Precedente 
 Seguente 
Regolamento del Parlamento europeo
7a legislatura - luglio 2009
PDF 1273k
INDICE
INDICE ANALITICO
NOTA BENE

TITOLO VI  : SESSIONI
CAPITOLO 5  : NUMERO LEGALE E VOTAZIONI

Articolo 157  : Ricevibilità degli emendamenti

1.    Un emendamento non è ricevibile se

(a)    il suo contenuto non ha alcun rapporto diretto con il testo che tende a modificare;

(b)    tende a sopprimere o sostituire la totalità di un testo;

(c)    tende a modificare più di uno degli articoli o dei paragrafi del testo cui si riferisce: tale disposizione non si applica agli emendamenti di compromesso né agli emendamenti volti ad apportare modifiche identiche a una particolare formulazione che ricorra in tutto il testo;

(d)    risulta che in almeno una delle lingue ufficiali il testo su cui verte l'emendamento non richiede modifiche; in tal caso il Presidente esamina con gli interessati quale possa essere la soluzione linguistica adeguata.

2.    Un emendamento decade se incompatibile con precedenti deliberazioni sul medesimo testo nel corso della stessa votazione.

3.    Il Presidente decide in ordine alla ricevibilità degli emendamenti.

La decisione del Presidente sulla ricevibilità degli emendamenti non è presa sulla sola base delle disposizioni dei paragrafi 1 e 2, bensì sulla base delle disposizioni del regolamento in generale.

4.    Un gruppo politico o almeno quaranta deputati possono presentare una proposta di risoluzione volta a sostituire una proposta di risoluzione non legislativa inserita in una relazione di commissione.

In tal caso, il gruppo o i deputati interessati non possono presentare emendamenti alla proposta di risoluzione della commissione competente. La proposta di risoluzione alternativa non può essere più lunga di quella della commissione competente ed è presentata in Aula per un'unica votazione senza emendamenti.

L’articolo 110, paragrafo 4, si applica mutatis mutandis.

Note legali - Informativa sulla privacy