Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2007/0088(CNS)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A6-0484/2007

Testi presentati :

A6-0484/2007

Discussioni :

Votazioni :

PV 11/12/2007 - 9.11
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P6_TA(2007)0588

Testi approvati
PDF 289kWORD 136k
Martedì 11 dicembre 2007 - Strasburgo
Costituzione dell'impresa comune ARTEMIS *
P6_TA(2007)0588A6-0484/2007

Risoluzione legislativa del Parlamento europeo dell'11 dicembre 2007 sulla proposta di regolamento del Consiglio relativo alla costituzione dell''Impresa comune ARTEMIS" per l'attuazione di una iniziativa tecnologica congiunta in materia di sistemi informatici incorporati (COM(2007)0243 – C6-0172/2007 – 2007/0088(CNS))

(Procedura di consultazione)

Il Parlamento europeo,

–   vista la proposta della Commissione al Consiglio (COM(2007)0243),

–   visto il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio, del 25 giugno 2002, che stabilisce il regolamento finanziario applicabile al bilancio generale delle Comunità europee(1) (regolamento finanziario), e in particolare il suo articolo 185,

–   visto l'Accordo interistituzionale del 17 maggio 2006 tra il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione sulla disciplina di bilancio e la sana gestione finanziaria(2) (AII), e in particolare il suo punto 47,

–   visti gli articoli 171 e 172 del trattato CE, a norma dei quali è stato consultato dal Consiglio (C6-0172/2007),

–   visto l'articolo 51 del suo regolamento,

–   visti la relazione della commissione per l'industria, la ricerca e l'energia e il parere della commissione per i bilanci (A6-0484/2007),

1.   approva la proposta della Commissione quale emendata;

2.   ritiene che l'importo di riferimento che figura nella proposta legislativa debba essere compatibile con il massimale della rubrica 1a dell'attuale quadro finanziario pluriennale 2007-2013 nonché con le disposizioni del punto 47 dell'Accordo interistituzionale (AII) del 17 maggio 2006; sottolinea che qualsiasi finanziamento al di là del 2013 sarà valutato nel contesto dei negoziati per il prossimo quadro finanziario;

3.   ricorda che il parere espresso dalla commissione per i bilanci non anticipa i risultati della procedura prevista al punto 47 dell'Accordo interistituzionale del 17 maggio 2006, applicabile all'istituzione dell'impresa comune ARTEMIS;

4.   invita la Commissione a modificare di conseguenza la sua proposta, in conformità dell'articolo 250, paragrafo 2, del trattato CE e dell'articolo 119, secondo comma, del trattato Euratom;

5.   invita il Consiglio a informarlo qualora intenda discostarsi dal testo approvato dal Parlamento;

6.   chiede al Consiglio di consultarlo nuovamente qualora intenda modificare sostanzialmente la proposta della Commissione;

7.   incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione.

Testo della Commissione   Emendamenti del Parlamento
Emendamento 1
Considerando 11
(11)  L'importanza e la portata degli obiettivi dichiarati dell'iniziativa tecnologica congiunta sui sistemi informatici incorporati, l'ampiezza delle risorse finanziarie e tecniche che si devono mobilitare e la necessità di conseguire un coordinamento efficace e una sinergia delle risorse e dei finanziamenti richiedono un intervento da parte della Comunità. A tal fine è necessario istituire un'impresa comune (qui di seguito denominata "impresa comune ARTEMIS") a norma dell'articolo 171 del trattato CE come soggetto giuridico responsabile dell'attuazione dell'iniziativa tecnologica congiunta in materia di sistemi informatici incorporati. Per garantire una gestione adeguata delle attività di R&S avviate nell'ambito del Settimo programma quadro (2007-2013), l'impresa comune ARTEMIS dovrebbe essere istituita per un periodo che termina il 31 dicembre 2017, che potrà essere prolungato.
(11)  L'importanza e la portata degli obiettivi dichiarati dell'iniziativa tecnologica congiunta sui sistemi informatici incorporati, l'ampiezza delle risorse finanziarie e tecniche che si devono mobilitare e la necessità di conseguire un coordinamento efficace e una sinergia delle risorse e dei finanziamenti richiedono un intervento da parte della Comunità. A tal fine è necessario istituire un'impresa comune (qui di seguito denominata "impresa comune ARTEMIS") a norma dell'articolo 171 del trattato CE come soggetto giuridico responsabile dell'attuazione dell'iniziativa tecnologica congiunta in materia di sistemi informatici incorporati. Per garantire una gestione adeguata delle attività di R&S avviate nell'ambito del Settimo programma quadro (2007-2013), l'impresa comune ARTEMIS dovrebbe essere istituita per un periodo che termina il 31 dicembre 2017. È opportuno garantire che, dopo l'ultimo invito a presentare proposte nel 2013, i progetti ancora in corso siano attuati, monitorati e finanziati sino al 2017.
(L'emendamento si applica all'intero testo)
Emendamento 2
Considerando 12
(12)  L'impresa comune ARTEMIS dovrebbe essere un organismo istituito dalle Comunità, che riceve il discarico per l'esecuzione del suo bilancio dal Parlamento europeo1, su raccomandazione del Consiglio, tenuto conto, tuttavia, delle specificità derivanti dalla natura delle imprese tecnologiche comuni come partnership pubblico-privato, in particolare dal contributo del settore privato al bilancio.
(12)  L'impresa comune ARTEMIS dovrebbe rispettare la competenza della Corte dei conti a esaminare i conti di gestione di tutti gli organismi istituiti dalle Comunità e dovrebbe riconoscere le specificità delle iniziative tecnologiche comuni quali nuovi meccanismi per realizzare partnership pubblico-privato, onde trovare una soluzione più efficace ai fini del discarico per l'esecuzione del bilancio generale dell'Unione europea.
______________________________________
1Articolo 185 del regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio che stabilisce il regolamento finanziario applicabile al bilancio generale delle Comunità europee (GU L 357 del 31.12.2002, pag. 72; rettifica nella GU L 2 del 7.1.2003, pag. 39).
Emendamento 3
Considerando 21
(21)  Per soddisfare l'esigenza di garantire condizioni di occupazione stabili e la parità di trattamento del personale e attirare personale scientifico e tecnico specializzato di ottimo livello è necessario applicare lo statuto dei funzionari delle Comunità europee, nonché il regime applicabile agli altri agenti di tali Comunità, ("Statuto") a tutto il personale assunto dall'impresa comune ARTEMIS.
(21)  Per soddisfare l'esigenza di garantire condizioni di occupazione stabili e la parità di trattamento del personale e attirare personale scientifico e tecnico specializzato di ottimo livello è necessario che la Commissione sia autorizzata a distaccare presso l'impresa comune ARTEMIS il numero di funzionari che sarà necessario. Il restante personale dovrebbe essere assunto dall'impresa comune ARTEMIS in conformità del diritto del lavoro dello Stato ospitante.
Emendamento 4
Considerando 25
(25)  L'impresa comune ARTEMIS, dovrebbe essere dotata, previa una consultazione con la Commissione, di un regolamento finanziario separato basato sui principi del regolamento finanziario quadro1 che tenga conto delle sue esigenze operative specifiche derivanti, in particolare, dalla necessità di associare finanziamenti comunitari e nazionali per sostenere le attività di R&S in modo efficiente e tempestivo.
(25)  La regolamentazione finanziaria applicabile all'impresa comune ARTEMIS non dovrebbe discostarsi dal regolamento (CE, Euratom) n. 2343/2002 della Commissione, del 19 novembre 2002, che reca regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 185 del regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio che stabilisce il regolamento finanziario applicabile al bilancio generale delle Comunità europee1, a meno che ciò sia richiesto dalle esigenze operative specifiche dell'impresa comune, in particolare la necessità di associare finanziamenti comunitari e nazionali per sostenere le attività di R&S in modo efficiente e tempestivo. Per l'adozione di norme che si discostano dal regolamento (CE, Euratom) n. 2343/2002 è necessario il consenso preliminare della Commissione. L'autorità di bilancio dovrebbe essere informata di tali eventuali deroghe.
_____________________
1Regolamento (CE, Euratom) n. 2343/2002 della Commissione, del 23 dicembre 2002, che reca regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 185 del regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio che stabilisce il regolamento finanziario applicabile al bilancio generale delle Comunità europee (GU L 357 del 31.12.2002, pag. 72; rettifica nella GU L 2 del 7.1.2003, pag. 39).
_____________________
1 GU L 357 del 31.12.2002, pag. 72. Versione rettificata nella GU L 2 del 7.1.2003, pag. 39.
Emendamento 5
Articolo 1, paragrafo 1
1.  Per l'attuazione dell'iniziativa tecnologica congiunta (ITC) concernente i sistemi informatici incorporati è costituita un'impresa comune ai sensi dell'articolo 171 del trattato (qui di seguito l'impresa comune ARTEMIS) per un periodo che termina il 31 dicembre 2017. Questo periodo può essere prorogato mediante una revisione del presente regolamento.
1.  Per l'attuazione dell'iniziativa tecnologica congiunta (ITC) concernente i sistemi informatici incorporati è costituita un'impresa comune ai sensi dell'articolo 171 del trattato (qui di seguito l'impresa comune ARTEMIS) per un periodo che termina il 31 dicembre 2017. E' garantito che, dopo l'ultimo invito a presentare proposte nel 2013, i progetti ancora in corso saranno attuati, monitorati e finanziati sino al 2017.
Emendamento 6
Articolo 2, lettera d)
(d) garantisce l'efficienza e la durabilità dell'iniziativa tecnologica congiunta in materia di sistemi informatici incorporati;
soppresso
Emendamento 7
Articolo 2, lettera d bis) (nuova)
(d bis) promuove la partecipazione delle piccole e medie imprese (PMI) alle sue attività;
Emendamento 8
Articolo 4, paragrafo 2, lettera a)
(a) un contributo finanziario di ARTEMISIA per un importo massimo di 20 milioni di euro o dell'1% del costo totale dei progetti, prendendo in considerazione l'importo più elevato dei due, ma comunque non superiore a 30 milioni di euro;
(Non concerne la versione italiana)
Emendamento 9
Articolo 4, paragrafo 2, comma 1 bis (nuovo)
La somma dei contribuiti di cui alle lettere a) e b) non è superiore al 5% del bilancio complessivo dell'impresa comune ARTEMIS.
Emendamento 10
Articolo 4, paragrafo 3, lettera b)
(b) contributi finanziari degli Stati membri di ARTEMIS sotto forma di stanziamenti annuali versati direttamente alle organizzazioni di ricerca e di sviluppo che partecipano ai progetti di R&S;
(b) contributi finanziari degli Stati membri di ARTEMIS sotto forma di stanziamenti annuali versati direttamente alle organizzazioni di ricerca e di sviluppo che partecipano ai progetti di R&S; gli Stati membri di ARTEMIS provvedono a che i fondi nazionali siano erogati in tempi quanto più possibile brevi.
Emendamento 11
Articolo 4, paragrafo 3 bis (nuovo)
3 bis.  I contributi finanziari provenienti da fondi pubblici per la partecipazione al costo dei progetti sono subordinati all'erogazione di contributi in natura ai progetti presentati da organizzazioni di ricerca e di sviluppo, a copertura della loro parte dei costi connessi ai progetti.
Emendamento 12
Articolo 6, paragrafo 1
1.  Il regolamento finanziario dell'impresa comune ARTEMIS è basato sui principi del regolamento finanziario quadro . Può discostarsi dal regolamento finanziario quadro ove ciò sia richiesto dalle esigenze operative specifiche dell'impresa comune ARTEMIS e previa consultazione della Commissione.
1.  La regolamentazione finanziaria applicabile all'impresa comune ARTEMIS non si discosta dal regolamento (CE, Euratom) n. 2343/2002, a meno che ciò sia richiesto dalle esigenze operative specifiche dell'impresa comune e con il consenso preliminare della Commissione. L'autorità di bilancio è informata di tali eventuali deroghe.
Emendamento 13
Articolo 7, paragrafo 5, lettera c)
(c)  La procedura di valutazione e di selezione garantisce che lo stanziamento di finanziamenti pubblici dell'impresa comune ARTEMIS sia conforme ai principi di eccellenza e di concorrenza.
(c)  La procedura di valutazione e di selezione, svolta con l'assistenza di esperti esterni, garantisce che lo stanziamento di finanziamenti pubblici dell'impresa comune ARTEMIS sia conforme ai principi di eccellenza e di concorrenza.
Emendamento 14
Articolo 8, paragrafo 1
1.  Lo statuto dei funzionari delle Comunità europee, il regime applicabile agli altri agenti di tali Comunità e le norme adottate congiuntamente dalle istituzioni della Comunità europee ai fini dell'applicazione di detto statuto e di detto regime si applicano al personale dall'impresa comune ARTEMIS e al suo direttore generale.
1.  L'impresa comune ARTEMIS assume il proprio personale in conformità della normativa applicabile dello Stato ospitante. La Commissione può distaccare presso l'impresa comune ARTEMIS il numero di funzionari necessario.
Emendamento 15
Articolo 8, paragrafo 2
2.  Nei confronti del suo personale l'impresa comune ARTEMIS esercita i poteri conferiti all'autorità che ha il potere di nomina dallo statuto dei funzionari delle Comunità europee e all'autorità che può stipulare contratti in base al regime applicabile agli altri agenti delle Comunità europee.
soppresso
Emendamento 16
Articolo 8, paragrafo 3
3.  Il comitato direttivo adotta, previo accordo con la Commissione, le misure di attuazione necessarie, conformemente alle disposizioni di cui all'articolo 110 dello statuto dei funzionari delle Comunità europee e del regime applicabile agli altri agenti delle Comunità europee.
3.  Il comitato direttivo adotta, previo accordo con la Commissione, le misure di attuazione necessarie relativamente al distacco di funzionari delle Comunità europee.
Emendamento 17
Articolo 9
Articolo 9
Privilegi e immunità
soppresso
All'impresa comune ARTEMIS e al suo personale si applica il protocollo sui privilegi e sulle immunità delle Comunità europee.
Emendamento 18
Articolo 10, paragrafo 1
1.  La responsabilità contrattuale dell'impresa comune ARTEMIS è disciplinata dal diritto applicabile alle disposizioni contrattuali pertinenti.
1.  La responsabilità contrattuale dell'impresa comune ARTEMIS è disciplinata dalle disposizioni contrattuali pertinenti e dal diritto applicabile all'accordo o al contratto in questione.
Emendamento 19
Articolo 10, paragrafo 3 bis (nuovo)
3 bis.  L'impresa comune ARTEMIS è la sola responsabile del rispetto dei suoi obblighi.
Emendamento 20
Articolo 10, paragrafo 3 ter (nuovo)
3 ter.  L'impresa comune ARTEMIS non è responsabile del rispetto degli obblighi finanziari dei suoi membri. Non è responsabile qualora uno Stato membro di ARTEMIS non adempia ai propri obblighi derivanti da inviti a presentare proposte pubblicati dall'impresa comune ARTEMIS.
Emendamento 21
Articolo 10, paragrafo 3 quater (nuovo)
3 quater.  I membri non sono responsabili degli obblighi finanziari dell'impresa comune ARTEMIS. La responsabilità finanziaria dei membri è una responsabilità interna esclusivamente nei confronti dell'impresa comune ARTEMIS e si limita al loro impegno a contribuire alle risorse conformemente all'articolo 4.
Emendamento 22
Articolo 12, paragrafo 2
2.  Al più tardi il 31 dicembre 2010 e il 31 dicembre 2015, la Commissione, assistita da esperti indipendenti, procede a valutazioni intermedie dell'impresa comune ARTEMIS. Tale valutazione riguarda la qualità e l'efficacia dell'impresa comune ARTEMIS e i progressi compiuti nel conseguimento degli obiettivi stabiliti. La Commissione comunica le conclusioni della valutazione, corredate delle sue osservazioni, al Parlamento europeo e al Consiglio.
2.  Al più tardi il 31 dicembre 2010, la Commissione presenta al Parlamento europeo e al Consiglio una valutazione intermedia dell'impresa comune ARTEMIS elaborata con l'assistenza di esperti indipendenti. Tale valutazione riguarda la qualità e l'efficacia dell'impresa comune ARTEMIS e i progressi compiuti nel conseguimento degli obiettivi stabiliti.
Emendamento 23
Articolo 12, paragrafo 3
3.  Al più tardi il 31 marzo 2018, la Commissione, assistita da esperti indipendenti, procede a una valutazione finale dell'impresa comune ARTEMIS. I risultati della valutazione finale sono presentati al Parlamento europeo e al Consiglio.
soppresso
Emendamento 24
Articolo 12, paragrafo 4
4.  Il discarico per l'esecuzione del bilancio dell'impresa comune ARTEMIS viene dato dal Parlamento europeo, su raccomandazione del Consiglio, conformemente a una procedura prevista dal regolamento finanziario dell'impresa comune ARTEMIS.
4.  Il discarico per l'esecuzione del bilancio dell'impresa comune ARTEMIS viene dato dal Parlamento europeo, su raccomandazione del Consiglio, conformemente a una procedura prevista dalla regolamentazione finanziaria dell'impresa comune ARTEMIS, rispettando la competenza della Corte dei conti a esaminare i conti di gestione di tutti gli organismi istituiti dalle Comunità e riconoscendo le specificità delle iniziative tecnologiche comuni quali nuovi meccanismi per realizzare partnership pubblico-privato, onde trovare una soluzione più efficace ai fini del discarico per l'esecuzione del bilancio generale dell'Unione europea.
Emendamento 25
Articolo 17
Un accordo di sede è concluso tra l'impresa comune ARTEMIS e lo Stato ospitante per quanto riguarda gli uffici, i privilegi e le immunità e gli altri elementi che il Belgio deve fornire all'impresa comune ARTEMIS.
Un accordo di sede è concluso tra l'impresa comune ARTEMIS e lo Stato ospitante in merito all'assistenza per quanto riguarda gli uffici, i privilegi e le immunità e gli altri elementi che il Belgio deve fornire all'impresa comune ARTEMIS.
Emendamento 26
Allegato, articolo 1, paragrafo 3
3.  L'impresa comune ARTEMIS è costituita a decorrere dalla pubblicazione del presente statuto nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea per un periodo che termina il 31 dicembre 2017.
3.  L'impresa comune ARTEMIS è costituita a decorrere dalla pubblicazione del presente statuto nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea per un periodo che termina il 31 dicembre 2017. E' garantito che, dopo l'ultimo invito a presentare proposte nel 2013, i progetti ancora in corso saranno attuati, monitorati e finanziati sino al 2017.
Emendamento 28
Allegato, articolo 1, paragrafo 4
4.  Tale periodo può essere prorogato modificando il presente statuto conformemente alle disposizioni dell'articolo 23, tenendo conto dei progressi effettuati nel conseguimento degli obiettivi dell'impresa comune ARTEMIS e a condizione che sia garantita la sostenibilità finanziaria.
soppresso
Emendamento 27
Allegato, articolo 1, paragrafo 5 bis (nuovo)
5 bis.  L'impresa comune ARTEMIS è un organismo ai sensi dell'articolo 185 del regolamento finanziario e del punto 47 dell'AII del 17 maggio 2006.
Emendamento 29
Allegato, articolo 2, paragrafo 1, lettera d)
(d) garantisce l'efficienza e la durevolezza dell'iniziativa tecnologica congiunta in materia di sistemi informatici incorporati.
soppresso
Emendamento 30
Allegato, articolo 2, paragrafo 2, lettera d bis) (nuova)
(d bis) promuovere la partecipazione delle PMI alle sue attività;
Emendamento 31
Allegato, articolo 2, paragrafo 2, lettera h)
(h) pubblicare informazioni sui progetti, ivi compreso il nome dei partecipanti e l'importo del contributo finanziario dell'impresa comune ARTEMIS.
(h) pubblicare informazioni sui progetti, ivi compreso il nome dei partecipanti e l'importo per partecipante del contributo finanziario dell'impresa comune ARTEMIS;
Emendamento 32
Allegato, articolo 4, paragrafo 4
4.  Le decisioni del comitato direttivo relative all'adesione di qualsiasi altro soggetto giuridico e le raccomandazioni del comitato direttivo in merito all'adesione di paesi terzi sono fondate sulla pertinenza e il valore aggiunto potenziale del candidato per il conseguimento degli obiettivi dell'impresa comune ARTEMIS.
4.  Le decisioni del comitato direttivo relative all'adesione di qualsiasi altro soggetto giuridico e le raccomandazioni del comitato direttivo in merito all'adesione di paesi terzi sono fondate sulla pertinenza e il valore aggiunto potenziale del candidato per il conseguimento degli obiettivi dell'impresa comune ARTEMIS. In caso di richieste di adesione, il comitato direttivo fornisce alla Commissione informazioni tempestive in merito alla valutazione del candidato e, se del caso, in merito alle raccomandazioni o decisioni del comitato direttivo. La Commissione trasmette tali informazioni al Consiglio.
Emendamento 33
Allegato, articolo 4, paragrafo 5
5.  Tutti i membri possono porre fine alla loro adesione all'impresa comune ARTEMIS. La cessazione della partecipazione è effettiva ed irrevocabile sei mesi dopo la notifica agli altri membri. Allo scadere di questo termine l'ex membro sarà esonerato da qualsiasi obbligo diverso da quelli già esistenti prima del suo ritiro.
5.  Tutti i membri possono porre fine alla loro adesione all'impresa comune ARTEMIS. La cessazione della partecipazione è effettiva ed irrevocabile sei mesi dopo la notifica agli altri membri. Allo scadere di questo termine l'ex membro sarà esonerato da qualsiasi obbligo diverso da quelli già contratti in virtù di una decisione adottata dall'impresa comune ARTEMIS in conformità del presente statuto e intervenuta prima del ritiro del membro in questione. L'obbligo di preavviso di sei mesi non si applica se il ritiro del membro è riconducibile a una modifica dello statuto e ne è la conseguenza diretta.
Emendamento 34
Allegato, articolo 6, paragrafo 2, lettera c)
(c) approva il regolamento finanziario dell'impresa comune ARTEMIS, conformemente all'articolo 13 del presente statuto;
(c) approva la regolamentazione finanziaria dell'impresa comune ARTEMIS, conformemente all'articolo 13 del presente statuto, previa consultazione della Commissione;
Emendamento 35
Allegato, articolo 7, paragrafo 2, lettera e)
(e) approva la pubblicazione degli inviti a presentare proposte;
(e) approva il contenuto, gli obiettivi e la pubblicazione degli inviti a presentare proposte;
Emendamento 36
Allegato, articolo 7, paragrafo 3, lettera b)
(b)  Il comitato delle autorità pubbliche elegge il proprio presidente.
(b)  Il comitato delle autorità pubbliche elegge il proprio presidente ogni due anni. Lo stesso presidente può essere rieletto al massimo due volte.
Emendamento 37
Allegato, articolo 9, paragrafo 2
2.  Il direttore generale è scelto dal comitato direttivo da un elenco di candidati proposti dalla Commissione ed è nominato per un periodo massimo di tre anni. Dopo una valutazione della prestazione del direttore generale, il comitato direttivo può prorogare il suo mandato per un ulteriore periodo di al massimo quattro anni.
2.  Il direttore generale è scelto dal comitato direttivo sulla base di un elenco di candidati proposti dalla Commissione in seguito a un invito a manifestare interesse pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea e in giornali e riviste o su Internet, ed è nominato per un periodo massimo di tre anni. Dopo una valutazione della prestazione del direttore, il comitato direttivo può prorogare il suo mandato per un ulteriore periodo di al massimo tre anni.
Emendamento 38
Allegato, articolo 10, paragrafo 2, lettera b)
(b) un contributo comunitario destinato a finanziare le attività di R&S;
(b) un contributo comunitario destinato a finanziare i progetti;
Emendamento 39
Allegato, articolo 10, paragrafo 4, lettera a)
(a)  ARTEMISIA apporta un contributo pari al massimo a 20 milioni di euro o all'1% del costo totale dei progetti, prendendo in considerazione l'importo più elevato dei due, ma comunque non superiore a 30 milioni di euro;
(a)  ARTEMISIA apporta un contributo pari al massimo a 20 milioni di euro o all'1% del costo totale dei progetti, prendendo in considerazione l'importo più elevato dei due, ma comunque non superiore a 30 milioni di euro. Per costo totale dei progetti si intende la somma dei costi totali (quali definiti nella nota 32) di tutti i progetti;
Emendamento 40
Allegato, articolo 10, paragrafo 4, lettera d bis) (nuova)
(d bis) la somma dei contributi di cui alle lettere a) e b) non è superiore al 5% del bilancio complessivo dell'impresa comune ARTEMIS.
Emendamento 41
Allegato, articolo 10, paragrafo 5, lettera c)
(c) contributi in natura da parte delle organizzazioni di ricerca e sviluppo che partecipano ai progetti e che sostengono la loro parte dei costi necessari per la realizzazione dei progetti. Nel corso della durata dell'impresa comune ARTEMIS, il loro contributo complessivo è uguale o superiore al contributo delle autorità pubbliche.
(c) contributi in natura da parte delle organizzazioni di ricerca e sviluppo che partecipano ai progetti; tali contributi sono oggetto di una valutazione del loro valore e della loro pertinenza ai fini dell'esecuzione delle attività dell'impresa comune ARTEMIS e sono subordinati all'approvazione del comitato direttivo. La procedura di valutazione dei contributi in natura è adottata dal comitato direttivo. Essa è basata sui seguenti principi:
l'impostazione generale è fondata sul modus operandi del Settimo programma quadro, in base al quale i contributi in natura ai progetti sono valutati allo stadio dell'esame ex-post;
le modalità di esecuzione delle regole finanziaria dell'impresa comune ARTEMIS servono da linee direttrici;
le altre questioni sono disciplinate dalle norme contabili internazionali;
i contributi sono valutati conformemente ai valori generalmente accettati sul mercato considerato (articolo 172, paragrafo 2, lettera b) del regolamento (CE, Euratom) n. 2342/2002 della Commissione, del 23 dicembre 2002 , recante modalità d'esecuzione del regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio che stabilisce il regolamento finanziario applicabile al bilancio generale delle Comunità europee*).
Le verifiche sono condotte da un revisore contabile indipendente.
_______________
* GU L 357 del 31.12.2002, pag. 1. Regolamento modificato da ultimo dal regolamento (CE, Euratom) n. 478/2007 della Commissione (GU L 111 del 28.4.2007, pag. 13).
Emendamento 42
Allegato, articolo 10, paragrafo 7
7.  Se uno dei membri dell'impresa comune ARTEMIS non adempie ai suoi impegni in materia di contributo finanziario concordato all'impresa comune ARTEMIS, il direttore generale convoca una riunione del comitato direttivo per decidere se porre fine all'adesione del membro inadempiente o adottare qualsiasi altra misura da applicare fino a quando il membro non adempierà ai suoi obblighi.
7.  Se uno dei membri dell'impresa comune ARTEMIS non adempie ai suoi impegni in materia di contributo finanziario concordato all'impresa comune ARTEMIS, il direttore generale ne informa per iscritto il membro in questione e fissa un periodo di tempo ragionevole per rimediare all'inadempimento. Se l'inadempimento persiste dopo tale termine, il direttore generale convoca una riunione del comitato direttivo per decidere se porre fine all'adesione del membro inadempiente o adottare qualsiasi altra misura da applicare fino a quando il membro non adempierà ai suoi obblighi.
Emendamento 43
Allegato, articolo 13, titolo e paragrafi da 1 a 3
Regolamento finanziario
Regolamentazione finanziaria
1.  Il regolamento finanziario dell'impresa comune ARTEMIS è adottato dal comitato direttivo.
1.  La regolamentazione finanziaria dell'impresa comune ARTEMIS è adottata dal comitato direttivo, previa consultazione della Commissione.
2.  Scopo del regolamento finanziario è garantire una gestione finanziaria sana ed economica dell'impresa comune ARTEMIS.
2.  Scopo della regolamentazione finanziaria è garantire una gestione finanziaria sana ed economica dell'impresa comune ARTEMIS.
3.  Il regolamento finanziario dell'impresa comune ARTEMIS è basato sui principi del regolamento finanziario quadro e contiene disposizioni per la pianificazione e l'attuazione del bilancio dell'impresa comune ARTEMIS. Il regolamento finanziario può discostarsi dal regolamento finanziario quadro ove ciò sia richiesto dalle esigenze operative specifiche dell'impresa comune ARTEMIS e previa consultazione della Commissione.
3.  La regolamentazione finanziaria dell'impresa comune ARTEMIS non si discosta dal regolamento (CE, Euratom) n. 2343/2002, a meno che ciò sia richiesto dalle esigenze operative specifiche dell'impresa comune. Per l'adozione di norme che si discostano dal regolamento (CE, Euratom) n. 2343/2002 è necessario il consenso preliminare della Commissione. L'Autorità di bilancio è informata di tali eventuali deroghe.
Emendamento 44
Allegato, articolo 13, paragrafo 4
4.  Il discarico per l'esecuzione del bilancio dell'impresa comune ARTEMIS viene dato dal Parlamento europeo, su raccomandazione del Consiglio, conformemente a una procedura che sarà prevista dal regolamento finanziario dell'impresa comune ARTEMIS.
4.  Il discarico per l'esecuzione del bilancio dell'impresa comune ARTEMIS viene dato dal Parlamento europeo, su raccomandazione del Consiglio, conformemente a una procedura che sarà prevista dalla regolamentazione finanziaria dell'impresa comune ARTEMIS, rispettando la competenza della Corte dei conti a esaminare i conti di gestione di tutti gli organismi istituiti dalle Comunità e riconoscendo le specificità delle iniziative tecnologiche comuni quali nuovi meccanismi per realizzare partnership pubblico-privato, onde trovare una soluzione più efficace ai fini del discarico per l'esecuzione del bilancio generale dell'Unione europea.
Emendamento 45
Allegato, articolo 14, paragrafo 1
1.  Il piano strategico pluriennale definisce la strategia ed i piani da attuare per realizzare gli obiettivi dell'impresa comune ARTEMIS, in particolare l'agenda di ricerca.
1.  Il piano strategico pluriennale definisce la strategia ed i piani da attuare per realizzare gli obiettivi dell'impresa comune ARTEMIS, in particolare l'agenda di ricerca. Una volta approvato dal comitato direttivo, il piano strategico pluriennale è reso pubblico.
Emendamento 46
Allegato, articolo 14, paragrafo 2
2.  Il programma di lavoro annuale stabilisce la portata e il bilancio degli inviti a presentare proposte necessari all'attuazione dell'agenda di ricerca per un anno specifico.
2.  Il programma di lavoro annuale stabilisce la portata e il bilancio degli inviti a presentare proposte necessari all'attuazione dell'agenda di ricerca per un anno specifico. Una volta approvato dal comitato direttivo, il programma di lavoro annuale è reso pubblico.
Emendamento 47
Allegato, articolo 14, paragrafo 3
3.  Il piano d'attuazione annuale illustra nei dettagli il piano d'esecuzione di tutte le attività dell'impresa comune ARTEMIS per un determinato anno, in particolare gli inviti a presentare proposte previsti e le azioni da attuare mediante gare d'appalto. Il piano d'attuazione annuale è presentato al comitato direttivo dal direttore generale contemporaneamente al piano di bilancio annuale.
3.  Il piano d'attuazione annuale illustra nei dettagli il piano d'esecuzione di tutte le attività dell'impresa comune ARTEMIS per un determinato anno, in particolare gli inviti a presentare proposte previsti e le azioni da attuare mediante gare d'appalto. Il piano d'attuazione annuale è presentato al comitato direttivo dal direttore generale contemporaneamente al piano di bilancio annuale. Una volta approvato dal comitato direttivo, il piano d'attuazione annuale è reso pubblico.
Emendamento 48
Allegato, articolo 14, paragrafo 5, comma 2
Il rapporto annuale di attività è presentato dal direttore generale contemporaneamente ai conti e al bilancio annuali.
La relazione annuale di attività è presentata dal direttore generale contemporaneamente ai conti e al bilancio annuali. Essa comprende la partecipazione delle PMI alle attività di R&S dell'impresa comune ARTEMIS.
Emendamento 49
Allegato, articolo 14, paragrafo 6
6.  Conti e bilancio annuali: entro due mesi dalla chiusura di ogni esercizio finanziario, il direttore generale sottopone i conti e il bilancio dell'anno precedente all'approvazione del comitato direttivo. I conti e il bilancio annuale dell'anno precedente sono presentati alla Corte dei conti europea per approvazione.
6.  Conti e bilancio annuali: entro due mesi dalla chiusura di ogni esercizio finanziario, il direttore generale sottopone i conti e il bilancio dell'anno precedente all'approvazione del comitato direttivo. I conti e il bilancio annuale dell'anno precedente sono presentati alla Corte dei conti europea e all'autorità di bilancio.
Emendamento 50
Allegato, articolo 15, paragrafo 2
2.  L'impresa comune ARTEMIS conclude convenzioni di sovvenzione con i partecipanti ai progetti per l'attuazione di questi ultimi. Tali convenzioni di sovvenzione, di cui all'articolo 16, paragrafo 5, lettera b), fanno riferimento ai contratti di sovvenzione nazionali corrispondenti e, se del caso, sono basati su di essi.
2.  L'impresa comune ARTEMIS conclude convenzioni di sovvenzione con i partecipanti ai progetti per l'attuazione di questi ultimi. I termini e le condizioni di tali convenzioni di sovvenzione sono conformi alla regolamentazione finanziaria dell'impresa comune ARTEMIS e fanno riferimento ai contratti di sovvenzione nazionali corrispondenti di cui all'articolo 16, paragrafo 5, lettera b) e, se del caso, sono basati su di essi.
Emendamento 51
Allegato, articolo 16, paragrafo 4, lettera a)
(a)  Gli inviti a presentare proposte pubblicati dall'impresa comune ARTEMIS sono aperti ai partecipanti con sede negli Stati membri di ARTEMIS e in qualsiasi altro Stato membro dell'Unione o paese associato.
(a)  Gli inviti a presentare proposte pubblicati dall'impresa comune ARTEMIS sono aperti ai partecipanti con sede negli Stati membri di ARTEMIS e in qualsiasi altro Stato membro dell'Unione o paese associato. Gli inviti a presentare proposte sono pubblicizzati nella massima misura possibile attraverso periodici, Internet, ecc.
Emendamento 52
Allegato, articolo 18, paragrafo 1
1.  Il numero dei dipendenti è determinato dall'organigramma quale figura nel piano di bilancio annuale.
1.  Il numero dei dipendenti è determinato dall'organigramma quale figura nel piano di bilancio annuale. La Commissione trasmette l'organigramma al Parlamento europeo e al Consiglio unitamente al progetto preliminare di bilancio dell'Unione europea.
Emendamento 53
Allegato, articolo 18, paragrafo 2
2.  I membri del personale dell'impresa comune ARTEMIS sono agenti temporanei e agenti contrattuali e beneficiano di contratti a tempo determinato rinnovabili due volte per un periodo totale massimo di sette anni.
soppresso
Emendamento 54
Allegato, articolo 19, paragrafo 6
6.  I membri non sono responsabili degli obblighi finanziari dell'impresa comune ARTEMIS. La responsabilità finanziaria dei membri è una responsabilità interna esclusivamente nei confronti dell'impresa comune ARTEMIS e si limita al loro impegno a contribuire alle risorse conformemente all'articolo 10, paragrafo 2.
6.  I membri non sono responsabili degli obblighi dell'impresa comune ARTEMIS. La responsabilità finanziaria dei membri è una responsabilità interna esclusivamente nei confronti dell'impresa comune ARTEMIS e si limita al loro impegno a contribuire alle risorse conformemente all'articolo 10, paragrafo 2.
Emendamento 55
Allegato, articolo 19, paragrafo 7
7.  La responsabilità finanziaria dell'impresa comune ARTEMIS per i suoi debiti si limita ai contributi che i membri hanno versato per le spese di funzionamento, conformemente all'articolo 10, paragrafo 2.
7.  Eccezion fatta per i contributi finanziari che spettano ai partecipanti ai progetti ai sensi dell'articolo 16, paragrafo 5, lettera a), la responsabilità finanziaria dell'impresa comune ARTEMIS per i suoi debiti si limita ai contributi che i membri hanno versato per le spese di funzionamento, conformemente all'articolo 10, paragrafo 2.
Emendamento 56
Allegato, articolo 22, paragrafo 5
5.  Una volta restituiti conformemente al paragrafo 4 tutti gli articoli fisici, gli altri attivi sono utilizzati per coprire il passivo dell'impresa comune ARTEMIS e i costi associati alla sua liquidazione. Qualsiasi eccedenza o deficit saranno distribuiti fra i membri esistenti al momento della liquidazione, proporzionalmente ai loro contributi totali effettivi all'impresa comune ARTEMIS.
5.  Una volta restituiti conformemente al paragrafo 4 tutti gli articoli fisici, gli altri attivi sono utilizzati per coprire il passivo dell'impresa comune ARTEMIS e i costi associati alla sua liquidazione. Qualsiasi eccedenza sarà distribuita fra i membri esistenti al momento della liquidazione, proporzionalmente ai loro contributi totali effettivi all'impresa comune ARTEMIS.
Emendamento 57
Allegato, articolo 23, paragrafo 3
3.  Le proposte di modifica dello statuto sono approvate dal comitato direttivo conformemente alle disposizioni dell'articolo 6 e sono sottoposte alla decisione della Commissione.
3.  Le proposte di modifica dello statuto sono approvate dal comitato direttivo conformemente alle disposizioni dell'articolo 6 e sono sottoposte alla decisione della Commissione, previa consultazione del Parlamento europeo.
Emendamento 58
Allegato, articolo 23, paragrafo 4
4.  Fatto salvo il paragrafo 3, ogni modifica proposta all'articolo 1, paragrafo 3, all'articolo 4, paragrafo 3, all'articolo 10, paragrafo 4, lettera b) e all'articolo 10, paragrafo 5, lettera b) è considerata un aspetto essenziale ed è pertanto soggetta a una revisione del presente regolamento.
4.  Fatto salvo il paragrafo 3, ogni modifica proposta all'articolo 1, paragrafo 3, all'articolo 4, paragrafo 3, all'articolo 6, paragrafo 1, all'articolo 7, paragrafo 1, all'articolo 9, paragrafo 2, all'articolo 10, paragrafo 4, lettera b), all'articolo 10, paragrafo 5, lettera a), e all'articolo 19 è considerata un aspetto essenziale ed è pertanto soggetta a una revisione del presente regolamento.
Emendamento 60
Allegato, articolo 24, paragrafo 2, lettera i)
(i) "diritti d'uso", le licenze e i diritti non esclusivo di uso degli elementi nuovi e precedenti, ad esclusione del diritto di concedere in sublicenza, salvo ove diversamente convenuto nell'accordo di progetto;;
(i) "diritti d'uso", le licenze e i diritti non esclusivi di uso degli elementi nuovi e preesistenti da concedere nel quadro di accordi di progetto, ad esclusione del diritto di concedere in sublicenza, salvo ove diversamente convenuto nell'accordo di progetto;
Emendamento 61
Allegato, articolo 24, paragrafo 2, lettera j)
j) "necessario", tecnicamente indispensabile per l'attuazione del progetto e/o nel contesto dell'impiego di elementi nuovi e, quando sono in gioco diritti di proprietà intellettuale, tale che questi diritti di proprietà intellettuale sarebbero compromessi se non fossero accordati diritti d'uso;
(Non concerne la versione italiana)
Emendamento 62
Allegato, articolo 24, paragrafo 3, punto 3.2.1
3.2.1.  I partecipanti a uno stesso progetto concludono tra loro un accordo di progetto che disciplina, tra l'altro, i diritti d'uso da accordare ai sensi del presente articolo. I partecipanti hanno la facoltà di definire gli elementi preesistenti ai fini del progetto e, ove appropriato, di escludere determinati elementi antecedenti.
3.2.1.  I partecipanti a uno stesso progetto concludono tra loro un accordo di progetto che disciplina, tra l'altro, i diritti d'uso da accordare ai sensi del presente articolo. I partecipanti al progetto possono decidere di accordare diritti d'uso più estesi di quelli previsti dal presente articolo. I partecipanti hanno la facoltà di definire gli elementi preesistenti ai fini del progetto e, ove appropriato, di escludere determinati elementi antecedenti.
Emendamento 63
Allegato, articolo 24, paragrafo 3, punto 3.2.4
3.2.4.  I partecipanti ad uno stesso progetto beneficiano dei diritti d'uso degli elementi preesistenti se ciò è necessario per la valorizzazione dei loro elementi nuovi derivanti dal progetto in questione, a condizione che il proprietario degli elementi antecedenti abbia il diritto di concederli. Tali diritti d'uso sono concessi su base non esclusiva a condizioni eque, ragionevoli e non discriminatorie.
3.2.4.  I partecipanti ad uno stesso progetto beneficiano dei diritti d'uso degli elementi preesistenti se ciò è necessario per la valorizzazione dei loro elementi nuovi derivanti dal progetto in questione, a condizione che il proprietario degli elementi antecedenti abbia il diritto di concederli. Tali diritti d'uso sono concessi su base non esclusiva e non trasferibile a condizioni eque, ragionevoli e non discriminatorie.
Emendamento 65
Allegato, articolo 24, paragrafo 3, punto 3.4.1
3.4.1.  Quando cede la proprietà di elementi nuovi, un partecipante estende al cessionario i suoi obblighi relativi a tali elementi, in particolare quello di estendere tali obblighi ad ogni ulteriore cessionario. Gli obblighi comprendono quelli in materia di concessione dei diritti d'uso, di diffusione e di valorizzazione
3.4.1.  Quando cede la proprietà di elementi nuovi, un partecipante estende al cessionario i suoi obblighi relativi a tali elementi, in particolare quelli relativi alla concessione dei diritti d'uso e alla loro diffusione e valorizzazione. Dopo una cessione di questo tipo il partecipante interessato comunica agli altri partecipanti allo stesso progetto il nome e gli estremi del cessionario.
Emendamento 66
Allegato, articolo 24, paragrafo 3, punto 3.4.2
3.4.2.  Fatti salvi gli obblighi di riservatezza, quando deve cedere i suoi obblighi in materia di concessione dei diritti d'uso, un partecipante a un progetto informa preventivamente gli altri partecipanti alla cessione prevista con un preavviso minimo di 45 giorni, e fornisce loro informazioni sufficienti sul nuovo proprietario degli elementi nuovi per permettere agli altri partecipanti di esercitare i loro diritti d'uso. A seguito della notifica, ogni altro partecipante ha 30 giorni di tempo, o un altro termine convenuto per iscritto, per opporsi a ogni trasferimento di proprietà previsto se può dimostrare che questo pregiudicherebbe i suoi diritti d'uso. In questo caso, il trasferimento non ha luogo finché i partecipanti interessati non hanno raggiunto un accordo.
soppresso

(1) GU L 248 del 16.9.2002, pag. 1. Regolamento modificato dal regolamento (CE, Euratom) n. 1995/2006 (GU L 390 del 30.12.2006, pag. 1).
(2) GU C 139 del 14.6.2006, pag. 1.

Note legali - Informativa sulla privacy