skip to content
 
 
 

Composizione della Delegazione del Parlamento alla Conferenza sul futuro dell'Europa

Giovedì la Conferenza dei presidenti del Parlamento ha annunciato i nomi dei 108 deputati che prenderanno parte alle riunioni plenarie della Conferenza sul futuro dell'Europa.

Foto di uno dei momenti del lancio della Confernenza sul futuro dell'Europa del 9 maggio a Strasburgo
© European Union 2021/Michel Christen

I posti della Conferenza plenaria sono stati assegnati come segue:

PPE: 28

S&D: 23

RENEW Europe: 15

Verdi/ALE: 11

ID: 11

ECR: 9

La sinistra: 6

Membri non iscritti: 5

La composizione completa della delegazione del Parlamento alla conferenza, così come tutte le altre informazioni sul lavoro dei deputati alla conferenza, saranno disponibili sulla pagina web dedicata del PE. La delegazione si riunirà prima della sessione plenaria inaugurale della Conferenza, fissata per il 19 giugno 2021 a Strasburgo, con partecipazione fisica e a distanza.

 

Contesto

La plenaria della Conferenza sarà composta da 108 rappresentanti del Parlamento europeo, 54 del Consiglio (due per Stato membro) e 3 della Commissione europea, oltre a 108 rappresentanti di tutti i parlamenti nazionali, su un piano di parità, e cittadini. 108 europei parteciperanno per discutere le idee scaturite dai Citizens' Panel e dalla Multilingual Digital Platform: 80 rappresentanti dei Citizens' Panels, di cui almeno un terzo avrà meno di 25 anni, e 27 dei Citizens' Panel nazionali o degli eventi conferenze legate alla Conferenza (uno per Stato membro), nonché il presidente del Forum europeo della gioventù.

Parteciperanno inoltre 18 rappresentanti sia del Comitato delle regioni che del Comitato economico e sociale europeo e altri otto delle parti sociali e della società civile, mentre l'Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza sarà invitato per le discussioni sul ruolo internazionale dell'UE.

Possono essere invitati anche rappresentanti dei principali stakeholder. La plenaria della Conferenza rispetterà la parità tra i sessi.

 
 .

Pubblicato l'11 giugno 2021