skip to content
 
 
 

Il Parlamento farà la propria parte per attenuare l’impatto del Covid-19

La Commissione europea ha disposto una risposta coordinata a livello europeo per contrastare l’impatto del coronavirus. Il Parlamento europeo si impegnerà affinché le misure siano approvate il prima possibile.

Il Presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, ha accolto positivamente le misure annunciate il 13 marzo 2020 dalla Commissione europea per una risposta coordinata all'emergenza Covid-19.

Tra queste, in particolare:

  • Assicurare le forniture necessarie ai nostri sistemi sanitari, preservando l'integrità del mercato unico e della produzione e distribuzione delle catene del valore;
  • Dare un sostegno ai cittadini facendo in modo che reddito e posti di lavoro non vengano colpiti in modo sproporzionato, e per evitare che la crisi abbia un effetto permanente;
  • Dare un sostegno alle imprese e assicurare che la liquidità del nostro settore finanziario possa continuare a sostenere l'economia;
  • Consentire agli stati membri di agire in modo risoluto e coordinato, sfruttando la piena flessibilità offerta nel quadro della disciplina degli aiuti di Stato e del patto di stabilità e crescita.

Il Parlamento europeo, attraverso le sue commissioni, si impegna a concludere nel minor tempo possibile l’esame delle proposte della CE. Tra queste, ad esempio, la modifica delle regole sui finanziamenti UE permetterebbe di convogliare più facilmente i fondi verso le aree colpite; la deroga alle regole europee che obbligano le compagnie aeree a gestire la maggior parte degli slot  assegnati per il decollo e l’atterraggio, potrebbe alleviare l’impatto sull’industria aeronautica.

Leggi tutto il comunicato stampa
 

Pubblicato il 17 marzo 2020