skip to content
 

ASSEGNATO IL PREMIO DEL CITTADINO EUROPEO 2022 ECCO I VINCITORI

Premio del cittadino europeo 2022: I vincitori di questa edizione sono i progetti delle associazioni "DIFFERENZA DONNA" e "APOLONIA"

#SIAMOTUTTELAURA - Laura Massaro presentato dall'Associazione "Differenza Donna"

L’iniziativa è realizzata a fermare una grave distorsione nel sistema giudiziario italiano ed europeo: l’utilizzo della c.d. “sindrome da alienazione parentale” per privare le donne della responsabilità genitoriale, specie nei casi di violenza di genere e domestica, in violazione anche degli artt. 7, 20, 21, 23 e 24 della Carta dei diritti fondamentali.

L’iniziativa #siamotuttelaura nasce dalla vicenda personale di Laura Massaro, che è divenuta in Italia simbolo di un fenomeno gravissimo e diffuso in tutta Europa: l’allontanamento dei bambini dalle madri che denuncino episodi di violenza di genere e domestica esercitata dal padre. Invocando il concetto pseudoscientifico di “alienazione parentale”, le Corti italiane e di altri Paesi europei (come ad esempio Francia, Croazia, Spagna) hanno privato queste donne della responsabilità genitoriale, spesso senza procedere all’ascolto del minore, in violazione dei principi del giusto processo e colpendo in maniera sproporzionata le donne. Simili provvedimenti violano tra l’altro gli artt. 7 (rispetto della vita privata e familiare); 20 (uguaglianza davanti alla legge); 21 (non discriminazione) 23 (parità tra donne e uomini); 24 (diritti del minore).
L’associazione “Differenza Donna”, impegnata nella difesa dei diritti delle donne, si è quindi fatta carico di far valere le ragioni di queste donne e lo stato di diritto in Europa. Così sono riuscite a far riconoscere alla giurisprudenza italiana l’illegittimità dell’uso di concetti pseudoscientifici nelle aule di tribunale in violazione degli elementari principi di giustizia e della Carta dei diritti fondamentali.

 

GIOVANI RICORDANO LA SHOAH - SOS UCRAINA - Presentato dall'Associazione Apolonia

Lo scopo principale del progetto è di promuovere iniziative educative che possano sensibilizzare i ragazzi su tematiche che hanno segnato la nostra storia e che, purtroppo rimangono così drammaticamente attuali. L’affetto più grande lo si può donare anche da lontano, preparando per le persone più sfortunate tanti beni di prima necessità, che sono stati preparati dai volontari con amore e questa è la cosa più importante. Perché ogni prodotto che è stato preparato ha avuto una carezza.
Giorno della Memoria non soltanto il 27 di gennaio. Orrori della Shoah grazie a una video intervista con lo storico e sociologo polacco Pawel Spiewak, docente universitario, per anni direttore dell’Istituto Storico Ebraico di Varsavia. L’intervista a distanza ha portato alla realizzazione del diario autobiografico “Il pianto senza lacrima”, un lavoro multimediale che l’Ufficio scolastico regionale molisano ha selezionato per il concorso “I giovani ricordano la Shoah”. L’importanza della memoria e quanto sia necessario che le nuove generazioni continuino a tramandare il passato attraverso qualsiasi mezzo di comunicazione, dai più tradizionali ai più innovativi. E' stato raccontato non solo un dolore individuale, ma il dolore universale di tutto il suo popolo, vessato, condannato senza colpa e ancora oggi senza pace. Dal orrore alla guerra nel cuore di Europa. Una raccolta di beneficenza, tutti beni di prima necessità da devolvere all’Ucraina, affinché coloro che stanno fuggendo dalla guerra, non si sentano soli dinanzi la desolazione e il dolore. La raccolta è stata organizzata dall’associazione “Apolonia” che si occupa di beneficenza da tanti anni e sostiene i più bisognosi nei momenti più difficili. Una storia che sembra ripetersi, dinanzi a questi eventi drammatici a cui stiamo assistendo impotenti in queste ultime settimane. L’arma migliore e potente per affrontare ed abbattere tutto questo male è solo la cultura, che è l’unico strumento che abbatte i pregiudizi.

 

Pubblicato l'12 luglio  2022