"Il nostro ruolo consisteva nel trasformare le necessità delle imprese in proposte d'intervento concrete“

Tellervo Ha presentato al governo finlandese proposte per contribuire a salvare posti di lavoro Finlandia, Helsinki

Le associazioni di categoria hanno svolto un ruolo importantissimo durante la pandemia di COVID-19. In Finlandia tale ruolo è stato svolto con determinazione dalla Confederazione delle industrie finlandesi (EK). "Il nostro ruolo è stato quello di presentare al settore pubblico proposte e assistenza, come misure emergenziali per salvare imprese e posti di lavoro", dichiara Kylä-Harakka-Ruonala, membro dell'EK e del Comitato economico e sociale europeo (CESE). "Per essere sempre al passo con quello che stavano affrontando le imprese, abbiamo condotto una serie di indagini sul terreno." Tra le proposte presentate da EK citiamo a titolo di esempio una tabella di marcia per l'abolizione delle restrizioni, nonché un elenco delle imprese in grado di produrre dispositivi di protezione in Finlandia. EK ha predisposto inoltre – insieme alle organizzazioni di categoria – una serie di buone pratiche per le imprese associate. Spiegano le modalità per un ritorno sicuro al lavoro, la prestazione di servizi in sicurezza e le pratiche di trasporto sicure.

"Per fortuna la nostra catena di produzione ha consentito una risposta rapida all'enorme aumento della domanda di gel disinfettanti“

Marko Ha convertito la produzione dalle bevande ai gel disinfettanti Finlandia, Ilvesjoki

L'elevata richiesta di attrezzature e forniture mediche ha portato alcune aziende a cambiare la propria attività durante la pandemia. Da diverse settimane, Pramia, azienda a conduzione familiare, ha convertito la sua produzione, da bevande a gel disinfettanti. L'impianto di imbottigliamento, alimentato da turbine eoliche, ha una capacità di 7 700 bottiglie all'ora. La loro nuova linea di produzione risponde all'elevata domanda di gel sanificanti del settore sanitario, della filiera alimentare e delle farmacie.

"Tutti hanno diritto di avere accesso a informazioni sanitarie affidabili e basate sui fatti“

Anni Dedica il suo tempo a rispondere a domande sul Covid-19 su Instagram Finlandia, Helsinki

Anni è medico e ama condividere informazioni sanitarie e scientifiche sui social media per renderle comprensibili a tutti. Crede fermamente che tutti abbiano il diritto di avere accesso a informazioni affidabili e basate sui fatti. Ciò è inestimabile durante le crisi sanitarie, quando le persone, preoccupate per la loro salute, cercano disperatamente rassicurazioni e risposte ovunque, fatto che porta spesso a malintesi o disinformazione. Per evitare tutto questo, Anni ha risposto a numerose domande sul suo account Instagram @laakari.anni (dottoressa Anni). La lotta alla disinformazione è talmente prioritaria che il governo finlandese ha iniziato a collaborare con alcuni influencer per sensibilizzare maggiormente sulla situazione. La lotta alla disinformazione è anche una delle massime priorità dell'Unione europea, che ha collaborato con le principali piattaforme social per promuovere contenuti legittimi e nascondere o eliminare contenuti fuorvianti, illegali e dannosi. Inoltre, il vicepresidente della Commissione Věra Jourová incontrerà Google, Facebook, Twitter, Microsoft e altri per discutere di quanto fatto finora e di quant'altro potranno fare per aiutare. Infine, l'UE ha rivelato l'esistenza di oltre 110 storie di disinformazione sul coronavirus e pubblicato i fatti sul sito web www.EUvsDisinfo.eu.