Lingua attuale: IT - italiano  

Come porre fine alle mutilazioni genitali femminili nel mondo 

Mercoledì, i deputati voteranno una risoluzione per esortare l'UE a elaborare una strategia per porre fine alle mutilazioni genitali femminili.

In seguito al dibattito in plenaria del 18 dicembre e alla Giornata internazionale a tolleranza zero per le mutilazioni genitali femminili (MGF), il 6 febbraio, i deputati voteranno una risoluzione che chiede una strategia dell'UE per porre fine alle mutilazioni genitali femminili (MGF).


Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, almeno 200 milioni di donne e ragazze in tutto il mondo vivono con le conseguenze dolorose delle MGF. In Europa, si stima che circa 180.000 ragazze e donne all’anno siano a rischio di MGF.


Contesto


Le MGF comprendono tutte le procedure che comportano l'asportazione parziale o totale degli organi genitali femminili esterni, o altre lesioni agli organi genitali femminili per motivi non medici. È riconosciuta a livello internazionale come una violazione dei diritti umani delle ragazze e delle donne.



Dibattito: mercoledì 18 dicembre 2019

Votazione: mercoledì 12 febbraio

Procedura: risoluzione non legislativa