skip to content
 

Voglio un pianeta cosi

 .
 

PAGINA IN COSTRUZIONE

 .
 

Attivisti, imprenditori e testimonial green d’eccezione uniscono le loro voci per la tutela del nostro pianeta. “Voglio un pianeta così” è il nome della campagna di comunicazione ideata dal Parlamento europeo in Italia per sensibilizzare sui temi legati alla sostenibilità e stimolare la partecipazione attiva di ciascuno a tutela della Terra.

La campagna "Voglio un pianeta così" - #vogliounpianetacosì l'hashtag sui social - ha lo scopo di sensibilizzare i cittadini nell’adozione di comportamenti che possano rendere il proprio stile di vita più sostenibile, descrive la percezione che gli italiani hanno delle tematiche ambientali e racconta realtà e progetti del nostro Paese per la promozione della sostenibilità.

L’Italia è infatti piena di progetti e aziende che si sono votate all’ambiente e all’ecologia. Molte le realtà che hanno collaborato all'iniziativa: fra le altre ENEA, con un progetto che ricicla e riutilizza le mascherine usate; Avanzi Popolo - Frigo Solidale contro lo spreco alimentare; Seay, una linea di abbigliamento da mare prodotta esclusivamente con materiali di riciclo; e, ancora, Too Good To Go, dedicata alla lotta allo spreco alimentare e Vaia, filiera solidale che da alberi abbattuti dal maltempo crea prodotti i cui proventi sono usati per ripiantare altri alberi. Infine  le storie di tanti cittadini e cittadine che si impegnano quotidianamente per una Terra più green.

La campagna sottolinea come il tema della protezione dell'ambiente sia rilevante per tutti e che anche i piccoli gesti quotidiani contribuiscono al raggiungimento di questo obiettivo. 

Nelle passate edizioni sono state raccolte molte adesioni da parte di personaggi pubblici che hanno fatto proprio il messaggio della campagna, tra cui: Klaus-Tudor Laurini (in arte Klaus), l'esploratore Alex Bellini, Alessandro Gassman, Bianca Balti, Lorenzo Baglioni, Eugenio in via di gioia, Mario Tozzi, Licia Colò, Diego della Palma, I Sansoni e gli atleti olimpionici Alice Betto, Alessandro Fabian, Delian Stateff e Gianluca Pozzatti