promosse dallo Stato nei confronti delle persone incarcerate;

J. considerando che sono stati segnalati numerosi casi relativi a condizioni disumane e degradanti nelle carceri e alla mancanza di un accesso adeguato alle cure mediche durante la detenzione in Iran, in violazione delle norme minime standard delle Nazioni Unite per il trattamento dei detenuti;

K. considerando che, secondo una relazione dell'ONG Iran Human Rights, si stima che nel 2018 l'Iran abbia proceduto all'esecuzione di 273 persone, divenendo il secondo paese al mondo per numero di esecuzioni in quell'anno;

L. considerando che nel 2018 migliaia di persone hanno partecipato a dimostrazioni e scioperi pacifici per protestare contro il mancato pagamento dei salari, la precarietà delle condizioni di lavoro, la corruzione, la repressione politica e altri atti ingiusti; che le autorità hanno arrestato centinaia di manifestanti, condannando molti di loro a pene detentive e flagellazioni;

M. considerando che la magistratura iraniana continua a reprimere gli atti pacifici di resistenza da parte dei difensori dei diritti delle donne che protestano contro l'obbligo di indossare l'hijab; che nel 2018 almeno 39 donne sono state arrestate in relazione alle proteste e altre 55 donne sono state detenute per la loro attività di difesa dei diritti delle donne;

N. considerando che la libertà di stampa, sia online che offline, la libertà di associazione e la libertà di pensiero sono soggette a repressione in Iran;

O. considerando che le autorità iraniane prendono sistematicamente di mira i giornalisti, inclusi quanti lavorano per l'emittente BBC Persian, nonché i loro familiari, attraverso il ricorso a strumenti quali indagini penali, congelamento dei beni, arresti arbitrari, detenzione, sorveglianza, vessazioni e divulgazione di informazioni false, calunniose e diffamatorie; che almeno otto giornalisti si trovano attualmente in stato di detenzione in Iran;

P. considerando che nel dicembre 2016 il Presidente iraniano Hassan Rouhani ha lanciato la Carta dei diritti dei cittadini; che tale documento non è giuridicamente vincolante;

Q. considerando che i membri delle minoranze religiose ed etniche, tra cui coloro che professano la fede Bahá'i e i membri della comunità azera, curda, araba e beluci, i musulmani sunniti, i cristiani e gli aconfessionali sono vittime di discriminazione in termini di occupazione, istruzione, libertà di culto e attività politiche in Iran;

1. invita le autorità iraniane a rilasciare immediatamente e senza condizioni tutti i difensori dei diritti umani, i prigionieri di coscienza e i giornalisti detenuti e condannati per aver semplicemente esercitato il proprio diritto alla libertà di espressione e di riunione pacifica; evidenzia che le autorità iraniane devono garantire in qualsiasi circostanza che i difensori dei diritti umani, gli avvocati e i giornalisti siano nelle condizioni di svolgere la loro attività senza subire minacce né intimidazioni e senza impedimenti;

2. ribadisce il suo invito al governo dell'Iran affinché rilasci immediatamente e senza condizioni Nasrin Sotoudeh, vincitrice del premio Sakharov, e plaude al coraggio di quest'ultima e al suo impegno a favore dei diritti umani e dei diritti delle donne in Iran; ritiene che il processo a carico di Nasrin Sotoudeh e la condanna pronunciata nei suoi confronti siano profondamente ingiusti e rappresentino un grave errore giudiziario; accoglie con favore la dichiarazione rilasciata il 12 marzo 2019 dal portavoce del SEAE a tale proposito;

3. invita le autorità iraniane a modificare l'articolo 48 del codice di procedura penale del paese, al fine di garantire che tutti gli imputati abbiano il diritto di essere rappresentati da un avvocato di loro scelta e abbiano diritto a un processo equo, in linea con gli impegni assunti dall'Iran rispetto al Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici;

4. esorta le autorità iraniane a garantire la sicurezza e il benessere di tutti i detenuti, ivi compreso l'accesso ad adeguate cure mediche; chiede pertanto che sia condotta un'indagine indipendente sulla morte di Kavous Seyed-Emami, intervenuta mentre si trovava in stato di detenzione, e sui presunti casi di tortura di altri attivisti detenuti, e condanna la pratica consistente nel negare deliberatamente le cure mediche ai prigionieri politici;

5. invita le autorità iraniane a porre urgentemente fine alla sorveglianza, all'arresto, alle vessazioni e al perseguimento cui sono soggetti i giornalisti, gli attivisti online e i loro familiari, nonché a cessare la censura online; chiede che siano create condizioni di tolleranza per la libertà di espressione e la libertà dei media, sia online che offline;

6. si appella al governo dell'Iran affinché collabori con il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani in Iran, autorizzandolo a fare ingresso nel paese;

7. chiede che gli Stati membri e le istituzioni dell'UE continuino a sollevare i casi di arresto di difensori dei diritti umani presso le controparti iraniane, nonché in occasione della prossima riunione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra;

8. invita il SEAE a continuare a includere i diritti umani, segnatamente la situazione dei difensori dei diritti umani, nel quadro del dialogo ad alto livello tra l'UE e l'Iran; invita inoltre il vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza (VP/AR) a ribadire pubblicamente che il rispetto dei diritti umani è una componente essenziale dello sviluppo delle relazioni tra l'UE e l'Iran;

9. esorta il VP/AR e il Consiglio a valutare la possibilità di istituire un dialogo formale in materia di diritti umani con l'Iran, in linea con le linee direttrici dell'UE per i dialoghi con i paesi terzi in materia di diritti umani;

10. sollecita i funzionari dell'UE a rivolgere alle autorità iraniane l'invito a garantire la sicurezza e il benessere degli attivisti per i diritti umani che si trovano in stato di detenzione e a perseguire indagini esaustive sulle denunce concernenti casi di tortura;

11. esorta tutti gli Stati membri che dispongono di una rappresentanza diplomatica a Teheran ad avvalersi dei meccanismi previsti dagli orientamenti dell'UE sui difensori dei diritti umani, tra cui dichiarazioni pubbliche, iniziative diplomatiche, monitoraggio dei processi e visite presso le carceri, al fine di sostenere e proteggere tali persone;

12. incoraggia l'Iran a porre fine alla criminalizzazione delle attività dei difensori dei diritti delle donne, inclusi coloro che protestano pacificamente contro l'obbligo di indossare l'hijab, e chiede l'abolizione di questa pratica discriminatoria e umiliante;

13. invita il governo dell'Iran a tutelare i diritti di tutte le persone appartenenti a minoranze religiose ed etniche e a contrastare tutte le forme di discriminazione nei loro confronti;

14. accoglie con favore le modifiche apportate alla legislazione in materia di traffico di stupefacenti, che hanno portato a una riduzione del numero di condanne alla pena capitale, e chiede che tutte le condanne a morte siano riesaminate onde garantire che i rispettivi processi siano stati celebrati in conformità delle norme internazionali; invita le autorità iraniane a introdurre una moratoria immediata sul ricorso alla pena di morte quale passo verso la sua abolizione;

15. raccomanda l'invio di una delegazione ad hoc della sottocommissione per i diritti umani in Iran entro il termine dell'attuale legislatura, affinché renda visita ai difensori dei diritti umani che si trovano in prigione e tenga i necessari incontri con le autorità iraniane;

16. incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione, al Servizio europeo per l'azione esterna, al vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, ai governi e ai parlamenti degli Stati membri, alla guida suprema della Repubblica islamica dell'Iran, nonché al Presidente della Repubblica islamica dell'Iran e ai membri del Majlis iraniano.

[1] Testi approvati, P8_TA(2018)0525.

[2] GU C 215 del 19.6.2018, pag. 86.

Ultimo aggiornamento: 13 marzo 2019Avvertenza legale - Informativa sulla privacy