Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

 Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2003/2528(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

RC-B5-0172/2003

Discussioni :

Votazioni :

Testi approvati :

P5_TA(2003)0105

Testi approvati
PDF 106kWORD 27k
Giovedì 13 marzo 2003 - Strasburgo
Nigeria: il caso di Amina Lawal
P5_TA(2003)0105RC-B5-0172/2003

Risoluzione del Parlamento europeo sul caso di Amina Lawal, condannata a morte per lapidazione in Nigeria

Il Parlamento europeo,

-   vista la sua risoluzione, approvata il 5 settembre 2002(1), in cui si opponeva alla condanna a morte per lapidazione di Amina Lawal per aver avuto un figlio al di fuori dei vincoli del matrimonio, condanna pronunciata il 22 marzo 2002 dal tribunale della sharia di Bakori, nello Stato di Katsina,

A.   essendo a conoscenza del fatto che contro tale condanna a morte è stato proposto appello e che la prossima udienza si svolgerà il 25 marzo 2003,

B.   ribadendo quanto già sostenuto nella citata risoluzione, e cioè che la Nigeria è ormai uno dei pochi paesi in cui una persona possa essere condannata a morte per aver avuto un'attività sessuale consensuale,

C.   considerando che l'eventuale esecuzione di Amina Lawal per i reati ad essa imputati violerebbe i diritti dell'uomo, così come definiti fra l'altro nella Carta dei diritti umani fondamentali dell'ONU e nella Carta africana per i diritti dell'uomo e dei popoli,

D.   considerando che, se condannata, Amina Lawal avrebbe il diritto di ricorrere in appello contro tale verdetto dinanzi a un tribunale non religioso,

E.   considerando che il neo-ministro federale della Giustizia, Kanu Agabi, ha annunciato l'intenzione del governo di ricorrere in appello contro il verdetto del tribunale della sharia e ha ricordato che, in conformità della Costituzione, i musulmani devono poter beneficiare degli stessi diritti e della stessa tutela degli altri nigeriani,

1.   esprime la propria opposizione categorica alla condanna a morte, in qualunque circostanza avvenga, poiché essa rappresenta l'estrema violazione del diritto alla vita garantito dal diritto internazionale, ed esorta il governo nigeriano a compiere tutti i passi necessari onde sospendere tutte le esecuzioni e porre fine al ricorso alla condanna a morte;

2.   invita la Corte d'appello suprema della sharia di Katsina di rispettare gli impegni firmati dalla Nigeria nel quadro degli accordi internazionali in materia di diritti dell'uomo, e chiede pertanto che vengano annullati tutti quegli elementi della sharia che violano il diritto internazionale;

3.   invita la Corte suprema della Nigeria a pronunciare un giudizio atto a riportare la legislazione regionale in linea con il diritto internazionale, che la Nigeria si è impegnata a rispettare;

4.   invita il governo nigeriano a garantire che i tribunali operino nel rispetto del diritto internazionale in materia di diritti dell'uomo e della Carta dei diritti prevista dalla stessa Costituzione nigeriana;

5.   ribadisce che il rispetto dei diritti dell'uomo è una delle clausole fondamentali di qualunque accordo fra l'UE e i paesi terzi;

6.   incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione, all'Unione africana, ai copresidenti dell'Assemblea paritetica ACP-UE, al Segretario generale dell'ONU, nonché al governo e al parlamento della Nigeria.

(1) P5_TA(2002)0411.

Note legali - Informativa sulla privacy