Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2010/0039(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A7-0278/2011

Testi presentati :

A7-0278/2011

Discussioni :

PV 13/09/2011 - 4
CRE 13/09/2011 - 4

Votazioni :

PV 13/09/2011 - 5.2
Dichiarazioni di voto
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P7_TA(2011)0344

Testi approvati
PDF 200kWORD 52k
Martedì 13 settembre 2011 - Strasburgo
Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell'Unione europea (Frontex) ***I
P7_TA(2011)0344A7-0278/2011
Risoluzione
 Testo
 Allegato

Risoluzione legislativa del Parlamento europeo del 13 settembre 2011 sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio recante modifica del regolamento (CE) n. 2007/2004 del Consiglio che istituisce un'Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell'Unione europea (Frontex) (COM(2010)0061 – C7-0045/2010 – 2010/0039(COD))

(Procedura legislativa ordinaria: prima lettura)

Il Parlamento europeo,

–  vista la proposta della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio (COM(2010)0061),

–  visti l'articolo 294, paragrafo 2, l'articolo 74 e l'articolo 77, paragrafo 1, lettere b) e c), del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, a norma dei quali la proposta gli è stata presentata dalla Commissione (C7-0045/2010),

–  visto il parere della commissione giuridica sulla base giuridica proposta,

–  visti l'articolo 294, paragrafo 3, l'articolo 77, paragrafo 2, lettere b) e d), del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il parere motivato inviato dal Senato polacco, nel quadro del protocollo n. 2 sull'applicazione dei principi di sussidiarietà e di proporzionalità, in cui si dichiara la mancata conformità del progetto di atto legislativo al principio di sussidiarietà,

–  visto il parere del Comitato economico e sociale europeo del 15 luglio 2010(1),

–  visto l'impegno assunto dal rappresentante del Consiglio, con lettera del 7 luglio 2011, di approvare la posizione del Parlamento europeo, in conformità dell'articolo 294, paragrafo 4, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto l'articolo 55 del suo regolamento,

–  visti la relazione della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni e il parere della commissione per gli affari esteri (A7-0278/2011),

1.  adotta la posizione in prima lettura figurante in appresso;

2.  approva la sua dichiarazione allegata alla presente risoluzione;

3.  prende atto delle dichiarazioni della Commissione allegate alla presente risoluzione;

4.  chiede alla Commissione di presentargli nuovamente la proposta qualora intenda modificarla sostanzialmente o sostituirla con un nuovo testo;

5.  incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai parlamenti nazionali.

(1) GU C 44 dell'11.2.2011, pag. 162..


Posizione del Parlamento europeo definita in prima lettura il 13 settembre 2011 in vista dell'adozione del regolamento (UE) n. .../2011 del Parlamento europeo e del Consiglio recante modifica del regolamento (CE) n. 2007/2004 del Consiglio che istituisce un'Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell'Unione europea
P7_TC1-COD(2010)0039

(Dato l'accordo tra il Parlamento e il Consiglio, la posizione del Parlamento corrisponde all'atto legislativo finale, il regolamento (UE) n. 1168/2011)


ALLEGATO

Dichiarazione del Parlamento europeo

Il Parlamento europeo sottolinea che le istituzioni dell'Unione europea dovrebbero sforzarsi di usare nei testi legislativi una terminologia appropriata e neutra quando trattano la questione dei cittadini di paesi terzi la cui presenza nel territorio degli Stati membri non è stata autorizzata dalle rispettive autorità o non è più autorizzata. In casi di questo tipo le istituzioni dell'Unione europea non dovrebbero parlare di «immigrazione illegale» e di «migranti illegali», ma piuttosto di «immigrazione irregolare» e di «migranti irregolari».

Dichiarazione della Commissione sul controllo delle operazioni di rimpatrio

La Commissione si impegna a riferire annualmente al Parlamento europeo e al Consiglio in merito all'attuazione del controllo delle operazioni di rimpatrio di cui all'articolo 9, paragrafo [1 ter].

La relazione si baserà su tutte le informazioni pertinenti rese disponibili dall'agenzia, dal suo consiglio di amministrazione e dal forum consultivo istituito dal progetto di regolamento. In questo contesto va rilevato che il forum consultivo ha pieno accesso a tutte le informazioni relative al rispetto dei diritti fondamentali conformemente all'articolo 26 bis.

La relazione riserverà particolare attenzione all'applicazione dei «criteri obiettivi e trasparenti» che devono essere osservati durante le operazioni di rimpatrio effettuate dall'Agenzia Frontex.

La prima relazione annuale dovrebbe essere presentata entro la fine del 2012.

Dichiarazione della Commissione sull'istituzione di un sistema europeo di guardie di frontiera

La Commissione si impegna ad avviare uno studio di fattibilità concernente l'istituzione di un sistema europeo di guardie di frontiera, quale citato nel programma di Stoccolma, entro un anno dall'adozione del regolamento in esame. I risultati dello studio saranno integrati nella valutazione prevista dall'articolo 33, paragrafo 2bis del regolamento.

La Commissione si impegna altresì a vagliare la necessità di apportare una modifica tecnica al regolamento (CE) n. 863/2007 – che istituisce le squadre di intervento rapido alle frontiere – relativamente all'uso della denominazione «squadre di guardie di frontiera europee».

Note legali - Informativa sulla privacy