Gianna GANCIA Gianna GANCIA
Gianna GANCIA

Grupul Identitate și Democrație

Membră

Italia - Lega (Italia)

Data nașterii : , Bra

Prima pagină Gianna GANCIA

Membră

DEVE
Comisia pentru dezvoltare
PETI
Comisia pentru petiții
DSCA
Delegația la Comisia parlamentară de parteneriat UE-Armenia, la Comisia parlamentară de cooperare UE-Azerbaidjan și la Comisia parlamentară de asociere UE-Georgia

Membru supleant

ECON
Comisia pentru afaceri economice și monetare
ITRE
Comisia pentru industrie, cercetare și energie
D-US
Delegația pentru relațiile cu Statele Unite

Activități recente

Orientări pentru bugetul pe 2021 - Secțiunea a III-a (A9-0110/2020 - Pierre Larrouturou) IT

19-06-2020
Explicații scrise ale votului

Ho deciso di votare contro il testo normativo contenente le linee guida del Parlamento per l’approvazione del bilancio UE per il 2021. In effetti, è innegabile che questo testo contiene riferimenti condivisibili circa la necessità di concentrare gli sforzi economici europei nell’innescare la ripresa, ma dall’altro lato continua a richiamare la necessità per le imprese e gli Stati membri di rispettare obiettivi ambientali concepiti prima dell’emergenza Covid. Attualmente, tali obiettivi appaiono di difficile realizzazione, nei tempi e nei modi previsti dalla Commissione, proprio a causa della situazione economica disastrosa cui si trovano a far fronte Stati membri e imprese. Non discuto l’importanza e la necessità del rispetto di tali obiettivi climatici, ma ritengo che siano doverose proroghe di alcuni termini, per evitare che le imprese e gli Stati membri sopportino un peso economico eccessivo, che potrebbe soffocare sul nascere la ripresa economica. Inoltre, il testo fa riferimento alla necessità di creare nuove risorse proprie, che confluiscano direttamente nel bilancio Ue. I tentativi da parte di qualsiasi amministrazione centrale di aumentare costantemente le proprie fonti di entrate fiscali a spese degli amministrati, difficilmente trovano il mio sostegno, in quanto suscettibili di rafforzare ed aumentare una macchina burocratica che a mio avviso andrebbe invece rimodellata e flessibilizzata.

Legea privind securitatea națională a Republicii Populare Chineze pentru Hong Kong și necesitatea ca UE să apere nivelul ridicat de autonomie al Hong Kong-ului (RC-B9-0169/2020, B9-0169/2020, B9-0171/2020, B9-0173/2020, B9-0174/2020, B9-0176/2020, B9-0181/2020, B9-0193/2020) IT

19-06-2020
Explicații scrise ale votului

Ho votato a favore della risoluzione comune perché ritengo che non si debba abbassare la guardia su quanto sta succedendo ad Hong Kong in questo periodo. In effetti, il regime comunista cinese, sfruttando il clamore causato dalla pandemia, ha arrestato indiscriminatamente oltre 200 persone scese in piazza in modo pacifico per chiedere libertà, democrazia e il ritiro della legge che assoggetterebbe definitivamente il Paese a Pechino. In tutto questo, la comunità internazionale si mostra come spesso accade troppo timida, con il grave silenzio dell’Unione europea che non ha ancora espresso una posizione forte di condanna verso un regime che, dall’estate scorsa, ha arrestato oltre 8 mila manifestanti. Credo inoltre che nei trattati commerciali in via d’attuazione l’UE debba imporre delle sanzioni a Pechino e inserire delle clausole legate al rispetto dei diritti umani a Hong Kong.

Gianna GANCIA
Gianna GANCIA

Pe site-ul NEWSHUB al PE

Italia tra i pochi Paesi UE a non aver ancora chiesto l'accesso al fondo #SURE contro la disoccupazione. Perché?

#MobilityPackage approvato dal PE buon compromesso contro concorrenza sleale dall'Est. Ora serve completare il quadro normativo con un sistema di controlli efficace e capillare in tutta l'Unione che eviti dumping salariale.

"Dobbiamo cambiare l’Europa, se vogliamo preservarla". Discorso solido di #Merkel davanti al Parlamento europeo. Fondamentale sarà trovare l'accordo sul #RecoveryFund già a luglio, mantenendo alta l'ambizione. Il cambiamento inizi da subito, non c'è più tempo da perdere.

Contact

Bruxelles

Strasbourg