skip to content
 
 
 

Il Parlamento europeo approva la Brexit

Mercoledì 29 gennaio il Parlamento europeo ha approvato l’Accordo di recesso della Gran Bretagna dall'Unione europea, con 629 voti favorevoli, 49 contrari e 13 astensioni.

A conclusione del voto, il Presidente Sassoli ha dichiarato: “Mi rattrista profondamente pensare di essere arrivati a questo punto. Cinquant'anni di integrazione non possono dissolversi facilmente. Dovremo impegnarci, tutti, per costruire nuove relazioni mettendo sempre al centro gli interessi e la protezione dei diritti dei cittadini. Niente sarà semplice. Ci saranno situazioni difficili che metteranno anche alla prova i nostri rapporti futuri. Ma questo lo sapevamo sin dall´inizio della Brexit. Sono sicuro, però, che sapremo superare qualsiasi divergenza e trovare sempre un punto di incontro".

Il 30 gennaio il Consiglio ha adottato la decisione sulla conclusione dell'accordo di recesso, che entrerà in vigore all'uscita del Regno Unito dall'UE, il 31 gennaio 2020 a mezzanotte. A partire da questa data, il Regno Unito sarà considerato un paese terzo.

L'accordo garantisce un recesso ordinato del Regno Unito dall'Unione, e riguarda i diritti dei cittadini, gli aspetti economici, il periodo di transizione, i protocolli su Irlanda/Irlanda del Nord, Cipro e Gibilterra, la governance e altre questioni relative alla separazione.

Il periodo di transizione inizia il 1° febbraio e scadrà alla fine di dicembre 2020. Qualsiasi accordo sulle relazioni future UE-Regno Unito dovrà essere concluso prima di tale data affinché possa entrare in vigore il 1° gennaio 2021.

 

Pubblicato il 31 gennaio 2020