Please fill this field
Elisabetta GUALMINI Elisabetta GUALMINI
Elisabetta GUALMINI

Eiropas Parlamenta sociālistu un demokrātu progresīvās alianses grupa

Locekle

Itālija - Partito Democratico (Itālija)

Dzimšanas gads : , Modena

Sākums Elisabetta GUALMINI

Locekle

BUDG
Budžeta komiteja
EMPL
Nodarbinātības un sociālo lietu komiteja
D-RU
Delegācija ES un Krievijas parlamentārās sadarbības komitejā

Aizstājēja

REGI
Reģionālās attīstības komiteja
D-ZA
Delegācija attiecībām ar Dienvidāfriku

Deputāta darbība pēdējā laikā

Izmeklēšanas atsākšana pret Čehijas premjerministru saistībā ar ES līdzekļu nepareizu lietošanu un iespējamu interešu konfliktu (B9-0192/2020) IT

19-06-2020
Rakstiski balsojumu skaidrojumi

Era importante votare a favore di questa risoluzione, che evidenzia il potenziale conflitto di interesse del Primo Ministro Babiš della Repubblica Ceca e propone delle soluzioni a questo problema. Babiš è il proprietario del gruppo Agrofert, un conglomerato di 230 aziende con più di 34000 impiegati, attivo principalmente nel settore dell’agricoltura. Nel 2018 le sue aziende hanno ricevuto più di 36 milioni di euro, e sono quindi uno dei principali beneficiari dei fondi europei (in particolare la Politica Agricola Comune). A novembre 2019 tutti i pagamenti ad aziende di proprietà del primo ministro ceco sono stati sospesi. Il procuratore generale della Repubblica Ceca sta ancora investigando un potenziale abuso dei fondi europei da parte del Primo Ministro. La risoluzione che abbiamo votato chiede più trasparenza nell’assegnazione dei fondi europei, rendendo sempre visibile chi riceva i fondi da ogni Stato membro. Nel caso specifico di Babiš, chiediamo che venda le proprie quote in Agrofert, o che rinunci ad intervenire in decisioni europee e nazionali che potrebbero assegnare più fondi alle sue aziende.

2021. gada budžeta pamatnostādnes — III iedaļa (A9-0110/2020 - Pierre Larrouturou) IT

19-06-2020
Rakstiski balsojumu skaidrojumi

La relazione sugli orientamenti del bilancio 2021 stabilisce le principali priorità politiche del Parlamento europeo per il bilancio del prossimo anno e fornisce una panoramica piuttosto completa dei vari programmi di spesa. In attesa della proposta della Commissione, il Parlamento ha approvato delle linee-guida ambiziose, che ribadiscono la necessità di stabilire rapidamente un massiccio piano di ripresa e di un bilancio europeo basato sulla lotta al cambiamento climatico e a favore della trasformazione digitale. Ho sostenuto il rapporto, perché chiede con forza di mettere al centro dell’azione europea programmi di spesa sulla protezione del benessere e della salute delle persone, la creazione posti di lavoro di alta qualità e della formazione, concentrando risorse adeguate sulle politiche di coesione e sulla convergenza sociale, economica e territoriale. Da notare, inoltre, la richiesta di stabilire una dotazione specifica che si concentri sul settore del turismo sostenibile, attraverso un programma distinto nell'ambito del prossimo bilancio pluriennale. L’Unione deve lanciare un forte segnale verso questo settore, tra i più colpiti dalla crisi, e fornire risorse e sostegno concreto agli imprenditori e ai lavoratori del comparto turistico che hanno bisogno di ripartire.

Tūrisms un transports 2020. gadā un pēc tam (RC-B9-0166/2020, B9-0166/2020, B9-0175/2020, B9-0177/2020, B9-0178/2020, B9-0180/2020, B9-0182/2020, B9-0184/2020) IT

19-06-2020
Rakstiski balsojumu skaidrojumi

La crisi economica dettata dalla pandemia colpirà duramente la nostra economia, e il settore del turismo sarà forse il più colpito di tutti. Essendo un business stagionale, perdere l’estate 2020 potrebbe significare la chiusura di molte strutture dell’ospitalità e la perdita di posti di lavoro. La Commissione stima che in totale il settore turistico perderà il 70% delle entrate. L’Unione Europea ha il dovere di intervenire e aiutare chi soffre di più la crisi economica. Ho votato questa risoluzione soprattutto perché chiede che parte dei fondi di Next Generation EU possa essere reinvestita sul turismo, e che nel prossimo QFP ci sia una linea di bilancio dedicata al turismo sostenibile, per il rilancio del settore. È anche positivo che la risoluzione solleciti la Commissione a migliorare la comunicazione sulla mobilità transfrontaliera ed il turismo, perché ci sono ancora molti cittadini europei che non sanno se e dove possono viaggiare. Migliorare la fiducia dei turisti è il primo passo necessario per salvare la stagione estiva 2020.

Kontakti

Bruxelles

Strasbourg