Raffaele STANCANELLI Raffaele STANCANELLI
Raffaele STANCANELLI

Европейски консерватори и реформисти

Член

Италия - Fratelli d'Italia (Италия)

Роден : , Regalbuto

Писмени обяснения на вот Raffaele STANCANELLI

Членовете на ЕП могат да представят писмено обяснение на вота си на пленарно заседание. Член 194

Специални мерки за смекчаване на въздействието на пандемията от COVID-19 върху сектора на рибарството и аквакултурите IT

17-04-2020

Assieme ai colleghi della delegazione di Fratelli d'Italia al Parlamento europeo, ho votato a favore delle "misure specifiche per mitigare l'impatto della pandemia COVID-19 nel settore della pesca e dell'acquacoltura".
I settori della pesca e dell'acquacoltura sono in grande difficoltà, in quanto colpiti dalle perturbazioni del mercato generate da un significativo calo della domanda. La chiusura di mercati, di punti vendita e di canali di distribuzione ha visto diminuire notevolmente i prezzi e i volumi, costringendo i pescatori a rimanere in porto e nel caso dell'acquacoltura a scartare o distruggere i prodotti. La situazione sta colpendo anche i piccoli operatori della pesca costiera, con la conseguenza che l'intero settore della pesca è in grave difficoltà e pertanto si necessitano azioni di sostegno dirette, da attivare in maniera urgente.
Questo è un primo passo importante nella lotta all'emergenza COVID-19 per l'intero comparto della pesca e dell'acquacoltura che spero sia accompagnato da ulteriori misure, per tutelare sempre di più un settore di vitale importanza per i nostri territori, che avrà sempre il mio pieno supporto ed appoggio in quanto oggi più che mai è essenziale dar voce alle istanze ed alle necessità dei territori.

Специфични мерки за мобилизиране на инвестиции в системите за здравеопазване на държавите членки и в други сектори на икономиките им в отговор на избухването на епидемията от COVID-19 (Инвестиционна инициатива за отговор на Коронавирус) IT

26-03-2020

Assieme ai colleghi del gruppo ECR, ho votato favorevolmente questo punto in quanto è essenziale agire in maniera rapida per contrastare gli effetti devastanti di questa emergenza per le nostre economie.
Dobbiamo mettere in campo tutte le risorse disponibili per rispondere alle esigenze che emergono nei settori maggiormente colpiti come quello sanitario, le PMI ed il mercato del lavoro.
Attuare una politica di investimento mobilitando le risorse per un'assistenza finanziaria mirata agli Stati membri è di vitale importanza.
I primi 37 miliardi di euro di investimenti pubblici europei devono essere messi a disposizione nel più breve tempo possibile e ben vengano le rinunce alle spese di prefinanziamento dei fondi strutturali per il 2019, permettendo agli Stati membri di usufruire fin da subito delle risorse finanziarie non ancora utilizzate.
Queste misure devono essere un primo aiuto diretto ai nostri territori per attenuare le perdite dovute alle misure restrittive poste in essere per contrastare il COVID-19. Auspico una serie di iniziative economiche analoghe ma di un'altra massiccia portata e che a fronte dell'eventuale attivazione dei fondi del MES, i singoli Stati non debbano essere costretti a subire alcun condizionamento o controllo esterno alle loro politiche interne.

Позиция на Европейския парламент относно конференцията за бъдещето на Европа (B9-0036/2020, B9-0037/2020, B9-0038/2020) IT

15-01-2020

Il gruppo ECR ha presentato una propria proposta di risoluzione per sottolineare che i lavori della conferenza sul futuro dell'Europa dovranno essere aperti e trasparenti e che tutti i gruppi politici dovranno poter essere inclusi nella discussione.
Se vogliamo che l'esito della conferenza sia per davvero utile non dovrà esserci nessun risultato predeterminato sulla base delle sole proposte franco-tedesche.
Inoltre ritengo che il dibattito non dovrà concentrarsi esclusivamente sulle, seppur necessarie, riforme istituzionali ma dovrà concentrarsi principalmente sulla capacità effettiva dell'UE di rispondere alle esigenze dei propri cittadini, tutelando il ruolo centrale degli stati - nazione e agendo sulla base del principio di sussidiarietà.
L'UE ha un'estrema necessità di essere rifondata ma non sarà possibile farlo utilizzando le stesse ideologie, liberiste e globaliste, che ne hanno causato l'immobilismo. Dobbiamo rimettere al centro la persona umana e non i mercati, dobbiamo valorizzare le nostre comuni radici ellenistiche, romane e cristiane.
Purtroppo la risoluzione approvata non riconosce questi valori, anzi li contraddice, e per questo ho votato contro.

Обратна връзка

Bruxelles

Strasbourg