Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2005/0183(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A6-0398/2007

Testi presentati :

A6-0398/2007

Discussioni :

PV 10/12/2007 - 17
CRE 10/12/2007 - 17

Votazioni :

PV 11/12/2007 - 9.19
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P6_TA(2007)0596

Testi approvati
PDF 232kWORD 29k
Martedì 11 dicembre 2007 - Strasburgo
Qualità dell'aria ambiente e aria più pulita in Europa ***II
P6_TA(2007)0596A6-0398/2007
Risoluzione
 Testo
 Allegato

Risoluzione legislativa del Parlamento europeo dell'11 dicembre 2007 sulla posizione comune del Consiglio in vista dell'adozione della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alla qualità dell'aria ambiente e per un'aria più pulita in Europa (16477/1/2006 – C6-0260/2007 –2005/0183(COD))

(Procedura di codecisione: seconda lettura)

Il Parlamento europeo,

–   vista la posizione comune del Consiglio (16477/1/2006 – C6-0260/2007),

–   vista la sua posizione in prima lettura(1) sulla proposta della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio (COM(2005)0447),

–   visto l'articolo 251, paragrafo 2, del trattato CE,

–   vista l'allegata dichiarazione della Commissione,

–   visto l'articolo 62 del suo regolamento,

–   vista la raccomandazione per la seconda lettura della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (A6-0398/2007),

1.   approva la posizione comune quale emendata;

2.   incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione.

(1) GU C 306 E del 15.12.2006, pag. 102.


Posizione del Parlamento europeo definita in seconda lettura l'11 dicembre 2007 in vista dell'adozione della direttiva 2008/.../CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alla qualità dell'aria ambiente e per un'aria più pulita in Europa
P6_TC2-COD(2005)0183

(Dato l'accordo tra il Parlamento e il Consiglio, la posizione del Parlamento in seconda lettura corrisponde all'atto legislativo finale, la direttiva 2008/50/CE)


Dichiarazione della Commissione che accompagna l'adozione della nuova direttiva relativa alla qualità dell'aria ambiente e per un'aria più pulita in Europa

La Commissione prende atto del testo adottato dal Consiglio e dal Parlamento europeo per la direttiva relativa alla qualità dell'aria ambiente e per un'aria più pulita in Europa. In particolare, la Commissione rileva l'importanza attribuita dal Parlamento europeo e dagli Stati membri alle misure comunitarie miranti a ridurre le emissioni atmosferiche inquinanti alla fonte, di cui all'articolo 22, paragrafo 4, e al considerando 15 della direttiva.

La Commissione riconosce la necessità di ridurre le emissioni di inquinanti atmosferici nocivi per conseguire progressi significativi verso gli obiettivi stabiliti nel Sesto programma d'azione per l'ambiente. La comunicazione della Commissione su una strategica tematica concernente l'inquinamento atmosferico propone una serie di possibili misure comunitarie. Da quando è stata adottata questa strategia si sono registrati significativi passi avanti in relazione a queste e ad altre misure:

   il Consiglio e il Parlamento hanno già adottato una nuova normativa concernente la limitazione delle emissioni di gas di scarico dei veicoli leggeri;
   la Commissione ha adottato una proposta legislativa per migliorare l'efficacia della legislazione comunitaria in materia di emissioni industriali, ivi compresi gli impianti di agricoltura intensiva, e misure riguardanti le fonti di combustione industriali di dimensioni ridotte;
   la Commissione ha adottato una proposta legislativa che limiterà le emissioni dei gas di scarico dei motori installati nei veicoli commerciali pesanti.
   Nel 2008 la Commissione intende presentare nuove proposte legislative destinate a:
   ridurre ulteriormente, per le principali sostanze inquinanti, le emissioni che ciascun Stato membro è autorizzato a produrre;
   ridurre le emissioni legate al rifornimento degli autoveicoli a benzina nelle stazioni di servizio;
   affrontare la questione del contenuto di zolfo nei carburanti (ivi compresi i combustibili marittimi).
   Inoltre sono in corso lavoratori preparatori per valutare la fattibilità di:
   miglioramento dell'ecoprogettazione delle caldaie e degli scaldacqua ad uso domestico e riduzione delle loro emissioni;
   riduzione del tenore di solventi nelle pitture, nelle vernici e nei prodotti per carrozzeria;
   riduzione delle emissioni di scarico delle macchine mobili non stradali e ottimizzazione dei benefici tratti dai carburanti non stradali a ridotto contenuto di zolfo già proposti dalla Commissione.
   La Commissione continua inoltre a esercitare pressioni sull'Organizzazione marittima internazionale (IMO) per una riduzione sostanziale delle emissioni delle navi e si è impegnata a presentare delle proposte comunitarie qualora l'IMO non dovesse presentare proposte sufficientemente ambiziose entro il 2008.

La Commissione tuttavia, è vincolata dagli obiettivi della sua iniziativa "legiferare meglio" e dall'esigenza di fondare le sue proposte su una valutazione precisa degli impatti e dei benefici. A questo proposito e conformemente al trattato che istituisce la Comunità europea, la Commissione continuerà a valutare l'esigenza di presentare nuove proposte legislative, riservandosi il diritto di decidere se e quando è opportuno presentare tali proposte.

Note legali - Informativa sulla privacy