skip to content
 
 
 

Bilancio a lungo termine: serve continuità per i fondi UE

I deputati chiedono alla CE di presentare un piano di emergenza per garantire la continuità dei finanziamenti europei in questo periodo di Covid-19: se non si raggiungerà in tempo l'accordo sul bilancio a lungo termine infatti, alcuni programmi potrebbero risentirne.

Mercoledì 13 maggio, i deputati hanno adottato una risoluzione legislativa in cui si chiede alla Commissione europea di presentare una proposta per un piano d'emergenza del QFP (Quadro Finanziario Pluriennale) entro il 15 giugno 2020.

La risoluzione è stata approvata con 616 voti favorevoli, 29 contrari e 46 astensioni.

Anche se gli attuali massimali di bilancio sarebbero automaticamente estesi qualora l'anno prossimo non ci fosse un nuovo QFP, molti programmi risulterebbero comunque in scadenza alla fine del 2020, ad esempio Erasmus o i programmi di coesione e di ricerca.

L'obiettivo della proposta è quello di fornire una rete di sicurezza per cittadini, regioni, città, agricoltori, università e imprese che beneficiano dei programmi UE ed escludere il rischio che l'attuale QFP e i relativi programmi siano interrotti o estesi in modo disordinato.

La risoluzione legislativa è stata approvata dalla maggioranza dei deputati. Di conseguenza, la Commissione deve presentare una proposta pertinente oppure informare il Parlamento sui motivi di una mancata proposta, ai sensi dell'articolo 225 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea.

Continua la lettura dell'articolo
 

Pubblicato il 14 maggio 2020