Briefing 
 

Polonia: Il PE discute il divieto di aborto de facto 

In un dibattito che si terrà martedì, i deputati dovrebbero condannare le restrizioni sul diritto all’aborto in Polonia dopo l’entrata in vigore della sentenza del tribunale costituzionale.

I deputati sono pronti a condannare la legge altamente restrittiva che di fatto vieta l'aborto in Polonia come un attacco ai diritti fondamentali, allo Stato di diritto e ai valori UE. In nessun paese UE dovrebbe essere considerato come incostituzionale il diritto di una donna di prendere decisioni sulla propria gravidanza senza essere perseguita.


Inoltre, i deputati potrebbero esprimere sostegno e solidarietà ai manifestanti che sono scesi in piazza per protestare contro queste restrizioni, nonché condannare l'uso sproporzionato della forza contro i manifestanti pacifici.


Contesto


Nell’ottobre 2020, il tribunale costituzionale polacco ha dichiarato fuori legge l'aborto nei casi di grave malformazione del feto, ritenendolo "incompatibile" con la Costituzione. Questa sentenza è diventata legge il 27 gennaio, proibendo di fatto tutti gli aborti in Polonia, tranne nei casi di stupro e incesto, o quando la vita della madre è in pericolo.



Dibattito: martedì 9 febbraio

Procedura: dichiarazioni del Consiglio e della Commissione, senza risoluzione