Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2021/0050(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A9-0056/2022

Testi presentati :

A9-0056/2022

Discussioni :

PV 30/03/2023 - 2
CRE 30/03/2023 - 2

Votazioni :

PV 05/04/2022 - 7.5
CRE 05/04/2022 - 7.5
PV 30/03/2023 - 5.5
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P9_TA(2023)0091

Testi approvati
PDF 120kWORD 50k
Giovedì 30 marzo 2023 - Bruxelles
Rafforzare l'applicazione del principio della parità di retribuzione tra uomini e donne per uno stesso lavoro o per un lavoro di pari valore
P9_TA(2023)0091A9-0056/2022
Risoluzione
 Testo
 Allegato

Risoluzione legislativa del Parlamento europeo del 30 marzo 2023 sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio volta a rafforzare l'applicazione del principio della parità di retribuzione tra uomini e donne per uno stesso lavoro o per un lavoro di pari valore attraverso la trasparenza delle retribuzioni e meccanismi esecutivi (COM(2021)0093 – C9-0089/2021 – 2021/0050(COD))

(Procedura legislativa ordinaria: prima lettura)

Il Parlamento europeo,

–  vista la proposta della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio (COM(2021)0093),

–  visti l'articolo 294, paragrafo 2, e l'articolo 157, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, a norma dei quali la proposta gli è stata presentata dalla Commissione (C9-0089/2021),

–  visto l'articolo 294, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il parere del Comitato economico e sociale europeo del 9 giugno 2021(1),

–  visti l'accordo provvisorio approvato dalla commissione competente a norma dell'articolo 74, paragrafo 4, del regolamento e l'impegno assunto dal rappresentante del Consiglio, con lettera del 21 dicembre 2022, di approvare la posizione del Parlamento europeo, in conformità dell'articolo 294, paragrafo 4, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto l'articolo 59 del suo regolamento,

–  viste le deliberazioni congiunte della commissione per l'occupazione e gli affari sociali e della commissione per i diritti delle donne e l'uguaglianza di genere a norma dell'articolo 58 del regolamento,

–  vista la relazione della commissione per l'occupazione e gli affari sociali e della commissione per i diritti delle donne e l'uguaglianza di genere (A9‑0056/2022),

1.  adotta la posizione in prima lettura figurante in appresso;

2.  prende atto della dichiarazione della Commissione allegata alla presente risoluzione,

3.  chiede alla Commissione di presentargli nuovamente la proposta qualora la sostituisca, la modifichi sostanzialmente o intenda modificarla sostanzialmente;

4.  incarica la sua Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai parlamenti nazionali.

(1) GU C 341 del 24.8.2021, pag. 84.


Posizione del Parlamento europeo definita in prima lettura il 30 marzo 2023 in vista dell'adozione della direttiva (UE) 2023/... del Parlamento europeo e del Consiglio volta a rafforzare l'applicazione del principio della parità di retribuzione tra uomini e donne per uno stesso lavoro o per un lavoro di pari valore attraverso la trasparenza retributiva e i relativi meccanismi di applicazione
P9_TC1-COD(2021)0050

(Dato l'accordo tra il Parlamento e il Consiglio, la posizione del Parlamento corrisponde all'atto legislativo finale, la direttiva (UE) 2023/970.)


ALLEGATO ALLA RISOLUZIONE LEGISLATIVA

Dichiarazione della Commissione

La Commissione prende atto del compromesso raggiunto dai colegislatori su un periodo di recepimento di tre anni per l'entrata in vigore delle nuove norme sulla trasparenza delle retribuzioni. La Commissione desidera sottolineare che questo scostamento dal periodo standard di recepimento, che è di due anni, non dovrebbe essere considerato un precedente. Lo scopo è unicamente garantire che al momento del recepimento i datori di lavoro dispongano di strutture retributive non discriminatorie in vista di una piena applicazione delle nuove norme.

Ultimo aggiornamento: 4 luglio 2023Note legali - Informativa sulla privacy