Briefing 
 

Carta blu UE: nuovo schema per attrarre migranti altamente qualificati 

I deputati approveranno in via definitiva la riforma della direttiva sulla “Carta blu” UE, per facilitare l'impiego in Europa di cittadini di paesi terzi altamente qualificati.

Nel maggio 2021, i negoziatori di Parlamento e Consiglio hanno concordato una revisione della direttiva del 2009 sulla Carta blu al fine di rendere più agevole, per i datori di lavoro dei Paesi UE, l’assunzione di cittadini di paesi terzi. Originariamente proposto dalla Commissione nel 2016, questo sarà l’unica nuova legislazione a livello UE nel campo della migrazione legale approvata negli ultimi anni.


La direttiva rivista prevede criteri più flessibili sulle condizioni di ingresso e soggiorno e una soglia più bassa sul salario minimo che i candidati devono guadagnare per poter ottenere una Carta blu. Inoltre, la direttiva amplia i diritti dei beneficiari con una mobilità intra-UE semplificata e con procedure più celeri di ricongiungimento familiare.



Dibattito: martedì 14 settembre

Risultati della votazione: mercoledì 15 settembre

Procedura: procedura legislativa ordinaria, accordo in prima lettura (votazione finale)