skip to content
 

Giorno della Memoria: Plenaria con il Presidente israeliano Herzog

Giovedì alle 10.30, il Presidente israeliano Isaac Herzog si esprimerà in Aula in occasione della Giornata internazionale di commemorazione in memoria delle vittime dell'Olocausto

In una risoluzione sulla situazione dei giornalisti in Marocco, i deputati chiedono l’immediato rilascio provvisorio per Omar Radi, Souleimen Raissouni e Taoufik Bouachrine e tutti i giornalisti in prigione, e la fine delle vessazioni nei confronti di tutti i giornalisti del Paese, nonché dei loro avvocati e delle loro famiglie. Inoltre, condannano fermamente l'uso improprio che le autorità marocchine fanno delle accuse di violenza sessuale per scoraggiare i giornalisti dal fare il loro lavoro.

La Presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola aprirà la seduta solenne con un discorso introduttivo. Al termine del discorso del Presidente Herzog, i deputati osserveranno un minuto di silenzio.

La cerimonia si concluderà con l'esecuzione musicale di "Kaddish" di Maurice Ravel, eseguita da Chen Halevi al clarinetto e Jenő Lisztes al cimbalom.

Al termine della cerimonia, alle 11.45 circa, i Presidenti Metsola e Herzog inaugureranno il Memoriale dell'Olocausto "Il rifugiato" di Felix Nussbaum di fronte alla Plenaria del Parlamento.

La Giornata internazionale di commemorazione in memoria delle vittime dell'Olocausto viene celebrata il 27 gennaio ed è stata istituita nel 2005 dalle Nazioni Unite per ricordare l'Olocausto e il 60° anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau. Quest'anno ricorrono anche i 75 anni dalla fondazione dello Stato di Israele.

Isaac Herzog

Nato a Tel Aviv nel 1960, Isaac Herzog è stato eletto undicesimo Presidente dello Stato di Israele nel 2021. Eletto per la prima volta alla Knesset nel 2003, da allora ha ricoperto diversi incarichi ministeriali. Nel 2013, Herzog è stato eletto Presidente del Partito laburista israeliano e, nel giugno 2018, Presidente dell'esecutivo dell'Agenzia ebraica per Israele.

 

 

Nello stesso testo, l’Aula esprime profonda preoccupazione per le accuse di corruzione nei confronti di alcuni deputati e chiede l'applicazione delle stesse misure applicate ai rappresentanti del Qatar. I deputati ribadiscono inoltre l’impegno a indagare e ad affrontare in modo approfondito i casi di corruzione nei quali sono coinvolti paesi terzi che tentano di acquisire influenza in seno al Parlamento europeo.

Nel testo adottato, si esorta inoltre il Paese a porre fine alla sorveglianza digitale dei giornalisti, anche attraverso il software spia Pegasus, e chiedono ai Paesi dell'UE di interrompere l'esportazione di tecnologia di sorveglianza in Marocco.

Infine, la risoluzione invita l'UE e i suoi Stati membri a continuare a sollevare i casi di giornalisti e prigionieri politici detenuti con le autorità marocchine e a usare la loro influenza per ottenere miglioramenti concreti della situazione dei diritti umani nel Paese.

La risoluzione, non legislativa, è stata adottata con 356 voti a favore, 32 contrari e 42 astensioni.

 

Pubblicato il 20 gennaio 2023