Briefing 
 

Divieto delle plastiche monouso: via libera del Parlamento 

Il PE si appresta ad approvare, in via definitiva, il divieto UE su articoli in plastica monouso come piatti, posate, cannucce e cotton fioc a partire dal 2021.

La normativa, già concordata in via informale con i Ministri UE, fissa inoltre un obiettivo di raccolta del 90% per le bottiglie di plastica entro il 2029 e determina che entro il 2025 il 25% delle bottiglie di plastica dovrà essere composto da materiali riciclati, quota che salirà al 30% entro il 2030.


Viene inoltre rafforzato il principio secondo cui "chi inquina paga", introducendo un regime di responsabilità estesa per i produttori di tabacco e di attrezzi da pesca, assicurando così che non siano i pescatori a sostenere i costi della raccolta delle reti perse in mare.


Contesto


Secondo la Commissione europea, oltre l'80% dei rifiuti marini è costituito da plastica. I prodotti coperti dalla legislazione costituiscono il 70% di tutti i rifiuti marini. A causa della sua lenta decomposizione, la plastica si accumula nei mari, negli oceani e sulle spiagge dell'UE e del mondo. I residui di plastica sono ingeriti dalle specie marine (come tartarughe marine, foche, balene e uccelli, ma anche dai pesci e dai crostacei) e sono quindi presenti nella catena alimentare umana.



Dibattito: mercoledì 27 marzo

Votazione: mercoledì 27 marzo

Procedura: procedura legislativa ordinaria, accordo in prima lettura (votazione finale)