Antidumping: voto finale sulle nuove norme UE per tutelare occupazione e industria  

I deputati voteranno mercoledì le nuove norme per contrastare le importazioni da paesi terzi oggetto di dumping e sovvenzioni.

L'obiettivo è quello di fronteggiare le pratiche commerciali sleali dei paesi terzi i cui governi interferiscono pesantemente nell'economia. Il 3 ottobre scorso è stato raggiunto un accordo informale tra i deputati e i negoziatori del Consiglio UE, ma per l’entrata in vigore delle nuove regole è necessaria l'approvazione della Plenaria.

 

Le norme commerciali dell'UE imporranno, per la prima volta a livello mondiale, ai partner commerciali e ai produttori al di fuori dell'UE il rispetto delle norme internazionali sul lavoro e sull’ambiente.


Le imprese dell'UE non dovranno fornire alcuna prova supplementare sul dumping di merci nel mercato UE da parte dei loro concorrenti dei paesi terzi e nei i casi di antidumping si terrà conto delle esigenze economiche e commerciali delle piccole e medie imprese europee. Inoltre, i sindacati dell'UE avranno la possibilità di contribuire alle decisioni sulle misure di difesa commerciale.


Contesto


I posti di lavoro e le imprese dell'UE hanno grandi difficoltà a competere con le importazioni a basso prezzo dei paesi terzi con capacità di produzione in eccesso e economie sovvenzionate, soprattutto nei settori dell'acciaio, dell'alluminio, delle biciclette, del cemento, dei prodotti chimici, della ceramica, del vetro, della carta e dei pannelli solari.


Le nuove norme consentirebbero all'UE di reagire a tali pratiche commerciali sleali, colpendo le importazioni con prezzi non basati su quelli di mercato a causa delle interferenze statali.


I deputati stanno inoltre negoziando un aggiornamento degli "strumenti di difesa commerciale" dell'UE, che riguardano la difesa commerciale contro le importazioni da paesi che non interferiscono in maniera sistematica nell’economia, ma comunque utilizzano dumping e sovvenzioni per vendere i loro prodotti.



Dibattito: martedì 14 novembre

Votazione: mercoledì 15 novembre

Conferenza stampa: mercoledì 15 novembre alle 15.00 con il relatore Salvatore Cicu (PPE, IT) e il Presidente della commissione per il commercio internazionale, Bernd Lange (S&D, DE)

Procedura: procedura legislativa ordinaria, accordo in prima lettura

Hashtag: #antidumping