Lingua attuale: IT - italiano  

Colmare il divario retributivo tra generi nell'UE 

Lunedì, i deputati discuteranno come colmare il divario retributivo di genere. L’Aula dovrebbe esortare la Commissione a proporre al più presto misure giuridicamente vincolanti.

Nei suoi orientamenti politici per il 2019-2024, la Presidente della Commissione Ursula von der Leyen si è impegnata a affrontare la questione del divario di retribuzione fra i generi nel quadro della prossima strategia per la parità di genere.


Inoltre, la nuova commissaria per la parità, Helena Dalli, ha annunciato che proporrà misure giuridicamente vincolanti in materia di trasparenza delle retribuzioni nei primi 100 giorni di questa Commissione.


Sebbene il principio della parità di retribuzione per lo stesso lavoro sia sancito dal trattato UE, il divario retributivo complessivo tra i generi all'interno dell'UE rimane al 16%, con enormi differenze tra gli Stati membri. La situazione peggiora ulteriormente quando le donne vanno in pensione: la loro pensione è infatti inferiore di circa il 40% a quella degli uomini.


Una risoluzione a conclusione del dibattito sarà messa ai voti nella sessione di gennaio II (29-30 gennaio).


Discussione: lunedì 13 gennaio

Voto: sessione di gennaio II

Procedura: dichiarazione della Commissione, con risoluzione