"Gli anziani vivono da soli e hanno bisogno di qualcuno che si interessi di loro“

Aleksandra, Monika e Agata Instaurare rapporti con anziani isolati Polonia, Lublino

Giovani volontari polacchi che usano il loro tempo per aiutare i loro anziani: questa è, nella sostanza, la missione di "Recipe for Help". Avviata dal comitato lublinese della Croce Rossa polacca, l'iniziativa incoraggia i volontari a chiamare gli anziani in tutta la regione, chiacchierare del più e del meno con loro e, in caso di necessità, prestare ulteriore assistenza. "Credo che vi sia un grande bisogno di questo tipo di assistenza", dichiara Aleksandra, una giovane volontaria. "Gli anziani possono parlare con noi per ore del loro passato e dei valori in cui credono. Credo anzi che ciò non valga soltanto per la crisi della COVID-19: agli anziani piace stare con i giovani e raccontare le loro esperienze." Gli anziani hanno apprezzato tantissimo l'iniziativa, la quale dimostra come pochi semplici gesti o "ingredienti" possano rinsaldare le comunità. Per usare le parole del comitato locale della Croce Rossa polacca, "un bicchiere di sicurezza, due cucchiai di sapere, un pizzico di buona volontà e qualche goccia di tempo fanno un'enorme differenza durante la pandemia di COVID-19".

"Grazie alle attrezzature mediche acquistate con i fondi UE, possiamo curare più pazienti“

Piotr Aiuta le comunità di frontiera a far fronte alle emergenza sanitarie Polonia, Tomaszów Lubelski

Il coronavirus non conosce confini e neanche i nostri sforzi per combatterlo. Nella regione in cui si incontrano Polonia, Bielorussia e Ucraina, il progetto RESCUE finanziato dall'UE ha contribuito alla fornitura di ambulanze e respiratori agli ospedali, affinché i medici possano combattere la pandemia nei diversi paesi e alla periferia dell'Unione. Piotr Gozdek è a capo del reparto di medicina interna e cardiologia di un centro sanitario di Tomaszów Lubelski. "Siccome confiniamo, i nostri pazienti, indipendentemente dal paese da cui provengono, possono contare su una sanità di alta qualità. I contatti tra ospedali ci permettono di scambiare esperienze relative a situazioni di gravi crisi sanitarie e l'attuale pandemia di SARS-Cov2 è senza dubbio una di queste". Non viene fornita solo attrezzatura medica: il progetto offre corsi di formazione specializzata per 69 medici, 48 soccorritori e 137 infermieri e si stanno preparando anche iniziative di formazione per 4 500 cittadini.

"Aiutare e fare volontariato è parte integrante della vita degli scout“

Anna Ha aiutato a distribuire più di 3000 pasti agli anziani e alle persone seguite dagli assistenti sociali Polonia, Wieliczka

Non serve sempre un esercito di volontari per raggiungere importanti traguardi. A Wieliczka – una città vicina a Cracovia – alcuni scout adulti dell'Associazione Polacca degli scout e delle guide (ZHP) hanno dato tutto l'aiuto possibile fin dalla metà di marzo. La loro vita è cambiata radicalmente e adesso ruota attorno a due attività principali: l'organizzazione di attività interessanti online per gli scout più giovani e il sostegno agli anziani e a coloro che sono seguiti dagli assistenti sociali. Hanno già consegnato oltre 3000 pasti, ma anche dispositivi di protezione e la spesa a chi ne aveva necessità. "Aiutare e fare volontariato è parte integrante della vita degli scout", dice Anna. "La gente di Wieliczka può sempre contare su di noi, indipendentemente dal COVID-19".

"Aiutare e sostenere chi ha bisogno è naturale, specialmente quando si tratta di salvare la vita di altre persone“

Krzysztof, Gabriela e Dagmara Forniscono un sostegno psicologico gratuito per i professionisti della sanità che ne hanno bisogno Polonia, Varsavia

Gli applausi per i professionisti della sanità sono un importante gesto simbolico. Ma la pressione sugli ospedali aumenta e l'iniziativa si sta esaurendo. Crescono stanchezza e stress. Il personale sanitario comincia a temere per la propria salute e quella dei loro cari. Il Centro per la prevenzione di stress e burnout dell'Università Łazarski, in Polonia, è ben consapevole del rischio. Per ridurlo, ha lanciato un'iniziativa di sostegno psicologico gratuito per tutto il personale medico. Il lunedì, mercoledì, giovedì e domenica è a disposizione un team di psicologi esperti che forniscono un sostegno grazie a un numero telefonico dedicato. "Tramite l'hashtag #ParlareAiuta (#PomagamyRozmawiamy), vogliamo dare un aiuto reale a tutti quelli che sono in prima linea contro la pandemia. Per ridurre tensione e stress procediamo a colloqui individuali e speriamo così di aiutare il personale medico ad affrontare meglio le difficili situazioni cui sono confrontati ogni giorno", spiega il team.

"Il ricordo più vivido che mi rimane è la gratitudine dei nostri passeggeri“

Olga Assistente di volo sui voli di rimpatrio Polonia, Varsavia

#LOTdoDomu (Vola a casa con LOT) è stata una delle operazioni aeree più difficili, sotto il profilo logistico e organizzativo, nella storia dell'aviazione civile polacca. In 22 giorni il vettore aereo polacco ha raggiunto 71 città in 53 paesi del mondo. L'operazione è stata preparata in tempi record per aiutare i concittadini bloccati all'estero, lontano dalle proprie famiglie, a causa della pandemia di Covid-19. "Sotto tanti aspetti non erano voli come gli altri. Ogni volta era più evidente che si trattava di una missione di soccorso", racconta Olga, membro dell'equipaggio su alcuni di questi voli. La compagnia aerea ha effettuato 388 voli da sei continenti, imbarcando passeggeri da Perù, Messico, Argentina, Giappone, Stati Uniti, Australia e molti altri paesi. In totale LOT ha riportato a casa più di 54 000 cittadini polacchi.

"Sosteniamo costantemente le piccole imprese rispondendo alle loro domande legali relative alla pandemia“

Małgosia e Katarzyna Forniscono consulenze legali pro bono alle imprese colpite dalla pandemia Polonia, Poznań

Molti imprenditori sono stati colti alla sprovvista dal Covid-19 e dalle sue conseguenze per le loro imprese. Come affrontare l'interruzione della catena di approvvigionamento? Come applicare le clausole di forza maggiore alle aziende? Per rispondere a queste domande, Małgosia, un'avvocatessa, ha deciso di creare un canale Youtube di "Diritto per gli imprenditori". "Offro agli imprenditori un orientamento sulle ultime normative e sugli aiuti finanziari pubblici che possono ricevere", spiega. "Dato che in Polonia le regole in materia di Covid-19 sono costantemente aggiornate, insieme a Katarzyna abbiamo sviluppato ulteriormente il concetto". Ora si concentrano sulla condivisione delle conoscenze giuridiche attraverso webinar e consultazioni telefoniche pro bono con le piccole imprese. Gli argomenti trattati comprendono la protezione dei dati e la privacy dei dipendenti che lavorano da casa. Le informazioni sull'iniziativa sono disponibili sul sito e sulla pagina Facebook dell'azienda.