Stefania ZAMBELLI Stefania ZAMBELLI
Stefania ZAMBELLI

Grupp Identità u Demokrazija

Membru

l-Italja - Lega (l-Italja)

Dar Stefania ZAMBELLI

Membru

EMPL
Kumitat għall-Impjiegi u l-Affarijiet Soċjali
BECA
Kumitat Speċjali għall-Ġlieda kontra l-Kanċer
DSEE
Delegazzjoni għar-relazzjonijiet mal-Bosnja-Ħerzegovina u l-Kosovo

Sostitut

REGI
Kumitat għall-Iżvilupp Reġjonali
PETI
Kumitat għall-Petizzjonijiet
D-UA
Delegazzjoni għall-Kumitat Parlamentari ta' Assoċjazzjoni UE-Ukrajna

L-aħħar attivitajiet

L-Aġenzija Ewropea għall-Mediċini (A9-0216/2021 - Nicolás González Casares) IT

19-01-2022
Spegazzjonijiet tal-vot (in writing.)

La Relazione in commento ha per oggetto la proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al ruolo dell’Agenzia europea per i medicinali, anche indicata come EMA, nella preparazione alle crisi e nella loro gestione relativamente ai medicinali e ai dispositivi medici. In particolare, il testo prevede in capo all’Agenzia in commento una serie di mezzi al fine di gestire situazioni di emergenza sanitaria come quella della pandemia di COVID-19. Sono, a tal proposito, contemplate misure di preparazione e gestione dell’impatto che eventi ed emergenze di particolare gravità possono avere sui medicinali per uso umano e sui dispositivi medici a livello di Unione europea. Inoltre, il regolamento prevede in seno all’EMA ulteriori misure e mezzi al fine di monitorare e riferire in materia di carenza di medicinali e dispositivi medici per uso umano. Ho espresso un voto positivo al testo fino a qui esposto alla luce delle conseguenze della pandemia di COVID-19 sul settore in commento. Difatti, la pandemia ha reso ancora più evidente il problema della carenza di determinati medicinali di primaria importanza ai fini del superamento della stessa, comportando l’effetto di una maggiore dipendenza esterna dell’Unione europea in termini di produzione interna di medicinali e di dispositivi medici. Occorre, pertanto, implementare i mezzi necessari ai fini di una maggiore cooperazione e coordinamento tra le autorità competenti in seno all’Unione europea, al fine di gestire con maggiore efficacia le minacce che si presentano a danno della salute pubblica.

Oġġezzjoni skont l-Artikolu 111(3) tar-Regoli ta' Proċedura: Determinazzjoni ta' każijiet fejn id-data tal-identità tista' titqies l-istess jew simili għall-fini tad-detezzjoni ta' identitajiet multipli skont ir-Regolament (UE) 2019/817 (B9-0061/2022) IT

19-01-2022
Spegazzjonijiet tal-vot (in writing.)

La risoluzione in commento ha per oggetto il regolamento delegato della Commissione del 29 settembre 2021 che integra il regolamento dell’Unione europea 2019/817, così come incentrato sul tema della determinazione dei casi in cui i dati attinenti all’identità di un soggetto possano essere considerati identici o similari ai fini dell’individuazione di multiple identità. Ai fini di una maggiore chiarezza nell’esposizione, occorre precisare che nel maggio del 2019 sono stati adottati due Regolamenti al fine di delineare un quadro per l’interoperabilità tra i sistemi informativi dell’Unione europea in materia di cooperazione di polizia e giudiziaria, dell’asilo e migratoria. Tale interoperabilità ha il fine, di primaria importanza, di contrastare il fenomeno della frode d’identità, da un lato, e di facilitare la corretta identificazione dei viaggiatori in buona fede, dall’altro. Inoltre, i succitati Regolamenti stabilivano che la Commissione adottasse, successivamente, degli atti delegati di modo da stabilire le procedure ai fini della determinazione dei casi di identità multiple. Posto quanto sino a qui esposto e condividendo la necessità della succitata interoperabilità ai fini del contrasto al dilagante fenomeno della frode identitaria, ho espresso un voto negativo alla Risoluzione oggetto di votazione in quanto, quest’ultima, esprime un parere contrario ai succitati atti delegati della Commissione e, più genericamente all’interoperabilità, adducendo che questi violino il diritto alla privacy.

Kuntatt

Bruxelles

Parlement européen
Bât. ALTIERO SPINELLI
06F366
60, rue Wiertz / Wiertzstraat 60
B-1047 Bruxelles/Brussel
Strasbourg

Parlement européen
Bât. SALVADOR DE MADARIAGA
G06032
1, avenue du Président Robert Schuman
CS 91024
F-67070 Strasbourg Cedex