Please fill this field
Eleonora EVI Eleonora EVI
Eleonora EVI

Groupe des Verts/Alliance libre européenne

Membre

Italie - Independent (Italie)

Date de naissance : , Milano

Accueil Eleonora EVI

Membre

ENVI
Commission de l'environnement, de la santé publique et de la sécurité alimentaire
PETI
Commission des pétitions
ANIT
Commission d’enquête sur la protection des animaux pendant le transport
D-CN
Délégation pour les relations avec la République populaire de Chine

Membre suppléante

ITRE
Commission de l'industrie, de la recherche et de l'énergie

Dernières activités

Situation humanitaire et politique au Yémen (B9-0119/2021) IT

11-02-2021
Explications de vote écrites

Lo Yemen è teatro di un lungo e terribile conflitto dal 2014 tra i ribelli Houthi e l’Arabia Saudita. Questo conflitto ha causato la più grande crisi umanitaria al mondo, ulteriormente aggravatasi con la pandemia di COVID-19. La guerra ha provocato il collasso delle strutture economiche del Paese, riducendo quasi 10 milioni di persone alla fame. La mancanza di servizi sanitari, di infrastrutture, di rispetto per i basilari diritti umani, con entrambe le parti contrapposte artefici di crimini di guerra, rendono la situazione insostenibile.
A farne le spese sono soprattutto la popolazione civile, deliberatamente attaccata, il personale medico che cerca di far fronte all’emergenza sanitaria, e le donne, escluse totalmente dalla vita pubblica del Paese.
Ho votato in favore di questa Risoluzione affinché le Istituzioni europee facciano tutto quanto in loro potere senza ritardi, perché le parti del conflitto rispettino gli obblighi del diritto internazionale umanitario, permettendo ai civili un accesso senza restrizioni ai beni umanitari; perché il personale medico sia tutelato, perché si avviino immediatamente negoziati di pace sotto gli auspici delle Nazioni Unite, perché siano aperti canali umanitari e gli attivisti che rivendicano i loro diritti non debbano più temere per la propria vita.

25 ans après la déclaration et le programme d'action de Beijing: les défis en perspective pour les droits des femmes (B9-0114/2021) IT

11-02-2021
Explications de vote écrites

A distanza di 25 anni dalla quarta Conferenza mondiale delle Nazioni Unite sulle donne svoltasi a Pechino, risulta evidente che nel percorso verso la parità di genere i passi in avanti compiuti risultano ancora insufficienti. In particolare, si registrano significative disuguaglianze di genere nel mercato del lavoro, nella mancanza di accesso ai servizi sociali, nel maggior rischio di povertà per le donne. L’impatto della crisi di COVID -19 ha acuito le disuguaglianze esistenti, andando ad incidere anche sull’aumento degli episodi di violenza di genere. Ho firmato a favore di questa Risoluzione affinché la Commissione presenti una strategia per combattere la femminilizzazione della povertà, includendo la dimensione di genere della povertà nei suoi quadri di crescita economica, politica e sociale; affinché gli Stati membri attuino misure specifiche contro il rischio di esclusione sociale; affinché entrambi i soggetti pongano le donne al centro della ripresa pandemica; perché la Commissione e gli Stati membri sviluppino obiettivi e indicatori sensibili sulla dimensione di genere per un progresso reale e non solo teorico; affinché la dimensione di genere venga riconosciuta anche per quanto riguarda gli effetti della crisi climatica, per contrastare la quale le donne rappresentano potenti agenti di cambiamento.

Établissement de la facilité pour la reprise et la résilience (A9-0214/2020 - Eider Gardiazabal Rubial, Siegfried Mureşan, Dragoș Pîslaru) IT

09-02-2021
Explications de vote écrites

Ho votato a favore dell'istituzione di un dispositivo per la ripresa e la resilienza che prevede 672,5 miliardi di euro in sovvenzioni e prestiti per contenere gli effetti della pandemia. Si tratta della componente più cospicua del Piano di ripresa Next Generation EU da 750 miliardi di euro. I finanziamenti saranno disponibili per tre anni e i governi dell'UE possono richiedere fino al 13% di prefinanziamento, per i loro piani di ripresa e resilienza. Ciascun piano deve destinare almeno il 37% (circa 250 miliardi di euro) del proprio bilancio al clima, e almeno il 20% alle azioni digitali e non danneggiare significativamente gli obiettivi ambientali (in stretto collegamento con il regolamento sulla tassonomia). Avrei voluto che fosse destinato almeno il 40% del bilancio al clima e purtroppo manca anche un obiettivo quantitativo per la biodiversità, ma il testo è frutto di un compromesso nel complesso positivo. In particolare, ho apprezzato il miglioramento della metodologia di monitoraggio per la spesa per il clima, basata sul quadro della tassonomia dell'UE.
Potranno ricevere fondi a titolo del dispositivo, soltanto i Paesi membri, impegnati nel rispetto dello stato di diritto e dei valori fondamentali dell'Unione europea.

Eleonora EVI
Eleonora EVI

Sur EP NEWSHUB

Per troppo tempo le #compagnieaeree hanno #inquinare gratuitamente. Firma qui per chiedere alla @EU_Commission di far pagare alle compagnie aeree le dovute tasse sul carburante! https://t.co/yQD5Ca5foF  https://t.co/8GJ179R6UV 

Nel 2050 nei mari ci saranno più #microplastiche che #pesci. Il #ParlamentoUE non è rimasto a guardar e ha proposto alla #CommissioneUE di ridurre gli #imballaggi, migliorare la riciclabilità e promuoverne il riutilizzo. Ne ho parlato con @LifeGate https://t.co/zaU3uvUnuJ  https://t.co/esw516ex0z 

Stop #ViolenzaDiGenere! Chiediamo alla @EU_Commission una direttiva globale per prevenire e contrastare e porre fine alla violenza di genere online e offline. Firmate anche voi la petizione👉 https://t.co/Xu2GDyVyJD  #GenderBasedViolence #NoMoreEmptyWords @GreensEFA https://t.co/pweHxnVJwt 

Contact

Bruxelles

Strasbourg