Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2019/2208(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A9-0238/2020

Testi presentati :

A9-0238/2020

Discussioni :

PV 14/12/2020 - 28
CRE 14/12/2020 - 28

Votazioni :

PV 16/12/2020 - 2
PV 17/12/2020 - 2

Testi approvati :

P9_TA(2020)0362

Testi approvati
PDF 170kWORD 56k
Giovedì 17 dicembre 2020 - Bruxelles
Attuazione della direttiva rimpatri
P9_TA(2020)0362A9-0238/2020

Risoluzione del Parlamento europeo del 17 dicembre 2020 sull'attuazione della direttiva rimpatri (2019/2208(INI))

Il Parlamento europeo,

–  vista la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, adottata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1948,

–  vista la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo,

–  vista la Convenzione europea dei diritti dell'uomo,

–  visti la Convenzione del 1951 e il Protocollo del 1967 relativi allo status dei rifugiati (la Convenzione di Ginevra), e in particolare il diritto al non respingimento,

–  vista la Carta dei diritti fondamentali dell'UE, in particolare gli articoli 1, 3, 4, 6, 7, 18, 19, 20 e 47,

–  visto il patto globale per una migrazione sicura, ordinata e regolare adottato dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 19 dicembre 2018,

–  visti i "Venti orientamenti sul rimpatrio forzato", adottati dal Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa il 4 maggio 2005,

–  vista la direttiva 2008/115/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, recante norme e procedure comuni applicabili negli Stati membri al rimpatrio di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare(1) (la "direttiva rimpatri"),

–  visto il regolamento (UE) 2018/1860 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 28 novembre 2018, relativo all'uso del sistema d'informazione Schengen per il rimpatrio di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare(2) ("rimpatrio SIS"),

–  visto il regolamento (UE) 2020/851 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 giugno 2020, che modifica il regolamento (CE) n. 862/2007, relativo alle statistiche comunitarie in materia di migrazione e di protezione internazionale(3),

–  viste le sentenze della Corte di giustizia dell'Unione europea relative alla direttiva 2008/115/CE, tra cui le cause C-357/09 Kadzoev(4), C-61/11 El Dridi(5), C-534/11 Arslan(6), C-146/14 Mahdi(7), C-554/13 Z. Zh.(8), C-47/15 Sélina Affum(9), C-82/16 K.A. e al.(10), nonché C-181/16 Gnandi(11),

–  viste le sentenze della Corte europea dei diritti dell'uomo relative alla direttiva 2008/115/CE, tra cui Amie e al./Bulgaria (ricorso n. 58149/08), N.D. e N.T./Spagna (ricorsi nn. 8675/15 e 8697/15) e Haghilo/Cipro (ricorso n. 47920/12),

–  vista la comunicazione della Commissione del 28 marzo 2014 sulla politica di rimpatrio dell'UE (COM(2014)0199),

–  vista la comunicazione della Commissione del 13 maggio 2015 che istituisce un'agenda europea in materia di migrazione (COM(2015)0240),

–   viste le conclusioni dei vertici del Consiglio europeo dell'ottobre 2016 e del giugno 2018,

–  viste le norme comuni non vincolanti del Consiglio dell'11 maggio 2016 per i Programmi di rimpatrio volontario assistito e reintegrazione attuate dagli Stati membri,

–  vista la comunicazione della Commissione del 2 marzo 2017 dal titolo "Per una politica dei rimpatri più efficace nell'Unione europea – un piano d'azione rinnovato" (COM(2017)0200),

–  vista la raccomandazione (UE) 2017/432 della Commissione, del 7 marzo 2017, per rendere i rimpatri più efficaci nell'attuazione della direttiva 2008/115/CE del Parlamento europeo e del Consiglio(12),

–  vista la raccomandazione della Commissione (UE) 2017/2338, del 16 novembre 2017, che istituisce un manuale comune sul rimpatrio che le autorità competenti degli Stati membri devono utilizzare nell'espletamento dei compiti connessi al rimpatrio(13),

–  vista la relazione di sintesi pubblicata dalla rete europea per le migrazioni nel 2017, dal titolo "The effectiveness of return in EU Member States: challenges and good practices linked to EU rules and standards" (L'efficacia del rimpatrio negli Stati membri dell'UE: sfide e buone pratiche correlate alle norme dell'Unione),

–  vista la proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 settembre 2018, presentata dalla Commissione, relativa a norme e procedure comuni applicabili negli Stati membri al rimpatrio di cittadini di paesi terzi soggiornanti illegalmente (rifusione) (COM(2018)0634),

–  vista la comunicazione della Commissione del 4 dicembre 2018 dal titolo "Gestire la migrazione sotto tutti gli aspetti: progressi compiuti nel quadro dell'Agenda europea sulla migrazione" (COM(2018)0798),

–  vista la comunicazione della Commissione del 16 aprile 2020 sulla COVID-19: linee guida sull'attuazione delle disposizioni dell'UE nel settore delle procedure di asilo e di rimpatrio e sul reinsediamento (C(2020)2516),

–  vista la sua risoluzione del 12 aprile 2016 sulla situazione nel Mediterraneo e la necessità di un approccio globale dell'UE in materia di immigrazione(14),

–  vista la sua risoluzione del 5 aprile 2017 su come far fronte ai movimenti di rifugiati e migranti: ruolo dell'azione esterna dell'UE(15);

–  vista la sua posizione del 13 marzo 2019 sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce il Fondo Asilo e migrazione(16),

—  vista la relazione speciale n. 24/2019 della Corte dei conti europea del novembre 2019, dal titolo "Asilo, ricollocazione e rimpatrio dei migranti: è ora di intensificare gli sforzi per ovviare alle disparità tra obiettivi e risultati",

–  vista la valutazione d'impatto sostitutiva pubblicata dal Servizio di ricerca del Parlamento europeo (EPRS) nel marzo 2019 sulla proposta di rifusione della direttiva rimpatri,

–  vista la valutazione europea dell'EPRS del giugno 2020, che fornisce una valutazione dell'attuazione della direttiva rimpatri e della dimensione esterna della medesima,

–  vista la relazione di valutazione di Frontex del 15 giugno 2020 sulle operazioni di rimpatrio effettuate nel secondo semestre del 2019,

–  vista la quarta relazione annuale del Centro europeo contro il traffico di migranti di Europol, pubblicata il 15 maggio 2020,

–  viste le relazioni sull'applicazione dell'acquis di Schengen nel settore del rimpatrio elaborate conformemente al regolamento (UE) n. 1053/2013 del Consiglio, del 7 ottobre 2013, che istituisce un meccanismo di valutazione e di controllo per verificare l'applicazione dell'acquis di Schengen e che abroga la decisione del comitato esecutivo del 16 settembre 1998 che istituisce una Commissione permanente di valutazione e di applicazione di Schengen(17),

–  vista la guida pratica del Consiglio d'Europa del 17 settembre 2019 dal titolo "Practical Guidance on Alternatives to Immigration Detention: Fostering Effective Results" (Guida pratica alle alternative al trattenimento dei migranti: come favorire risultati efficaci),

–  vista l'analisi del 7 dicembre 2017 del Comitato direttivo per i diritti dell'uomo (CDDH) del Consiglio d'Europa sugli aspetti legislativi e pratici delle alternative efficaci al trattenimento nell'ambito della migrazione,

–  visto l'accordo interistituzionale "Legiferare meglio" del 13 aprile 2016 tra il Parlamento europeo, il Consiglio dell'Unione europea e la Commissione europea(18),

–  vista la sua risoluzione del 30 maggio 2018 sull'interpretazione e l'applicazione dell'accordo interistituzionale "Legiferare meglio"(19),

–  visti l'articolo 54 del suo regolamento nonché l'articolo 1, paragrafo 1, lettera e) e l'allegato 3 della decisione della Conferenza dei presidenti del 12 dicembre 2002 sulla procedura relativa alla concessione dell'autorizzazione ad elaborare relazioni di iniziativa,

–  vista la relazione della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni (A9-0238/2020),

A.  considerando che la Commissione ha valutato l'attuazione della direttiva rimpatri soltanto una volta (nel 2014), nonostante l'obbligo giuridico stabilito dall'articolo 19 di tale direttiva di riferire in merito alla sua applicazione ogni tre anni, a partire dal 2013; che nel 2015 la Commissione ha pubblicato una comunicazione contenente un piano di azione per i rimpatri; che nel 2017 ha emesso una raccomandazione per rendere i rimpatri più efficaci in sede di attuazione della direttiva rimpatri e pubblicato un manuale per i rimpatri; che nel settembre 2018, senza effettuare alcuna valutazione d'impatto, la Commissione ha presentato una proposta di rifusione della direttiva per realizzare una politica in materia di rimpatrio più efficace e coerente; che la commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni (LIBE) del Parlamento europeo ha incaricato l'EPRS di fornire una valutazione d'impatto sostitutiva sulla rifusione proposta; che tale valutazione evidenzia la mancanza di prove a sostegno dell'assunto che la proposta di rifusione determinerebbe rimpatri più efficaci;

B.  considerando che il duplice obiettivo della direttiva rimpatri è stabilire norme comuni in materia di rimpatri efficaci che rispettino sia i diritti fondamentali, sia il principio di proporzionalità; che nella sua raccomandazione per rendere i rimpatri più efficaci, la Commissione si concentra sul tasso di rimpatri quale indicatore dell'efficacia della direttiva e raccomanda misure che possono determinare, come effetto indesiderato, quello di limitare determinate salvaguardie di tale direttiva, come il diritto di ricorso, e di avvalersi di periodi di trattenimento più lunghi; che i rimpatri sostenibili e il successo della reintegrazione sono indicatori importanti nella valutazione dell'efficacia dei rimpatri; che attualmente il monitoraggio post-rimpatrio non è sufficientemente completo e accurato; che sono emerse prove del fatto che non tutti i rimpatri sono sostenibili, soprattutto in relazione ai minori non accompagnati, a causa della mancanza di un piano di reinserimento personale o di un sostegno al momento del rimpatrio;

C.  considerando che la Commissione ha osservato che gli Stati membri si trovano ad affrontare numerosi ostacoli all'efficacia dei rimpatri, di natura procedurale, tecnica e operativa, tra cui il livello di cooperazione tra tutti gli attori coinvolti, non ultimi i paesi terzi; che l'identificazione dei rimpatriandi e la necessità di ottenere la documentazione necessaria dai paesi terzi costituiscono, per la Commissione, uno dei principali motivi del mancato rimpatrio;

D.  considerando che la mancanza di armonizzazione ha un impatto profondo sulle pratiche di rimpatrio tra gli Stati membri; che, dalle valutazioni effettuate dalla Commissione al momento della pubblicazione della raccomandazione per rendere i rimpatri più efficaci, è emerso che "il margine di discrezionalità lasciato agli Stati membri dalla direttiva rimpatri ha portato ad un recepimento incoerente nelle legislazioni nazionali, con un impatto negativo sull'efficacia della politica di rimpatrio dell'Unione" e che "un'attuazione più efficace di tale direttiva ridurrebbe le possibilità di sviamento delle procedure e eliminerebbe le inefficienze, garantendo nel contempo la tutela dei diritti fondamentali sanciti dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea";

E.  considerando che la Commissione, nel suo piano di azione sui rimpatri pubblicato nel 2015, ha espresso il parere che i rimpatri volontari siano, quando possibile, la soluzione da preferire; che, sempre secondo le stime della Commissione citate nel suddetto piano di azione, "si calcola che i rimpatri siano stati eseguiti per circa il 40 % con partenze volontarie, mentre nel 2009 questa percentuale era appena del 14 %; che, secondo le stime della Commissione, 300 000 persone l'anno non possono essere rimpatriate a causa di ostacoli amministrativi, problemi sanitari o il rischio di respingimento; che è opportuno affrontare la loro situazione, anche concedendo loro uno status giuridico per motivi umanitari;

F.  considerando che i dati relativi all'attuazione della direttiva rimpatri sono accessibili al pubblico tramite Eurostat, ma non sono in tutti i casi disaggregati e comparabili; che saranno rese disponibili maggiori informazioni a seguito dell'attuazione del regolamento (UE) 2018/1860 relativo all'uso del sistema d'informazione Schengen per il rimpatrio di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare ("rimpatrio SIS") e del regolamento (UE) 2020/851 che modifica il regolamento (CE) n. 862/2007 relativo alle statistiche comunitarie in materia di migrazione e di protezione internazionale;

G.  considerando che, tra il 2014 e il 2018, il numero di attraversamenti irregolari delle frontiere è diminuito da 1,82 milioni a 142 000; che nel 2019 gli Stati membri hanno rilasciato circa 3 milioni di primi permessi di soggiorno; che il numero di domande di asilo è sceso da 1,29 milioni nel 2015 a 698 000 nel 2019; che nel 2018 gli Stati membri hanno emesso 283 880 decisioni di rimpatrio e che, fra queste, 147 815 hanno dato luogo a effettivi rimpatri;

H.  considerando che gli Stati membri non condividono sistematicamente informazioni sulle decisioni di rimpatrio o sui divieti d'ingresso emessi, il che rende praticamente impossibile il reciproco riconoscimento delle decisioni di rimpatrio emesse dagli Stati membri e la loro applicazione a livello dell'Unione; che, al fine di aumentare l'efficienza delle riammissioni e garantire la coerenza dei rimpatri a livello europeo, gli accordi formali dell'UE dovrebbero prevalere sugli accordi bilaterali fra Stati membri e paesi terzi;

Osservazioni generali

1.  prende atto della mancanza di una valutazione dell'attuazione da parte della Commissione e invita quest'ultima a effettuare tale valutazione, che era prevista per il 2017, in conformità dell'articolo 19 della direttiva rimpatri e in linea con il principio "legiferare meglio";

2.  ribadisce l'importanza di un approccio comune basato su dati concreti per orientare un processo decisionale coerente e un dibattito pubblico ben informato, e invita la Commissione a sollecitare e sostenere gli Stati membri nella raccolta e nella pubblicazione di dati qualitativi e quantitativi relativi all'attuazione della direttiva rimpatri, con particolare riferimento ai dati sui divieti d'ingresso e sul trattenimento, in quanto si tratta di categorie di dati attualmente non raccolti da Eurostat, e avvalendosi in particolare dei nuovi strumenti disponibili, come il rimpatrio SIS e il regolamento (UE) 2020/851 che modifica il regolamento (CE) n. 862/2007 relativo alle statistiche comunitarie in materia di migrazione e di protezione internazionale; invita gli Stati membri a raccogliere quanto prima dati statistici sulla base del regolamento (UE) 2020/851 e a partecipare ai relativi studi pilota; constata con preoccupazione la mancanza di dati disponibili, tra cui dati disaggregati per genere ed età, relativi all'attuazione della direttiva rimpatri;

3.  è preoccupato per il fatto che dal 2015 il numero di decisioni di rimpatrio eseguite sia in diminuzione e osserva che tale numero non corrisponde necessariamente a un aumento o a una diminuzione degli ingressi irregolari; sottolinea che una politica di rimpatrio efficace è uno degli elementi fondamentali di una politica dell'UE in materia di asilo e di migrazione ben funzionante; prende atto che, secondo la dichiarazione della Commissione, il tasso di rimpatrio è sceso dal 46 % nel 2016 al 37 % nel 2017 e che ciò potrebbe non fornire un quadro completo, a causa del margine di discrezionalità intrinseco di cui dispongono gli Stati membri nell'attuazione della direttiva rimpatri, in particolare le difficoltà nella cooperazione con i paesi terzi, il fatto che alcuni Stati membri emettono più di una decisione di rimpatrio nei confronti di una persona, che le decisioni non vengono revocate qualora il rimpatrio non dovesse avere luogo per motivi umanitari, che alcune persone non sono rimpatriabili in quanto il loro rimpatrio violerebbe il principio di non respingimento, o che alcune persone rimpatriano volontariamente senza che il loro rimpatrio sia registrato; sottolinea che non tutte le decisioni di rimpatrio sono seguite da procedure di rimpatrio e di riammissione rapide, a causa di ostacoli pratici e legali, e prende atto con preoccupazione che ciò può mettere a dura prova non soltanto le infrastrutture locali, ma anche le persone coinvolte;

4.  condivide l'obiettivo della Commissione di migliorare l'effettiva attuazione della direttiva rimpatri e l'efficacia delle procedure di rimpatrio negli Stati membri; invita la Commissione ad avviare procedure di infrazione, ove ciò sia motivato; sottolinea che l'efficacia della direttiva rimpatri dovrebbe essere misurata facendo riferimento al tasso di rimpatrio come pure alla sostenibilità dei rimpatri e all'attuazione delle garanzie dei diritti fondamentali, al rispetto delle garanzie procedurali e all'efficacia dei rimpatri volontari; sottolinea che è opportuno migliorare e semplificare ulteriormente la misurazione dell'efficacia dell'attuazione della direttiva rimpatri fra gli Stati membri, in modo da rafforzare la trasparenza e la comparabilità dei dati;

5.  prende atto della dichiarazione della Commissione, secondo cui la mancata identificazione e riammissione dei rimpatriandi nei paesi terzi costituisce uno dei motivi principali del mancato rimpatrio; sottolinea la necessità di migliorare le relazioni con i paesi terzi in un dialogo costruttivo sulla migrazione basato sulla parità, in modo da garantire una cooperazione reciprocamente vantaggiosa finalizzata a rimpatri efficaci e sostenibili;

6.  prende atto dell'informalizzazione della cooperazione con i paesi terzi; invita gli Stati membri a sostenere la Commissione nella conclusione di accordi formali di riammissione dell'UE, che siano accompagnati da un controllo parlamentare e da una vigilanza giudiziaria a livello dell'UE; sottolinea che occorre offrire incentivi, anche finanziari, per facilitare la cooperazione; osserva che gli accordi bilaterali di riammissione utilizzati ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 3, della direttiva rimpatri non offrono garanzie procedurali adeguate, compresa la notifica all'interessato delle misure individuali e le informazioni sui mezzi di ricorso disponibili ed efficaci; osserva che gli Stati membri fanno fronte a sfide per garantire regolarmente la piena occupazione di tutti i posti disponibili per i rimpatriandi nelle operazioni di rimpatrio mediante voli charter coordinati da Frontex; prende atto con preoccupazione che, in alcuni casi, l'opzione di effettuare operazioni di rimpatrio Frontex congiunte è esclusa dagli accordi bilaterali tra gli Stati membri organizzatori o partecipanti e i paesi terzi di destinazione;

7.  sottolinea la necessità di una maggiore cooperazione in materia di rimpatri tra gli Stati membri, compresa la condivisione delle informazioni e l'applicazione della direttiva 2001/40/CE relativa al riconoscimento reciproco delle decisioni di allontanamento dei cittadini di paesi terzi, in linea con le garanzie relative ai diritti fondamentali; sottolinea la necessità di un sostegno, anche operativo, da parte delle agenzie competenti dell'Unione; sottolinea la necessità di una maggiore cooperazione tra gli Stati membri e Frontex;

8.  invita gli Stati membri ad assegnare capacità adeguate, anche in termini di risorse umane e di formazione sufficiente, alle autorità responsabili dell'adozione e dell'attuazione delle decisioni di rimpatrio, e in tal modo investire nella qualità di tali decisioni e della relativa attuazione;

9.  sottolinea l'importanza di procedure eque, rapide ed efficaci per il rimpatrio dei cittadini di paesi terzi che soggiornano illegalmente nel territorio dell'Unione, compresi quelli la cui domanda sia stata respinta, nel rispetto dei diritti fondamentali delle persone interessate;

Decisioni di rimpatrio e partenza volontaria

10.  sottolinea l'importanza di garantire nella direttiva rimpatri che i migranti rispettino le decisioni di rimpatrio e ricorda il principio chiave, sancito da tale direttiva, secondo cui dovrebbe essere attribuita priorità ai rimpatri volontari rispetto a quelli forzati laddove non vi siano seri motivi per ritenere che ciò possa compromettere le finalità di una procedura di rimpatrio, dal momento che i rimpatri volontari sono più sostenibili, meno costosi e complessi per gli Stati e più inclini a rispettare i diritti fondamentali degli interessati; chiede alla Commissione di continuare a considerare i rimpatri volontari come l'opzione da preferire ai rimpatri forzati e di incoraggiare gli Stati membri a elaborare un quadro efficace per l'accesso ai programmi di rimpatrio volontario;

11.  chiede alla Commissione di continuare a fornire fondi e aumentare le risorse a disposizione per i programmi di rimpatrio volontario assistito onde incentivarne l'utilizzo, con il fine ultimo di assicurare un rimpatrio e una reintegrazione sostenibili;

12.  sottolinea che, a norma dell'articolo 7 della direttiva rimpatri, una decisione di rimpatrio, in linea di principio, prevede un periodo sufficiente per una partenza volontaria, compreso tra i 7 e i 30 giorni, che gli Stati membri sono tenuti a prorogare laddove necessario, tenendo conto delle circostanze specifiche di ciascun caso; richiama l'attenzione sulle eccezioni di cui all'articolo 7, paragrafo 4, della direttiva rimpatri; osserva che i programmi nazionali degli Stati membri finalizzati ad assistere la partenza volontaria sono talvolta insufficienti in termini di portata e di mezzi; ricorda che gli Stati membri che offrono tale periodo di partenza volontaria solo a seguito di una domanda devono informare i cittadini dei paesi terzi interessati circa la possibilità di presentare tale domanda;

13.  accoglie con favore le disposizioni, in diversi Stati membri, che consentono di tenere debitamente conto delle circostanze individuali e di concedere proroghe al periodo di partenza volontaria; ricorda che, nei casi in cui la direttiva rimpatri impone agli Stati membri di posticipare l'allontanamento, ad esempio quando violerebbe il principio di non respingimento, l'articolo 14, paragrafo 2, della direttiva rimpatri impone agli Stati membri di fornire agli interessati una conferma scritta che la decisione di rimpatrio non sarà temporaneamente eseguita;

14.  sottolinea che una definizione ampia del rischio di fuga può condurre gli Stati membri ad astenersi dal concedere un periodo per la partenza volontaria; ricorda che la revoca del periodo per la partenza volontaria conduce anche all'imposizione di un divieto di ingresso, che potrebbe ulteriormente minare la partenza volontaria; sottolinea la necessità di una migliore attuazione dell'attuale quadro giuridico al fine di rafforzare i rimpatri volontari con esito positivo;

15.  invita gli Stati membri e Frontex a condividere informazioni e migliori pratiche in materia di rimpatri volontari positivi e dignitosi e a fornire assistenza operativa tra gli Stati membri, su richiesta, onde rafforzare e migliorare l'efficacia operativa dei rimpatri volontari;

16.  sottolinea l'importanza di garantire una gestione e un'assistenza dei singoli casi, adattate alle singole circostanze e prospettive del rimpatriando, prestando particolare attenzione ai minori non accompagnati;

Salvaguardie procedurali

17.  sottolinea che la direttiva rimpatri prevede che le decisioni di rimpatrio, nonché quelle di divieto d'ingresso e le decisioni di allontanamento siano ad hoc, chiaramente motivate in fatto e in diritto, formulate per iscritto e corredate delle informazioni relative ai mezzi di ricorso disponibili e alle pertinenti scadenze; evidenzia che è importante che tali informazioni siano fornite in una lingua comprensibile per la persona interessata; manifesta preoccupazione per la mancanza di dettagli e di motivazioni adeguati nelle decisioni di rimpatrio;

18.  ritiene che i minori non accompagnati non debbano essere rimpatriati, a meno che non sia possibile dimostrare che detto rimpatrio sia nell'interesse del minore, e che i minori dovrebbero essere informati con modalità consone alla loro età e in una lingua comprensibile in merito ai loro diritti e alle possibilità di ricorso di cui dispongono;

19.  ricorda che il principio di non respingimento è vincolante per gli Stati membri in ogni circostanza, anche per le procedure di rimpatrio che non rientrano nel campo di applicazione della direttiva rimpatri;

20.  riconosce che il diritto di ricorso varia notevolmente da uno Stato membro all'altro, in particolare per quanto riguarda il tipo di organo di ricorso e i termini di presentazione; sottolinea la necessità di garantire il diritto a un ricorso efficace, anche fornendo informazioni adeguate e accessibili e assistenza legale, nonché risorse finanziarie adeguate per l'assistenza legale;

21.  osserva che il ricorso alla clausola facoltativa di cui all'articolo 2, paragrafo 2, lettera a) può condurre a un'applicazione minore delle garanzie alle frontiere rispetto alla normale procedura di rimpatrio; esorta pertanto gli Stati membri ad assicurare garanzie procedurali e il rispetto dei diritti umani alle frontiere e ad applicare la direttiva rimpatri alle situazioni frontaliere;

22.  evidenzia che la direttiva rimpatri consente la sospensione temporanea dell'esecuzione di un allontanamento in attesa della revisione di una decisione relativa al rimpatrio; sottolinea la necessità di garantire tale sospensione nei casi in cui vi sia il rischio di respingimento; osserva che, nella maggior parte dei paesi, il ricorso contro i rimpatri non ha automaticamente effetto sospensivo, il che può ridurre la protezione; evidenzia che un rimedio sospensivo automatico garantirebbe che le persone non siano rimpatriate prima della decisione definitiva; sottolinea che l'interesse superiore del minore deve essere la considerazione preminente di tutte le decisioni relative ai minori, comprese le decisioni in sospeso relative al rimpatrio;

23.  ricorda che l'articolo 6, paragrafo 4, della direttiva rimpatri offre agli Stati membri la possibilità di concedere un permesso di soggiorno autonomo per gravi motivi familiari, umanitari o altri, ai cittadini di paesi terzi che soggiornano irregolarmente nel loro territorio; sottolinea l'importanza di esaurire con successo le opzioni previste dalla direttiva rimpatri per applicare le decisioni di rimpatrio, evidenziando il rimpatrio volontario; osserva, tuttavia, che il ricorso all'articolo 6, paragrafo 4, della direttiva rimpatri è limitato e incoraggia gli Stati membri a estendere l'utilizzo di tale clausola; esprime preoccupazione per il fatto che gli Stati membri non siano in grado di rilasciare un permesso di soggiorno temporaneo nei casi in cui il rimpatrio risulta impossibile, il che impedisce spesso ai migranti che non possono essere rimpatriati di godere dei loro diritti fondamentali; sottolinea che la concessione di permessi di soggiorno a coloro che non possono ritornare nel proprio paese di origine potrebbe contribuire a prevenire il protrarsi dei soggiorni irregolari, ridurre la vulnerabilità allo sfruttamento del lavoro, agevolare l'inclusione sociale degli individui interessati e far sì che essi apportino il loro contributo alla società; osserva che ciò contribuirebbe anche a far uscire le persone dal limbo amministrativo in cui potrebbero essere bloccate; sottolinea, al contempo, che il coordinamento all'interno dell'Unione è necessario al fine di impedire ulteriori movimenti irregolari di persone per cui è stata emessa una decisione di rimpatrio;

Divieti d'ingresso

24.  nota con preoccupazione la diffusa imposizione automatica di divieti di ingresso che, in taluni Stati membri, sono applicati congiuntamente alla partenza volontaria; sottolinea che tale approccio rischia di disincentivare i rimpatri volontari; invita gli Stati membri a rispettare l'obbligo della direttiva rimpatri di prendere in considerazione la revoca o la sospensione del divieto nel caso in cui un cittadino di un paese terzo possa dimostrare di aver lasciato il territorio di uno Stato membro;

25.  osserva che la situazione di una persona può variare durante il periodo imposto da un divieto d'ingresso e che una persona può trovarsi a rischio di persecuzione nel paese in cui è stata rimpatriata; invita gli Stati membri a revocare in tali casi il divieto d'ingresso sulla base di considerazioni umanitarie; ribadisce che il divieto d'ingresso non dovrebbe essere applicato automaticamente, ma dovrebbe piuttosto basarsi su una valutazione individuale; invita gli Stati membri a predisporre procedure efficaci per richiedere la revoca del divieto d'ingresso, che garantiscano una valutazione individuale, tengano debitamente conto dell'interesse superiore del minore, del diritto alla vita familiare e al ricongiungimento familiare e rispettino il principio di proporzionalità;

26.  osserva che, sebbene la minaccia di imposizione di un divieto d'ingresso possa agire da incentivo a lasciare il paese entro il periodo per la partenza volontaria, i divieti d'ingresso, una volta imposti, possono disincentivare a rispettare una decisione di rimpatrio e possono accrescere il rischio di fuga; invita gli Stati membri a prendere in considerazione l'imposizione tempestiva di divieti d'ingresso per eseguire con successo le decisioni di rimpatrio; sottolinea che la direttiva prevede norme che consentono di revocare i divieti d'ingresso e invita gli Stati membri a farne uso quando necessario;

27.  sottolinea che i divieti d'ingresso possono comportare conseguenze sproporzionate in particolare per le famiglie e i minori; si compiace dell'opzione introdotta da alcuni Stati membri di esentare i minori dall'imposizione di qualsivoglia divieto d'ingresso, ma sottolinea che gli interessi dei minori dovrebbero essere presi in considerazione in via prioritaria nell'ambito della decisione di imporre un divieto d'ingresso ai loro genitori o di revocarlo; invita gli Stati membri a garantire il ricongiungimento familiare e il rispetto del diritto alla vita familiare, anche applicando tale principio come base per astenersi dall'imporre divieti d'ingresso;

Trattenimento e rischio di fuga

28.  ricorda che l'articolo 3, paragrafo 7, della direttiva rimpatri stabilisce che il "rischio di fuga" indica l'esistenza, in un caso individuale, di motivi basati su criteri obiettivi definiti dalla legge per ritenere che un cittadino di un paese terzo oggetto di una procedura di rimpatrio possa tentare la fuga; prende atto delle differenze di recepimento negli ordinamenti nazionali della definizione di "rischio di fuga"; sottolinea che per conformarsi all'articolo 3, paragrafo 7, della direttiva rimpatri, è necessario tenere in debita considerazione le circostanze individuali della persona coinvolta nell'individuare un rischio di fuga che giustifica il trattenimento;

29.  esprime preoccupazione per il fatto che la legislazione di diversi Stati membri comprenda elenchi dettagliati e talvolta divergenti di "criteri oggettivi" per la definizione del rischio di fuga, tra cui un criterio generico quale la mancanza di denaro; è preoccupato per il fatto che le diverse definizioni di criteri oggettivi per la valutazione del rischio di fuga nella legislazione nazionale degli Stati membri possano comportare un'applicazione incoerente del trattenimento in tutta l'Unione; deplora che questi criteri siano spesso applicati in maniera più o meno automatica, mentre le circostanze individuali sono marginalmente prese in considerazione; sottolinea che ciò ha comportato l'imposizione sistematica del trattenimento in molti Stati membri; sottolinea la necessità di armonizzare la definizione e l'attuazione di criteri obiettivi per stabilire il rischio di fuga;

30.  sottolinea che, in linea con il diritto internazionale dei diritti umani, il trattenimento deve rimanere una misura di ultima istanza, deve essere previsto dalla legge ed essere necessario, ragionevole e proporzionato agli obiettivi da conseguire e deve durare il più breve tempo possibile; evidenzia altresì che la decisione di imporre una misura detentiva deve sempre basarsi su una valutazione delle singole circostanze, che prenda in considerazione i singoli interessi delle persone interessate;

31.  ribadisce che un trattenimento più lungo non aumenta automaticamente le possibilità di rimpatrio ed è generalmente più costoso rispetto alle alternative e aggiunge che gli Stati non dovrebbero fare automaticamente affidamento sul periodo massimo consentito dalla direttiva rimpatri e dovrebbero altresì garantire che siano soddisfatte tutte le condizioni per un trattenimento legittimo durante tutto il periodo detentivo;

32.  osserva che la direttiva rimpatri stabilisce in quali circostanze i rimpatriandi possono essere legalmente trattenuti; rileva che il trattenimento è possibile solo se altre misure sufficienti ma meno coercitive non possono essere applicate efficacemente in un caso specifico; si rammarica del fatto che in pratica gli Stati membri sviluppano e adottano poche alternative praticabili al trattenimento; invita gli Stati membri a offrire, con urgenza, valide alternative al trattenimento basate sulle comunità, che hanno un impatto meno negativo sui migranti, in particolare sui minori e sui soggetti vulnerabili; sollecita gli Stati membri a riferire in merito alle misure adottate in alternativa al trattenimento;

33.  ricorda che gli Stati membri dovrebbero rispettare i mandati degli organismi nazionali e internazionali pertinenti e competenti, quali gli istituti nazionali per i diritti umani, i difensori civici e i meccanismi di prevenzione nazionali, che effettuano un controllo indipendente delle condizioni di detenzione;

34.  osserva che un consistente numero di minori è ancora trattenuto nell'Unione europea nel quadro delle procedure di rimpatrio; concorda con il Comitato delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo, il quale ha chiarito che i minori non dovrebbero mai essere detenuti per motivi connessi all'immigrazione e il trattenimento non può mai essere giustificato come misura adottata nell'interesse superiore del minore, anche in linea con la Dichiarazione di New York sui rifugiati e i migranti del 19 settembre 2016; invita gli Stati membri a fornire alternative adeguate, umane e non detentive al trattenimento;

35.  invita la Commissione a garantire che gli Stati membri e Frontex dispongano di organismi di monitoraggio che beneficino di un mandato, di una capacità e di competenze adeguati, nonché di un elevato livello di indipendenza, conoscenze specialistiche e procedure trasparenti; sottolinea che il monitoraggio dei rimpatri dovrebbe includere tutte le fasi delle operazioni di rimpatrio, con risorse adeguate; invita la Commissione e gli Stati membri ad avvalersi degli organismi di monitoraggio indipendenti esistenti, quali le organizzazioni nazionali e internazionali e gli istituti nazionali per i diritti umani, cooperando con loro o designandoli come sistemi di monitoraggio dei rimpatri forzati; esorta la Commissione a garantire l'istituzione di un meccanismo di monitoraggio successivo al rimpatrio per conoscere la sorte delle persone rimpatriate, ove possibile sul piano giuridico e pratico, prestando particolare attenzione ai gruppi vulnerabili, tra cui i minori non accompagnati e le famiglie; invita gli Stati membri a effettuare adeguati trasferimenti dei servizi di protezione dei minori tra le autorità nazionali per garantire che i minori rimpatriati ricevano assistenza e abbiano accesso ai servizi nazionali preposti alla loro tutela; sottolinea la necessità di dare seguito ai piani di reinserimento dei rimpatriandi per garantire l'efficacia dell'attuazione; invita la Commissione ad agevolare lo scambio di buone pratiche tra gli Stati membri per quanto concerne il monitoraggio post-rimpatrio e a stanziare fondi sufficienti a tale scopo;

36.  invita gli Stati membri a garantire che la direttiva rimpatri sia correttamente attuata in ogni suo aspetto; sollecita la Commissione a continuare a monitorarne l'attuazione e a intervenire in caso di inadempienza;

o
o   o

37.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio e alla Commissione.

(1) GU L 348 del 24.12.2008, pag. 98.
(2) GU L 312 del 7.12.2018, pag. 1.
(3) GU L 198 del 22.6.2020, pag. 1.
(4) ECLI: UE: C 2009:741.
(5) ECLI: UE: C 2011:268.
(6) ECLI: UE: C 2013:343.
(7) ECLI: UE: C 2014:1320.
(8) ECLI: UE: C 2015:377.
(9) ECLI: UE: C 2016:408.
(10) ECLI: UE: C 2018:308.
(11) ECLI: UE: C 2018:465.
(12) GU L 66 dell'11.3.2017, pag. 15.
(13) GU L 339 del 19.12.2017, pag. 83.
(14) GU C 58 del 15.2.2018, pag. 9.
(15) GU C 298 del 23.8.2018, pag. 39.
(16) Testi approvati, P8_TA(2019)0175.
(17) GU L 295 del 6.11.2013, pag. 27.
(18) GU L 123 del 12.5.2016, pag. 1.
(19) GU C 76 del 9.3.2020, pag. 86.

Ultimo aggiornamento: 16 marzo 2021Note legali - Informativa sulla privacy