Please fill this field
Sergio BERLATO Sergio BERLATO
Sergio BERLATO

Gruppo dei Conservatori e Riformisti europei

Membro

Italia - Fratelli d'Italia (Italia)

Data di nascita : , Vicenza

Home Sergio BERLATO

Membro

ENVI
Commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare
DMAS
Delegazione per le relazioni con i paesi del Mashreq
DARP
Delegazione per le relazioni con la penisola arabica
DMED
Delegazione all'Assemblea parlamentare dell'Unione per il Mediterraneo

Membro sostituto

INTA
Commissione per il commercio internazionale
DMAG
Delegazione per le relazioni con i paesi del Maghreb e l'Unione del Maghreb arabo, comprese le commissioni parlamentari miste UE-Marocco, UE-Tunisia e UE-Algeria

Ultime attività

Sostegno temporaneo eccezionale nell'ambito del FEASR in risposta alla pandemia di Covid-19 (modifica del regolamento (UE) n. 1305/2013) (C9-0128/2020 - Norbert Lins)

19-06-2020
Dichiarazioni di voto scritte

La proposta dell’Unione mira a fornire un'assistenza temporanea per porre rimedio alle perturbazioni economiche e ai problemi finanziari degli agricoltori e delle piccole imprese del settore agricolo dovuti alla crisi causata dal COVID-19. Gli aiuti saranno erogati sotto forma di un pagamento forfettario una tantum dalla dotazione per lo sviluppo rurale ed effettuato al più presto nel quarto trimestre del 2020. Questo periodo sarà caratterizzato da un processo decisionale chiaro e rapido da parte delle istituzioni per consentire agli attori della filiera alimentare di essere tempestivamente informati sugli sviluppi futuri. Il periodo transitorio non dovrebbe, però, in alcun modo significare che gli agricoltori debbano lavorare con le vecchie norme e meno fondi. Il progetto presentato è infatti fortemente contrario a qualsiasi riduzione dei finanziamenti destinati all'agricoltura, in quanto il reddito degli agricoltori europei è già inferiore alla media degli altri settori.
Per queste ragioni ho espresso voto favorevole alla proposta con il fine di garantire un percorso chiaro verso il nuovo periodo di programmazione della Politica Agricola Comune 2021-2027.

Raccomandazioni per i negoziati su un nuovo partenariato con il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord (A9-0117/2020 - Kati Piri, Christophe Hansen)

18-06-2020
Dichiarazioni di voto scritte

A seguito della Brexit è nata la necessità di aprire i negoziati per un nuovo partenariato con il Regno Unito di Gran Bretagna e l’Irlanda del Nord. Ho espresso voto favorevole e ho presentato degli emendamenti affinché i futuri rapporti del partenariato commerciale tra UE e UK rimangano intatti.
Tali negoziati, basati sulla parità di condizioni, hanno infatti lo scopo di prevenire qualsiasi distorsione del mercato in termini di politica di concorrenza e di aiuti di Stato per evitare qualsiasi tipologia di dumping economico o sociale.
Tra le varie tematiche di discussione vanno annoverate la libera circolazione di merci e persone: nonostante la previsione di un cambiamento delle norme in materia, faremo il possibile per assicurare che la circolazione sia quanto più semplificata possibile, garantendo la possibilità di svolgere tutte le attività in materia di sicurezza in modo collaborativo.
Sebbene i negoziati siano ancora in fase iniziale, l’auspicio è che l’Ue riesca ad uscire dalla trappola della burocrazia e che la partnership possa essere attuata nel più breve tempo possibile, raggiungendo i giusti compromessi per assecondare gli interessi di entrambi gli attori coinvolti.

Mobilitazione del Fondo di solidarietà dell'Unione europea al fine di fornire assistenza a Portogallo, Spagna, Italia e Austria (A9-0105/2020 - José Manuel Fernandes)

17-06-2020
Dichiarazioni di voto scritte

Tra la fine di ottobre ed il mese di novembre 2019, una serie di eventi metereologici estremi connessi tra loro ha colpito gran parte del territorio nazionale causando gravi danni dovuti ad allagamenti e frane, culminando poi nella disastrosa alluvione a Venezia. Il picco di marea superiore a 187 cm sul livello del mare ha causato l'allagamento di oltre l'85 % della città, arrecando danni considerevoli al patrimonio artistico e culturale del centro storico, tra cui gravi danni a manufatti e a beni cartacei come libri, manoscritti e archivi.
In Veneto le inondazioni hanno causato enormi danni a proprietà pubbliche e private, ad attività commerciali, economiche e industriali e ai servizi terziari. Inoltre, i fenomeni meteorologici estremi hanno causato notevoli perdite per alcuni settori tra i quali agricoltura, turismo, produzione di legname, nonché interruzioni delle reti elettriche e del gas. Ho espresso voto favorevole alla mobilitazione del Fondo di Solidarietà dell'UE (FSUE) per un totale di 272,5 milioni €, di cui 211,7 milioni di € destinati all’Italia. Nonostante questi fondi vengano stanziati quasi un anno dopo il verificarsi dalle catastrofi naturali, saranno indispensabili per fornire assistenza durante la ricostruzione ai paesi più duramente colpiti quali Italia, Portogallo, Spagna e Austria.

Per contattarci

Bruxelles

Strasbourg