Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2020/2913(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

RC-B9-0432/2020

Discussioni :

PV 17/12/2020 - 8.2
CRE 17/12/2020 - 8.2

Votazioni :

Testi approvati :

P9_TA(2020)0375

Testi approvati
PDF 140kWORD 52k
Giovedì 17 dicembre 2020 - Bruxelles
Lavoro forzato e situazione degli uiguri nella regione autonoma uigura dello Xinjiang
P9_TA(2020)0375RC-B9-0432/2020

Risoluzione del Parlamento europeo del 17 dicembre 2020 sul lavoro forzato e la situazione degli uiguri nella regione autonoma uigura dello Xinjiang (2020/2913(RSP))

Il Parlamento europeo,

–  viste le sue precedenti risoluzioni e relazioni sulla situazione in Cina, segnatamente quelle del 19 dicembre 2019 sulla situazione degli uiguri in Cina ("China Cables")(1), del 18 aprile 2019 sulla Cina, in particolare la situazione delle minoranze religiose ed etniche(2), del 4 ottobre 2018 sulla detenzione di massa arbitraria di uiguri e kazaki nella regione autonoma uigura dello Xinjiang(3), del 12 settembre 2018 sullo stato delle relazioni UE-Cina(4), del 15 dicembre 2016 sui casi dell'accademia buddista tibetana Larung Gar e di Ilham Tohti(5), del 10 marzo 2011 sulla situazione e il patrimonio culturale a Kashgar (regione autonoma uigura dello Xinjiang, Cina)(6) e del 26 novembre 2009 sulla situazione in Cina: diritti delle minoranze e applicazione della pena di morte(7),

–  vista la sua risoluzione del 26 novembre 2020 sulla revisione della politica commerciale dell'UE(8),

–  visto il conferimento del premio Sacharov 2019 a Ilham Tohti, un economista uiguro impegnato nella lotta pacifica per i diritti della minoranza uigura in Cina,

–  visto il regolamento (UE) 2020/1998 del Consiglio(9) e la decisione (PESC) 2020/1999 del Consiglio, del 7 dicembre 2020, relativa a misure restrittive contro gravi violazioni e abusi dei diritti umani(10),

–  viste le osservazioni del vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza (VP/AR) Josep Borrell a seguito del Consiglio "Affari esteri" del 7 dicembre 2020,

–  viste le conclusioni del Consiglio del 1° dicembre 2020 sui diritti umani e il lavoro dignitoso nelle catene di approvvigionamento globali,

–  viste le osservazioni formulate dal Presidente del Consiglio Charles Michel a seguito della riunione dei leader UE-Cina del 14 settembre 2020,

–  vista la dichiarazione congiunta del Presidente Michel e della Presidente von der Leyen sulla difesa degli interessi e dei valori dell'UE in un partenariato complesso e vitale, a seguito del 22º vertice UE-Cina tenutosi il 22 giugno 2020,

–  visto l'appello rivolto dagli esperti delle Nazioni Unite il 26 giugno 2020 a favore di misure decisive per proteggere le libertà fondamentali in Cina,

–  vista la dichiarazione congiunta del 21o vertice UE-Cina del 9 aprile 2019,

–  vista la comunicazione congiunta della Commissione e del vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, del 12 marzo 2019, dal titolo "UE-Cina – Una prospettiva strategica" (JOIN(2019)0005),

–  visti gli orientamenti dell'UE sulla promozione e la tutela della libertà di religione o di credo, adottati dal Consiglio "Affari esteri" il 24 giugno 2013,

–  vista la dichiarazione del portavoce del Servizio europeo per l'azione esterna sulla situazione nello Xinjiang, del 26 ottobre 2018,

–  vista la comunicazione congiunta della Commissione e dell'alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, del 12 marzo 2019, dal titolo "UE-Cina – Una prospettiva strategica" (JOIN(2019)0005),

–  vista la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, che stabilisce che "nessuno può essere tenuto in condizioni di schiavitù o servitù" e che "nessuno può essere costretto a compiere un lavoro forzato o obbligatorio",

–  visto il quadro strategico e piano di azione dell'UE per i diritti umani e la democrazia, del 25 giugno 2012, che pone la tutela e la promozione dei diritti umani al centro di tutte le politiche dell'UE,

–  visti gli orientamenti dell'UE sulla pena di morte, sulla tortura e altri trattamenti crudeli, sulla libertà di espressione online e offline e sui difensori dei diritti umani,

–  visti l'articolo 36 della Costituzione della Repubblica popolare cinese, che garantisce a tutti i cittadini il diritto alla libertà di confessione religiosa, e l'articolo 4, che difende i diritti dei gruppi etnici minoritari,

–  visto il Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici del 16 dicembre 1966, che la Cina ha firmato nel 1998, ma non ha mai ratificato,

–  visto il protocollo del 2014 della convenzione sul lavoro forzato dell'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) del 1930, che non è stato firmato dalla Cina,

–  visti i principi guida delle Nazioni Unite in materia di imprese e diritti umani del 2011,

–  viste le relazioni dell'Australian Strategic Policy Institute (ASPI) dal titolo "Uyghurs for sale – "Re-education", forced labour and surveillance beyond Xinjiang" (Uiguri in vendita - "rieducazione", lavori forzati e sorveglianza oltre lo Xinjiang) e "Cultural erasure – Tracing the destruction of Uyghur and Islamic spaces in Xinjiang" (Cancellazione culturale - Analisi della distruzione degli spazi uiguri e islamici nello Xinjiang), pubblicate nel 2020, come pure il suo "Xinjiang Data Project" (Progetto sulla raccolta dati nello Xinjiang),

–  vista la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo del 1948,

–  visti l'articolo 144, paragrafo 5, e l'articolo 132, paragrafo 4, del suo regolamento,

A.  considerando che la promozione e il rispetto dei diritti umani, della democrazia e dello Stato di diritto dovrebbero rimanere al centro delle relazioni di lunga data tra l'UE e la Cina, conformemente all'impegno dell'UE per la difesa di questi valori nella sua azione esterna e all'interesse manifestato dalla Cina ad aderire a essi nell'ambito della sua cooperazione allo sviluppo e internazionale;

B.  considerando che la situazione nello Xinjiang, dove vivono più di 10 milioni di uiguri musulmani e di kazaki, è peggiorata rapidamente, in particolare da quando nel 2014 è stata lanciata una campagna del governo cinese di dura lotta contro il terrorismo violento e che gli uiguri e altre minoranze etniche prevalentemente musulmane della regione autonoma uigura dello Xinjiang sono stati soggetti a detenzione arbitraria, tortura e gravi restrizioni culturali e della pratica del loro culto, nonché a un sistema digitale di sorveglianza così invasivo da controllare ogni aspetto della loro vita quotidiana mediante telecamere per il riconoscimento facciale, scansione dei telefoni cellulari, raccolta, aggregazione e trattamento illegali di dati personali su vasta scala e una presenza delle forze di polizia massiccia e intrusiva; che vi è stato un generale rafforzamento del regime cinese e un inasprimento del trattamento delle minoranze, in particolare degli uiguri, dei tibetani e dei mongoli, con l'obiettivo di assimilarle attraverso l'imposizione dello stile di vita della maggioranza cinese e dell'ideologia comunista; che le piattaforme di polizia predittiva, come la piattaforma operativa congiunta integrata, sono state ampiamente utilizzate dalla polizia per rintracciare persone sospette sulla base di comportamenti quotidiani, leciti e non violenti;

C.  considerando che, secondo fonti attendibili, più di un milione di persone, sono o sono state detenute nei cosiddetti centri di "rieducazione politica", in quella che è la più grande detenzione di massa di una minoranza etnica finora mai attuata a livello mondiale; che il sistema dei campi di internamento nella regione autonoma uigura dello Xinjiang è in espansione, con oltre 380 sospetti centri di detenzione che sono stati costruiti o ampliati a partire dal 2017 e almeno 61 centri di detenzione costruiti o ampliati tra luglio 2019 e luglio 2020;

D.  considerando che la sofferenza degli uiguri si estende anche alla generazione più giovane; che, secondo quanto riferito, bambini piccoli sono stati mandati in orfanotrofi gestiti dallo Stato anche se solo uno dei loro genitori è detenuto nei campi di internamento; che, secondo i risultati delle ricerche, alla fine del 2019 oltre 880 000 bambini uiguri erano stati collocati in centri di accoglienza; che ricerche affidabili mostrano che le autorità cinesi hanno attuato un programma ufficiale di misure mirate di prevenzione delle nascite nei confronti delle donne uigure nel tentativo di ridurre il tasso di natalità uigura; che, nell'ambito di tale programma, le autorità cinesi sottopongono sistematicamente le donne uigure in età fertile ad aborti forzati, iniezioni intrauterine e sterilizzazioni e che l'80 % di tutti i nuovi impianti di dispositivi intrauterini in Cina nel 2018 sono stati eseguiti nella regione uigura, la cui popolazione rappresenta soltanto l'1,8 % della popolazione totale del paese; che tali misure di controllo delle nascite tra la popolazione uigura potrebbero soddisfare tutti criteri per rientrare tra i peggiori crimini contro l'umanità;

E.  considerando che nell'agosto 2018 il Comitato delle Nazioni Unite per l'eliminazione della discriminazione razziale ha contestato il governo della Repubblica popolare cinese per gli abusi nello Xinjiang, compresa l'istituzione di campi di detenzione arbitraria di massa; che nel settembre 2018, durante il suo primo discorso pronunciato in veste di Alta commissaria delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet ha preso atto delle inquietanti accuse di detenzioni arbitrarie su larga scala di uiguri e di altre comunità musulmane nei cosiddetti campi di rieducazione nello Xinjiang;

F.  considerando che le nuove disposizioni in materia di religione in Cina, entrate in vigore il 1° febbraio 2018, si presentano più restrittive nei confronti delle attività e dei gruppi religiosi, costringendoli ad allinearsi maggiormente alla politica del partito; che la libertà di religione e di coscienza ha toccato un nuovo minimo storico dall'avvio delle riforme economiche e del processo di apertura della Cina della fine degli anni Settanta; che la Cina è uno dei paesi con il maggior numero di persone detenute per motivi religiosi; che segnalazioni affidabili hanno rivelato la distruzione deliberata e sistematica di moschee, chiese e altri luoghi di culto, prevalentemente dopo il 2017, il che ha ridotto il numero di tali luoghi al livello più basso dalla rivoluzione culturale;

G.  considerando che la Cina non ha ancora ratificato quattro delle otto convenzioni fondamentali dell'OIL, segnatamente la convenzione n. 87 sulla libertà sindacale e la protezione del diritto sindacale, la convezione n. 98 sul diritto di organizzazione e di negoziazione collettiva, la convenzione n. 29 sul lavoro forzato e la convenzione n. 105 sull'abolizione del lavoro forzato; che la Cina ha ratificato la convenzione n. 111 sulla discriminazione (impiego e professione) e la convenzione n. 100 sull'uguaglianza retributiva; che gli accordi OMC consentono l'adozione di misure commerciali relative ai prodotti del lavoro carcerario;

H.  considerando che, parallelamente alla campagna di lotta dura al terrorismo violento, dal 2014 sono aumentati i programmi di trasferimento di manodopera, il che fa ipotizzare che siano diventati una priorità politica per il governo cinese come strumento di riduzione della povertà nella regione autonoma uigura dello Xinjiang; che sono numerose le denunce credibili di lavoro forzato degli uiguri nelle catene di produzione dei settori dell'abbigliamento, della tecnologia e dell'automobile, tra cui la relazione del marzo 2020 dell'ASPI, che ha individuato 27 fabbriche in nove province cinesi che utilizzano il lavoro di almeno 80 000 uiguri trasferiti dallo Xinjiang tra il 2017 e il 2019; che tali fabbriche riforniscono almeno 82 marchi globali, compresi quelli di proprietà di molte multinazionali europee;

I.  considerando che la Cina è uno dei maggiori produttori di cotone al mondo e che la regione autonoma uigura dello Xinjiang rappresenta oltre il 20 % della produzione mondiale di cotone; che la Cina è il maggiore produttore ed esportatore di filati e il maggiore produttore ed esportatore di prodotti tessili e di abbigliamento; che il governo cinese prevede di raddoppiare la capacità produttiva nella regione uigura entro il 2025 e che l'abbigliamento e i tessili costituiscono un elemento chiave di tale piano; che solo tre regioni uigure hanno mobilitato almeno 570 000 persone per le operazioni di raccolta di cotone attraverso il programma coercitivo di formazione e trasferimento di manodopera del governo nel solo 2018; che il trasferimento totale di manodopera delle minoranze etniche dallo Xinjiang per la raccolta del cotone è probabilmente superiore a tale cifra di diverse centinaia di migliaia, rendendo il lavoro forzato una caratteristica intrinseca e generalizzata della raccolta del cotone nella regione autonoma uigura dello Xinjiang; che l'84 % del cotone cinese proviene dalla regione autonoma uigura dello Xinjiang, il che significa che i filati, i tessuti e gli indumenti prodotti con cotone cinese presentano un rischio straordinariamente elevato di essere macchiati dal lavoro forzato e carcerario, siano essi prodotti in Cina o dovunque nel mondo;

J.  considerando che, secondo quanto riferito, oltre 80 società internazionali di marca traggono profitto, direttamente o indirettamente, dal lavoro forzato uiguro nelle loro catene di approvvigionamento; che l'attuale contesto di oppressione impedisce lo svolgimento di indagini e audit indipendenti nella regione uigura;

K.  considerando che le imprese non dispongono di mezzi affidabili per verificare che i luoghi di lavoro nella regione autonoma uigura dello Xinjiang siano esenti dal lavoro forzato o per impedire il ricorso al lavoro forzato in tali luoghi di lavoro in linea con i principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani e con le norme in materia di dovere di diligenza in materia di diritti umani;

L.  considerando che, ai sensi dell'attuale legislazione dell'UE (a livello unionale o nazionale), le imprese non hanno alcuna responsabilità giuridica di intervenire per evitare di contribuire alle violazioni dei diritti umani nelle loro catene di approvvigionamento; che la direttiva dell'UE sulla comunicazione di informazioni di carattere non finanziario impone alle imprese un obbligo di comunicazione, ma non impone loro di adottare misure per prevenire danni nelle loro catene di approvvigionamento e non prevede che esse siano ritenute responsabili;

M.  considerando che, in occasione della sua audizione in seno alla commissione per il commercio internazionale, il vicepresidente esecutivo Dombrovskis ha indicato che la lotta al lavoro forzato è una priorità per l'UE e che, anche nel quadro dell'accordo globale UE-Cina sugli investimenti, gli investimenti dell'UE dovranno rispettare le pertinenti convenzioni dell'OIL sul lavoro forzato;

N.  considerando che la sua commissione giuridica sta attualmente lavorando a un'iniziativa dal titolo "dovere di diligenza e responsabilità delle imprese"; che il 1º dicembre 2020 il Consiglio ha pubblicato le sue conclusioni sui diritti umani e il lavoro dignitoso nelle catene di approvvigionamento globali, in cui si invita la Commissione a presentare una proposta relativa a un quadro giuridico dell'UE in materia di governo societario sostenibile, che comprenda obblighi intersettoriali in materia di dovere di diligenza delle imprese lungo le catene di approvvigionamento globali; che la Commissione ha annunciato che presenterà una proposta legislativa sul "governo societario sostenibile" nel secondo trimestre del 2021, che affronterà la necessità del dovere di diligenza in materia di diritti umani in tutte le catene del valore;

O.  considerando che il Consiglio ha adottato una decisione e un regolamento che istituiscono il regime globale di sanzioni dell'UE in materia di diritti umani che consente all'UE di imporre misure restrittive nei confronti di individui, entità e organismi mirati, compresi attori statali e non statali, responsabili di gravi violazioni e abusi dei diritti umani, tra cui la schiavitù, in tutto il mondo o coinvolti in tali atti e i loro associati;

P.  considerando che nel 2019 il Congresso degli Stati Uniti ha approvato una legge sulla politica in materia di diritti umani degli uiguri; che il 22 settembre 2020 la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha adottato la legge sulla prevenzione del lavoro forzato uiguro che impone varie restrizioni relative alla regione autonoma uigura dello Xinjiang, tra l'altro vietando determinate importazioni dallo Xinjiang e imponendo sanzioni alle persone e alle entità responsabili di violazioni dei diritti umani in tale regione;

Q.  considerando che la Cina ha compiuto progressi in campo economico e sociale, ma è gravemente carente per quanto riguarda il rispetto delle norme internazionali fondamentali in materia di diritti umani e libertà fondamentali;

R.  considerando che, nell'ambito del suo quadro strategico sui diritti umani e la democrazia, l'UE si è impegnata a intensificare gli sforzi per promuovere i diritti umani, la democrazia e lo Stato di diritto in tutti gli aspetti della sua azione esterna e a porre i diritti umani al centro delle sue relazioni con tutti i paesi terzi, compresi i suoi partner strategici;

1.  condanna fermamente il sistema di lavoro forzato gestito dallo Stato, in particolare lo sfruttamento di uiguri, di persone di etnia kazaka e kirghisa e di altri gruppi minoritari musulmani, in fabbriche ubicate sia all'interno che all'esterno dei campi di internamento nello Xinjiang, nonché il trasferimento di lavoratori forzati ad altre divisioni amministrative cinesi, nonché il fatto che ben noti marchi e imprese europei abbiano beneficiato del ricorso al lavoro forzato; invita gli attori interessati del settore privato a valutare i loro impegni nello Xinjiang, a esercitare la loro responsabilità sociale d'impresa, a condurre audit indipendenti sul rispetto dei diritti umani nell'intera catena di approvvigionamento e a porre fine alle loro relazioni commerciali qualora risulti che queste contribuiscono alle violazioni dei diritti umani oppure sia impossibile accertare che vi siano state violazioni, direttamente o indirettamente, attraverso l'attività di uno dei loro fornitori o relazioni commerciali nella loro catena del valore in Cina;

2.  esprime profonda preoccupazione per il regime sempre più repressivo che si trovano a fronteggiare numerose minoranze religiose ed etniche, in particolare uiguri e kazaki, tibetani e cristiani, un regime che limita ulteriormente le garanzie costituzionali del loro diritto alla libertà di espressione culturale e di credo religioso, alla libertà di parola e di espressione, nonché alla libertà di riunione e associazione pacifiche; deplora il peggioramento della situazione dei diritti umani nella Cina continentale e a Hong Kong e chiede che le autorità cinesi rispettino le libertà fondamentali;

3.  deplora profondamente le continue persecuzioni e le gravi e sistematiche violazioni dei diritti umani che costituiscono crimini contro l'umanità; chiede con insistenza al governo cinese di porre immediatamente fine alla pratica delle detenzioni arbitrarie di membri delle minoranze uigura e kazaka in assenza di capi d'imputazione, di processo o di condanne per reati penali, di chiudere tutti i campi e i centri di detenzione e liberare immediatamente e incondizionatamente le persone detenute; invita le autorità cinesi a porre fine ai programmi di lavoro forzato e di sterilizzazione di massa promossi dallo Stato; invita le autorità cinesi nella regione autonoma uigura dello Xinjiang a fornire informazioni sull'ubicazione e sulle condizioni mediche delle persone detenute e a rilasciarle immediatamente, se non vi sono prove di effettive attività criminose;

4.  condanna fermamente l'ampio ricorso alle tecnologie di sorveglianza digitale per monitorare e controllare la popolazione nello Xinjiang e i più recenti test svelati di software di riconoscimento facciale che sarebbe in grado di allertare le autorità governative quando i loro sistemi di telecamere individuano membri della minoranza uigura; deplora che la Cina non rispetti gli impegni che ha sottoscritto aderendo ai principi dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico in materia di intelligenza artificiale incentrata sull'uomo e aderendo alla dichiarazione del G20 del giugno 2019 e invita la Commissione e gli Stati membri a continuare a chiedere alla Cina di rispettare i propri impegni al riguardo;

5.  invita le autorità cinesi a garantire un accesso libero, effettivo e senza ostacoli alla provincia dello Xinjiang, nonché un accesso senza restrizioni ai campi di internamento, per i giornalisti e gli osservatori internazionali, compresi i funzionari dell'UE, a seguito dell'invito rivolto dal Presidente Xi Jinping durante il Vertice UE-Cina del 14 settembre 2020 all'Alta Commissaria delle Nazioni Unite per i diritti umani, al Rappresentante speciale dell'UE per i diritti umani e ai titolari dei mandati delle procedure speciali del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite; invita l'UE e gli Stati membri a continuare a insistere sull'organizzazione di una missione di informazione delle Nazioni Unite nello Xinjiang e sulla nomina di un inviato speciale;

6.  chiede alla Cina di consentire una missione del Parlamento europeo nello Xinjiang con la condizione che l'accesso sia libero e senza restrizioni, garantendo nel contempo la riservatezza e la sicurezza per la popolazione locale;

7.  condanna fermamente la massiccia campagna di riduzione dei tassi di natalità tra gli uiguri nello Xinjiang da parte del Partito comunista cinese, e invita le autorità cinesi a porre immediatamente fine ad ogni misura volta a impedire le nascite presso la popolazione uigura, compresi le sterilizzazioni forzate, gli aborti o le sanzioni contro le violazioni del controllo delle nascite;

8.  esorta il governo cinese a ratificare e ad attuare la convenzione n. 29 dell'OIL sul lavoro forzato, la convenzione n. 105 dell'OIL sull'abolizione del lavoro forzato, la convenzione n. 87 dell'OIL sulla libertà sindacale e la protezione del diritto sindacale, e la convenzione n. 98 dell'OIL sul diritto di organizzazione e di negoziazione collettiva; esorta altresì la Cina a ratificare il Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici;

9.  esprime profonda preoccupazione dinanzi alle segnalazioni concernenti atti di vessazione commessi dalle autorità cinesi nei confronti degli uiguri residenti all'estero al fine di indurli a rivelare informazioni su altri uiguri, a fare ritorno nello Xinjiang o a non parlare della situazione in tale regione, talvolta ricorrendo alla detenzione dei loro familiari; invita la Commissione e tutti gli Stati membri dell'UE a indagare con urgenza su queste segnalazioni, a garantire la protezione dei membri della diaspora dello Xinjiang e ad accelerare il trattamento delle richieste di asilo presentate da uiguri e da altri musulmani di origine turca; accoglie positivamente la decisione della Germania e della Svezia di sospendere i rimpatri in Cina di tutte le persone di origine uigura e kazaka o di altri musulmani di origine turca in considerazione del rischio di detenzione arbitraria, tortura o altri maltrattamenti cui andrebbero incontro;

10.  invita la Commissione e gli Stati membri ad avviare un dialogo con gli Stati in cui gli uiguri corrono il rischio di essere deportati in Cina, per evitare che tali deportazioni si verifichino; invita i membri del Consiglio a sospendere i loro trattati di estradizione con la Repubblica popolare cinese, onde impedire l'estradizione di uiguri, cittadini di Hong Kong, tibetani o dissidenti cinesi in Europa affinché subiscano un processo politico nella Repubblica popolare cinese;

11.  invita l'UE ad operare in modo proattivo per un'inchiesta indipendente dell'ONU sulla Cina, al fine di garantire l'assunzione di responsabilità per i reati commessi;

12.  esprime profonda preoccupazione quanto alle misure adottate dallo Stato cinese per garantire la "vigilanza globale" dello Xinjiang attraverso l'installazione della sorveglianza elettronica Skynet nelle principali aree urbane e di localizzatori GPS su tutti i veicoli a motore, l'uso di scanner per il riconoscimento facciale presso i posti di controllo, le stazioni ferroviarie e le stazioni di servizio, mediante software basati su sistemi di telecamere a intelligenza artificiale, con lo scopo di identificare gli uiguri e altri membri di gruppi etnici minoritari, e un'azione di raccolta di campioni di sangue da parte della polizia dello Xinjiang per ampliare ulteriormente la banca dati cinese del DNA; esprime profonda preoccupazione dinanzi alle ultime rivelazioni concernenti un elenco contenente dettagli riguardanti oltre 2 000 uiguri detenuti nella prefettura di Aksu tra il 2016 e il 2018; esprime ulteriore preoccupazione per il fatto che la Cina sta esportando siffatte tecnologie presso regimi autoritari in tutto il mondo; invita l'UE e gli Stati membri a controllare l'acquisizione e lo sviluppo di queste tecnologie e l'attività dei loro fornitori, nonché ad astenersi dal consentire loro di accedere ai finanziamenti e agli appalti pubblici dell'UE e nazionali;

13.  critica l'acquisto, da parte dell'amministrazione del Parlamento e della Commissione, di telecamere termiche prodotte da Hikivision; insiste sull'introduzione di una politica prudente in fatto di commesse, che tenga debitamente conto delle preoccupazioni in materia di diritti umani; esorta l'amministrazione e il Presidente del Parlamento a interrompere immediatamente qualsiasi relazione commerciale diretta o indiretta con Hikivision e a migliorare la trasparenza delle attività di approvvigionamento;

14.  invita le autorità cinesi a rilasciare immediatamente e senza condizioni lo studioso uiguro e vincitore del Premio Sacharov 2019 Ilham Tohti e a garantire, nel frattempo, che egli abbia contatti regolari e illimitati con la sua famiglia e gli avvocati di sua scelta e non sia sottoposto a torture o altre forme di maltrattamento; chiede che si conducano indagini immediate, efficaci e imparziali sulle torture cui sarebbe stato sottoposto Ilham Tohti e che i responsabili siano assicurati alla giustizia;

15.  accoglie con favore l'inclusione nel programma di lavoro della Commissione per il 2021 di un'iniziativa legislativa riguardante una normativa obbligatoria sul dovere di diligenza della catena di approvvigionamento in materia di diritti umani; invita la Commissione ad adottare, durante il secondo trimestre del 2021 al più tardi e come previsto, proposte legislative pertinenti, fra cui tre proposte distinte, ma che si rafforzano a vicenda, sugli obblighi degli amministratori e il governo societario sostenibile, sul dovere di diligenza delle imprese in materia di diritti umani e ambiente, e sulla riforma della direttiva sulla comunicazione di informazioni di carattere non finanziario; è del parere che, per affrontare efficacemente la questione del lavoro forzato e di altre violazioni dei diritti umani nelle catene di approvvigionamento delle imprese, detta legislazione dovrebbe anche prevedere il divieto di immettere le merci pertinenti sul mercato dell'UE; ricorda, a tale riguardo, la posizione che ha assunto nella sua recente risoluzione sulla revisione della politica commerciale dell'UE, che chiede misure complementari come il divieto di importazione di prodotti legati a gravi violazioni dei diritti umani come il lavoro forzato o il lavoro minorile;

16.  invita gli Stati membri, nell'ambito delle rispettive competenze e tenuto conto delle circostanze nazionali, a intensificare gli sforzi volti ad attuare efficacemente i principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani, anche attraverso piani d'azione nazionali nuovi o aggiornati contenenti una combinazione di misure volontarie e obbligatorie;

17.  è del parere che l'Accordo globale sugli investimenti con la Cina debba includere impegni adeguati per il rispetto delle convenzioni internazionali contro il lavoro forzato; considera, in particolare, che la Cina dovrebbe pertanto ratificare le convenzioni dell'OIL nn. 29 e 105;

18.  accoglie con favore l'accordo recentemente raggiunto dai colegislatori sulla riforma del regolamento sui prodotti a duplice uso sulla base di considerazioni di sicurezza nazionale e di diritti umani;

19.  esorta la Commissione, il Consiglio e gli Stati membri ad adottare tutte le misure necessarie per persuadere il governo cinese a chiudere i campi e a porre fine a tutte le violazioni dei diritti umani nello Xinjiang e in altri luoghi, come il Tibet; invita l'UE e i suoi Stati membri a ribadire questo messaggio al governo cinese in ogni occasione e ai massimi livelli; si rammarica del fatto che l'approccio adottato e gli strumenti utilizzati fino ad oggi dall'UE non abbiano prodotto progressi tangibili nella situazione dei diritti umani in Cina, situazione che negli ultimi dieci anni è soltanto peggiorata; esorta la Commissione a elaborare e ad attuare una strategia globale dell'UE finalizzata a garantire progressi reali in materia di diritti umani in Cina; sollecita le autorità cinesi a continuare ad attuare le riforme nazionali necessarie per la ratifica del Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici del 1966, che la Cina ha firmato nel 1998, e l'attuazione delle raccomandazioni degli organi delle Nazioni Unite competenti in materia di diritti umani;

20.  si compiace dell'adozione del regime globale di sanzioni dell'UE in materia di diritti umani, il 7 dicembre 2020; invita gli Stati membri e l'alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza a valutare rapidamente l'adozione di sanzioni nei confronti dei funzionari cinesi e di entità a guida statale, come la Xinjiang Production and Construction Corporation, responsabili dell'elaborazione e dell'attuazione della politica di detenzione di massa degli uiguri e di altri musulmani di origine turca nello Xinjiang, del ricorso al lavoro forzato e dell'organizzazione di una dura repressione della libertà religiosa, della libertà di movimento e di altri diritti fondamentali nella regione e in altri luoghi, come il Tibet;

21.  invita il Consiglio e la Commissione ad attuare il pacchetto di misure concordato a luglio, compresa la creazione di un "sistema di salvataggio" per le persone oppresse in Cina, in seguito all'ulteriore deterioramento della situazione dei diritti umani e delle libertà fondamentali;

22.  ribadisce il suo sostegno al prossimo dialogo UE-USA sulla Cina ed esorta a far sì che i diritti umani figurino in primo piano all'ordine del giorno; chiede un maggiore coordinamento tra le democrazie nella messa in atto delle sanzioni e delle altre misure intese ad affrontare le violazioni dei diritti umani nella Cina continentale e a Hong Kong, nonché le sfide geopolitiche poste dalla Repubblica popolare cinese;

23.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione e al vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per la politica estera e di sicurezza, nonché al governo e al parlamento della Repubblica popolare cinese.

(1) Testi approvati, P9_TA(2019)0110.
(2) Testi approvati, P8_TA(2019)0422.
(3) GU C 11 del 13.1.2020, pag. 25.
(4) GU C 433 del 23.12.2019, pag. 103.
(5) GU C 238 del 6.7.2018, pag. 108.
(6) GU C 199 E del 7.7.2012, pag. 185.
(7) GU C 285 E del 21.10.2010, pag. 80.
(8) Testi approvati, P9_TA(2020)0337.
(9) GU L 410I del 7.12.2020, pag. 1.
(10) GU L 410I del 7.12.2020, pag. 13.

Ultimo aggiornamento: 16 marzo 2021Note legali - Informativa sulla privacy