Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2019/2005(IMM)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A9-0023/2019

Testi presentati :

A9-0023/2019

Discussioni :

Votazioni :

PV 14/11/2019 - 5.1

Testi approvati :

P9_TA(2019)0051

Testi approvati
PDF 116kWORD 43k
Giovedì 14 novembre 2019 - Bruxelles
Richiesta di revoca dell'immunità di José Manuel Fernandes
P9_TA(2019)0051A9-0023/2019

Decisione del Parlamento europeo del 14 novembre 2019 sulla richiesta di revoca dell'immunità di José Manuel Fernandes (2019/2005(IMM))

Il Parlamento europeo,

–  vista la richiesta di revoca dell'immunità di José Manuel Fernandes, trasmessa il 26 novembre 2018 da parte della Sezione indagini e azioni penali di Porto, in relazione alla procedura prot. n. 1406/14.3TDPRT, e comunicata in Aula il 31 gennaio 2019,

–  avendo ascoltato José Manuel Fernandes, a norma dell'articolo 9, paragrafo 6, del suo regolamento,

–  visti gli articoli 8 e 9 del protocollo n. 7 sui privilegi e sulle immunità dell'Unione europea e l'articolo 6, paragrafo 2, dell'atto relativo all'elezione dei membri del Parlamento europeo a suffragio universale diretto, del 20 settembre 1976,

–  viste le sentenze pronunciate dalla Corte di giustizia dell'Unione europea il 12 maggio 1964, 10 luglio 1986, 15 e 21 ottobre 2008, 19 marzo 2010, 6 settembre 2011 e 17 gennaio 2013(1),

–  visto l'articolo 157 della Costituzione della Repubblica portoghese,

–  visti l'articolo 5, paragrafo 2, l'articolo 6, paragrafo 1, e l'articolo 9 del suo regolamento,

–  vista la relazione della commissione giuridica (A9-0023/2019),

A.  considerando che la Sezione indagini e azioni penali di Porto ha chiesto la revoca dell'immunità di José Manuel Fernandes, deputato al Parlamento europeo, in relazione a un'eventuale azione legale riguardante un presunto reato di condotta illecita, previsto e punibile ai sensi dell'articolo 11 della legge portoghese n. 34/87, del 16 luglio, che prevede una pena detentiva da due a otto anni;

B.  considerando che l'azione legale non riguarda opinioni o voti espressi dal deputato nell'esercizio delle funzioni di deputato al Parlamento europeo ai sensi dell'articolo 8 del protocollo n. 7 sui privilegi e sulle immunità dell'Unione europea;

C.  considerando che l'articolo 9 del protocollo n. 7 sui privilegi e sulle immunità dell'Unione europea stabilisce che i membri del Parlamento europeo beneficiano, sul loro territorio nazionale, delle immunità riconosciute ai membri del parlamento del loro paese;

D.  considerando che l'articolo 157, paragrafi 2 e 3 della Costituzione della Repubblica portoghese stabilisce che:

"2. I Deputati non possono essere ascoltati come testimoni né come imputati senza autorizzazione dell'Assemblea. La decisione di autorizzazione è obbligatoria, nel secondo caso, quando vi siano forti indizi che sia stato commesso un delitto doloso, cui corrisponda una pena detentiva con limite massimo superiore a tre anni.

3. Nessun Deputato può essere detenuto o arrestato senza autorizzazione dell'Assemblea, salvo che per delitti dolosi cui corrisponda la pena detentiva indicata nel paragrafo precedente e in flagranza di reato.";

E.  considerando che José Manuel Fernandes - da sindaco di Vila Verde e nell'esercizio delle sue funzioni, in collusione con altri - è indagato per presunta violazione dei principi generali delle norme in materia di appalti pubblici, in particolare i principi di imparzialità, neutralità, concorrenza e trasparenza, ponendo una società in posizione più favorevole rispetto ai suoi concorrenti, e presunta partecipazione alla preparazione preliminare e al completamento dei documenti necessari per la procedura di gara; che il 22 dicembre 2008 tale società ha ottenuto l'appalto;

F.  considerando che, secondo l'articolo 9, paragrafo 8 del regolamento, la commissione giuridica in nessun caso si pronuncia sulla colpevolezza o meno del deputato né sull'opportunità o meno di perseguire penalmente le opinioni o gli atti che gli sono attribuiti, anche qualora l'esame della richiesta abbia fornito alla commissione una conoscenza approfondita del merito della questione;

G.  considerando che, a norma dell'articolo 5, paragrafo 2, del regolamento, l'immunità parlamentare non è un privilegio personale del deputato, ma una garanzia di indipendenza del Parlamento in quanto istituzione e dei suoi membri;

H.  considerando che José Manuel Fernandes ha chiesto che gli sia revocata l'immunità; che spetta unicamente al Parlamento decidere, in un determinato caso, di revocare o meno l'immunità; che il Parlamento può ragionevolmente tener conto della posizione del deputato ai fini della decisione sull'opportunità di revocarne o meno l'immunità(2);

I.  considerando che l'immunità parlamentare è intesa a proteggere il Parlamento e i deputati che lo compongono da procedimenti penali relativi ad attività svolte nell'esercizio del mandato parlamentare e che non possono essere disgiunte da tale mandato;

J.  considerando che, in questo caso, il Parlamento ha riscontrato prova di fumus persecutionis, vale a dire elementi effettivi dai quali si evinca che l'intento alla base del procedimento giudiziario potrebbe essere quello di danneggiare l'attività politica di un deputato e di conseguenza il Parlamento europeo;

1.  decide di revocare l'immunità di José Manuel Fernandes;

2.  incarica il suo Presidente di trasmettere immediatamente la presente decisione e la relazione della sua commissione competente alle autorità portoghesi e a José Manuel Fernandes.

(1) Sentenza della Corte di giustizia del 12 maggio 1964, Wagner/Fohrmann e Krier, 101/63, ECLI:EU:C:1964:28; sentenza della Corte di giustizia del 10 luglio 1986, Wybot/Faure e altri, 149/85, ECLI:EU:C:1986:310; sentenza del Tribunale del 15 ottobre 2008, Mote/Parlamento, T-345/05, ECLI:EU:T:2008:440; sentenza della Corte di giustizia del 21 ottobre 2008, Marra/De Gregorio e Clemente, C-200/07 e C-201/07, ECLI:EU:C:2008:579; sentenza del Tribunale del 19 marzo 2010, Gollnisch/Parlamento, T-42/06, ECLI:EU:T:2010:102; sentenza della Corte di giustizia del 6 settembre 2011, Patriciello, C-163/10, ECLI: EU:C:2011:543; sentenza del Tribunale del 17 gennaio 2013, Gollnisch/Parlamento, T-346/11 e T-347/11, ECLI:EU:T:2013:23.
(2) Sentenza del Tribunale del 15 ottobre 2008, Mote/Parlamento, T-345/05, ECLI:EU:T:2008:440, punto 28.

Ultimo aggiornamento: 2 giugno 2020Note legali - Informativa sulla privacy