Lingua attuale: IT - italiano  

COP15 sulla biodiversità: Il Parlamento chiede obiettivi vincolanti 

Giovedì, i deputati chiederanno che la conferenza globale COP15 sulla biodiversità porti a obiettivi giuridicamente vincolanti, simili all'accordo di Parigi sui cambiamenti climatici.

Nel progetto di risoluzione si chiede che la conferenza delle Nazioni Unite sulla biodiversità del 2020, detta COP 15, contribuisca a fermare la perdita di biodiversità in corso.


I deputati invitano l'UE ad assumere un ruolo guida, ad esempio garantendo che, entro il 2030, il 30% del territorio dell'Unione sia costituito da aree naturali o inserendo degli obiettivi di protezione della biodiversità in tutte le politiche dell'UE. Inoltre, chiedono che almeno il 10% del bilancio a lungo termine sostenga gli sforzi per migliorare la biodiversità.


Contesto


Per il Parlamento, la tutela della biodiversità è sempre stata una priorità. La Convenzione delle Nazioni Unite sulla biodiversità è stata istituita il 29 dicembre 1993. Una delegazione del Parlamento europeo parteciperà alla sua quindicesima riunione a Kunming, in Cina, dal 19 ottobre al 1 novembre 2020.


La COP15 dovrebbe adottare un quadro globale sulla biodiversità post-2020, che definisca il percorso per i prossimi 10 anni e oltre.


Dibattito: mercoledì 15 gennaio

Votazione: giovedì 16 gennaio

Procedura: risoluzione non legislativa