• Fulvio   MARTUSCIELLO  

Fulvio MARTUSCIELLO : Dichiarazioni di voto scritte - 8ª legislatura 

I deputati possono rilasciare una dichiarazione scritta sul proprio voto in Aula. Articolo 194 del regolamento

Statistiche comunitarie sulla migrazione e la protezione internazionale (A8-0395/2018 - Cecilia Wikström)  
 

Ho espresso voto favorevole sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica il regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alle statistiche comunitarie in materia di migrazione e di protezione internazionale.
Le statistiche in materia di migrazione e di protezione internazionale sono fondamentali per avere una visione d'insieme dei flussi migratori all'interno dell'Unione europea e per consentire la corretta applicazione da parte degli Stati membri della legislazione dell'Unione, nel rispetto dei diritti fondamentali sanciti dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea e dalla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.

Adesione dell’UE all’Atto di Ginevra sulle denominazioni di origine e le indicazioni geografiche (A8-0187/2019 - Virginie Rozière)  
 

Ho votato favorevolmente sul progetto di decisione del Consiglio relativa all'adesione dell'Unione europea all'Atto di Ginevra dell'accordo di Lisbona sulle denominazioni di origine e le indicazioni geografiche.
Il mio voto è favorevole visto l'impatto positivo delle IG sulla produzione ad elevato valore aggiunto nel settore agricolo. Le sue parti contraenti si impegnano a proteggere, sul loro territorio, le denominazioni di origine dei prodotti degli altri paesi dell'Unione particolare, riconosciute e protette in quanto tali nel paese di origine e registrate presso l'Ufficio internazionale della proprietà intellettuale dell'Organizzazione.

Azione dell’Unione a seguito della sua adesione all’Atto di Ginevra dell’Accordo di Lisbona sulle denominazioni di origine e le indicazioni geografiche (A8-0036/2019 - Virginie Rozière)  
 

Ho espresso voto favorevole sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo all'azione dell'Unione a seguito della sua adesione all'Atto di Ginevra dell'accordo di Lisbona sulle denominazioni di origine e le indicazioni geografiche.
L'aggiunta di indicazioni geografiche al registro internazionale dovrebbe perseguire l'obiettivo di fornire prodotti di qualità, concorrenza leale e protezione dei consumatori.

Accordo UE-Filippine su alcuni aspetti relativi ai servizi aerei (A8-0191/2019 - Jozo Radoš)  
 

Ho espresso voto favorevole sul progetto di decisione del Consiglio relativa alla firma, a nome dell'Unione europea, dell'accordo su alcuni aspetti dei servizi aerei tra l'Unione europea e il governo della Repubblica delle Filippine.
Tale normativa sostituisce alcune disposizioni degli accordi bilaterali vigenti sui servizi aerei fra gli Stati membri e la Repubblica delle Filippine e risolve i potenziali conflitti con le norme dell'Unione europea in materia di concorrenza.

Accordo internazionale sull’olio d’oliva e le olive da tavola (A8-0186/2019 - Eleonora Forenza)  
 

Ho espresso voto favorevole riguardo il progetto di decisione del Consiglio relativa alla conclusione a nome dell'Unione europea dell'accordo internazionale del 2015 sull'olio d'oliva e le olive da tavola.
L'obiettivo dell'accordo internazionale sull'olio d'oliva e le olive da tavola è quello di promuovere la cooperazione internazionale per lo sviluppo integrato e sostenibile dell'olivicoltura mondiale; promuovere il coordinamento delle politiche di produzione, industrializzazione, stoccaggio e commercializzazione degli oli di oliva, degli oli di sansa e delle olive da tavola; incoraggiare la ricerca e lo sviluppo;, promuovere il trasferimento di tecnologie e attività di formazione nel settore oleicolo.

Distribuzione transfrontaliera dei fondi di investimento collettivo (direttiva) (A8-0430/2018 - Wolf Klinz)  
 

Ho votato favorevolmente alla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica la direttiva 2009/65/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda la distribuzione transfrontaliera dei fondi di investimento collettivo.
Tali attività di pre-commercializzazione dovrebbero essere adeguatamente documentate e messe a disposizione, su richiesta, delle autorità nazionali competenti interessate. Tali informazioni dovrebbero includere un riferimento agli Stati membri e al periodo di tempo in cui si sono svolte le attività di pre-commercializzazione e una descrizione delle strategie di investimento o delle idee di investimento presentate nel corso delle attività di pre-commercializzazione.
L'ESMA dovrebbe monitorare da vicino l'eventuale assenza di convergenza tra Stati membri per quanto riguarda la documentazione delle attività di pre-commercializzazione e adottare tutte le misure necessarie per garantire che, in tali casi, non vi siano ostacoli all'efficacia della pre-commercializzazione quale strumento di promozione della distribuzione transfrontaliera dei fondi.

Distribuzione transfrontaliera dei fondi di investimento collettivo (regolamento) (A8-0431/2018 - Wolf Klinz)  
 

Mi sono espresso favorevolmente in relazione alla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio per facilitare la distribuzione transfrontaliera dei fondi di investimento collettivo e che modifica i regolamenti (UE) n. 345/2013 e (UE) n. 346/2013.
Al fine di accrescere la trasparenza e la tutela degli investitori e di facilitare l'accesso alle informazioni sulle disposizioni legislative, le autorità nazionali competenti dovrebbero pubblicare tali informazioni sui loro siti web almeno in una lingua comunemente utilizzata nel settore della finanza internazionale, comprese le loro sintesi non ufficiali che consentirebbero ai gestori di organismi di investimento collettivo di ottenere una prima indicazione di tali requisiti.

Requisiti patrimoniali (regolamento) (A8-0242/2018 - Peter Simon)  
 

Ho espresso voto favorevole alla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica il regolamento (UE) n. 575/2013 per quanto riguarda il coefficiente di leva finanziaria, il coefficiente netto di finanziamento stabile, i requisiti di fondi propri e passività ammissibili, il rischio di controparte, il rischio di mercato, le esposizioni verso controparti centrali, le esposizioni verso organismi di investimento collettivo, le grandi esposizioni, gli obblighi di segnalazione e informativa e che modifica il regolamento (UE) n. 648/2012 sulla proporzionalità.
I coefficienti di leva finanziaria contribuiscono a preservare la stabilità finanziaria agendo come meccanismo di protezione nel quadro dei requisiti patrimoniali basati sul rischio e impedendo la costituzione di un eccesso di leva finanziaria durante i periodi di crescita economica.
Pertanto è opportuno introdurre un requisito di coefficiente di leva finanziaria che integri l'attuale sistema di segnalazione e informativa per quanto concerne il coefficiente di leva finanziaria.

Requisiti patrimoniali (direttiva) (A8-0243/2018 - Peter Simon)  
 

Ho votato favorevolmente alla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica la direttiva 2013/36/UE per quanto riguarda le entità esentate, le società di partecipazione finanziaria, le società di partecipazione finanziaria mista, la remunerazione, le misure e i poteri di vigilanza e le misure di conservazione del capitale.
Il mio voto favorevole è dovuto a misure legislative che hanno dato un contributo sostanziale al rafforzamento del sistema finanziario dell'Unione e hanno reso le istituzioni più resilienti ai possibili shock futuri. Pur essendo di portata estremamente vasta, queste misure non affrontavano tutte le carenze individuate a livello degli enti.
Inoltre alcune delle misure proposte inizialmente sono soggette a clausole di revisione o non sono state specificate in misura sufficiente per agevolarne l'attuazione.

Capacità di assorbimento delle perdite e di ricapitalizzazione di enti creditizi e imprese di investimento (regolamento) (A8-0216/2018 - Gunnar Hökmark)  
 

Ho espresso voto favorevole sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica il regolamento (UE) n. 806/2014 per quanto riguarda la capacità di assorbimento delle perdite e di ricapitalizzazione per gli enti creditizi e le imprese di investimento.
Il Comitato dovrebbe garantire che gli enti dispongano di una sufficiente capacità di assorbimento delle perdite e di ricapitalizzazione per assicurare una ricapitalizzazione rapida nel quadro della risoluzione con un impatto minimo sulla stabilità finanziaria e sui contribuenti.
Quest'obiettivo dovrebbe essere raggiunto mediante il rispetto, da parte degli enti, di un requisito minimo di fondi propri e passività ammissibili per uno specifico ente, come previsto dal regolamento.

Capacità di assorbimento delle perdite e di ricapitalizzazione di enti creditizi e imprese di investimento (direttiva) (A8-0218/2018 - Gunnar Hökmark)  
 

Mi sono espresso favorevolmente sulla proposta di direttiva del Parlamento e del Consiglio che modifica la direttiva 2014/59/UE sulla capacità di assorbimento di perdite e di ricapitalizzazione degli enti creditizi e delle imprese di investimento e le direttive 98/26/CE, 2002/47/CE, 2012/30/UE, 2011/35/UE, 2005/56/CE, 2004/25/CE e 2007/36/CE.
Il Consiglio per la stabilità finanziaria (FSB) ha pubblicato la lista delle condizioni relative alla capacità totale di assorbimento delle perdite (TLAC) ("norma TLAC"), approvata dal G20 nel novembre 2015. La norma TLAC impone alle banche a rilevanza sistemica globale (G-SIB), denominate enti a rilevanza sistemica globale (G-SII) nel quadro dell'Unione, di detenere un importo minimo sufficiente di passività a elevata capacità di assorbimento delle perdite (sottoponibili al bail in) per assicurare un assorbimento delle perdite e una ricapitalizzazione agevoli e rapidi nel quadro della risoluzione
Nella sua comunicazione del 24 novembre 2015 la Commissione si è impegnata a presentare entro la fine del 2016 una proposta legislativa che consentirebbe di attuare la norma TLAC entro il termine del 2019, concordato a livello internazionale.

Titoli garantiti da obbligazioni sovrane (A8-0180/2019 - Jonás Fernández)  
 

Ho votato favorevolmente sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo ai titoli garantiti da obbligazioni sovrane. I titoli garantiti da obbligazioni sovrane ("SBBS") potrebbero risolvere alcune delle vulnerabilità evidenziate o scaturite dalla crisi finanziaria del 2007-2008.
Nello specifico, gli SBBS potrebbero aiutare le banche e gli altri enti finanziari a diversificare meglio le esposizioni sovrane, ad allentare ulteriormente il legame banca-emittente sovrano e a potenziare l'offerta di attività a basso rischio denominate in euro agevolando l'attuazione della politica monetaria.
Gli SBBS potrebbero, inoltre, rendere più appetibili per gli investitori internazionali le obbligazioni emesse in mercati nazionali di piccole dimensioni e a minore liquidità, favorendo la condivisione e la riduzione dei rischi nel settore privato e promuovendo una ripartizione più efficiente dei rischi tra gli operatori finanziari.

Autorità europee di vigilanza e mercati finanziari (A8-0013/2019 - Othmar Karas, Pervenche Berès)  
 

Ho votato favorevolmente sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio perché ritengo sia di importanza cruciale che il sistema finanziario svolga pienamente il suo ruolo nell'affrontare con efficacia le sfide critiche connesse alla sostenibilità. Ciò richiederà un contributo attivo delle autorità europee di vigilanza per creare un quadro normativo e di vigilanza adeguato.

Vigilanza macroprudenziale del sistema finanziario nell'Unione europea e istituzione del Comitato europeo per il rischio sistemico (A8-0011/2019 - Othmar Karas, Pervenche Berès)  
 

Ho votato favorevolmente sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio recante modifica del regolamento (UE) n. 1092/2010 relativo alla vigilanza macroprudenziale del sistema finanziario nell'Unione europea e che istituisce il Comitato.
Per assicurare la qualità e la pertinenza dei pareri, delle raccomandazioni e delle decisioni del CERS, il comitato tecnico consultivo e il comitato scientifico consultivo dovrebbero, ove opportuno, consultare i portatori di interessi, gli esperti in materia e le parti sociali in una fase precoce e in modo aperto, pluralistico e trasparente. Ai fini di una maggiore efficienza, i risultati di queste consultazioni dovrebbero essere presi pienamente in considerazione.

Mercati degli strumenti finanziari e accesso ed esercizio delle attività di assicurazione e di riassicurazione (Solvibilità II) (A8-0012/2019 - Othmar Karas, Pervenche Berès)  
 

Ho votato favorevolmente sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica la direttiva 2014/65/UE relativa ai mercati degli strumenti finanziari e la direttiva 2009/138/CE in materia di accesso ed esercizio delle attività di assicurazione.
La direttiva istituisce un quadro normativo per i fornitori di servizi di comunicazione dati e dispone che i servizi di comunicazione dati post-negoziazione debbano essere autorizzati come dispositivi di pubblicazione autorizzati (APA).
Inoltre, i fornitori di sistemi consolidati di pubblicazione (CTP) sono tenuti a fornire dati delle negoziazioni su base consolidata sia per gli strumenti di capitale che per quelli diversi dagli strumenti di capitale in tutta l'Unione.

Vigilanza prudenziale sulle imprese di investimento (direttiva) (A8-0295/2018 - Markus Ferber)  
 

Ho votato favorevolmente sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alla vigilanza prudenziale sulle imprese di investimento e recante modifica delle direttive 2013/36/UE e 2014/65/UE. Una vigilanza prudenziale solida è parte integrante delle condizioni normative in base alle quali gli enti finanziari possono fornire servizi all'interno dell'Unione.
La vigilanza prudenziale dovrebbe anche mirare a evitare un onere amministrativo sproporzionato per le imprese di investimento. Nel contempo, detta vigilanza prudenziale dovrebbe consentire di trovare un equilibrio tra la necessità di garantire la sicurezza e la solidità delle imprese di investimento e la necessità di evitare costi eccessivi suscettibili di pregiudicare la sostenibilità della loro attività commerciale.

Requisiti prudenziali delle imprese di investimento (regolamento) (A8-0296/2018 - Markus Ferber)  
 

Ho votato favorevolmente sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo ai requisiti prudenziali delle imprese di investimento. Requisiti prudenziali solidi dovrebbero assicurare una gestione delle imprese di investimento corretta e nel migliore interesse dei clienti. Essi dovrebbero tener conto della possibilità che le imprese di investimento e i loro clienti si espongano a rischi eccessivi e dei diversi gradi di rischio assunto e posto dalle imprese di investimento. Allo stesso modo, i requisiti prudenziali dovrebbero mirare a evitare indebiti oneri amministrativi a carico delle imprese di investimento.

Autorità europea del lavoro (A8-0391/2018 - Jeroen Lenaers)  
 

Ho votato favorevolmente sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce l'Autorità europea del lavoro.
L'Unione si adopera per un'economia sociale di mercato fortemente competitiva, che mira alla piena occupazione e al progresso sociale, combatte l'esclusione sociale e le discriminazioni e promuove la giustizia e la protezione sociali, la parità tra donne e uomini, la solidarietà tra le generazioni e la tutela dei diritti del minore, nonché promuove la coesione economica, sociale e territoriale e la solidarietà tra gli Stati membri.
L'Unione tiene conto delle esigenze connesse, tra l'altro, con la promozione di un elevato livello di occupazione, la garanzia di un'adeguata protezione sociale, la lotta contro l'esclusione sociale e un elevato livello di istruzione, formazione e tutela della salute umana.

Conservazione delle risorse della pesca e protezione degli ecosistemi marini attraverso misure tecniche (A8-0381/2017 - Gabriel Mato)  
 

Ho votato favorevolmente sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla conservazione delle risorse della pesca e alla protezione degli ecosistemi marini attraverso misure tecniche, che modifica i regolamenti (CE).
La semplificazione delle norme vigenti è necessaria per migliorarne la comprensione e il rispetto da parte di operatori, autorità nazionali e parti interessate. Il processo di consultazione del consiglio consultivo dovrebbe essere rispettato in conformità del regolamento (UE) n. 1380/2013; è opportuno provvedere ad assicurare il pieno rispetto di tutti gli obiettivi in materia di conservazione e sostenibilità.

Regolamento relativo alle statistiche europee sulle imprese (A8-0094/2018 - Janusz Lewandowski)  
 

Ho votato favorevolmente sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alle statistiche europee sulle imprese, che modifica il regolamento (CE) n. 184/2005 e abroga dieci atti giuridici nel settore delle statistiche sulle imprese.
Gli Stati membri o le autorità nazionali competenti dovrebbero adoperarsi per semplificare nella misura massima possibile la rilevazione dei dati statistici provenienti dalle imprese europee. Il sistema delle statistiche europee sulle imprese dovrebbe tenere conto dei più recenti sviluppi digitali al momento di determinare gli strumenti e i metodi di rilevazione dei dati statistici.