Briefing 
 

Dibattito e voto sulle relazioni UE-Bielorussia 

Il Parlamento discuterà la situazione in Bielorussia dopo più di un anno dalle elezioni presidenziali fraudolente e la brutale repressione delle proteste.

Più di un anno dopo le elezioni presidenziali truccate in Bielorussia, la repressione brutale del regime contro le figure dell'opposizione, i media indipendenti e i rappresentanti della società civile non mostra alcun segno di diminuzione, nonostante i ripetuti inviti al dialogo da parte della comunità internazionale.


Dall'estate, le autorità bielorusse, guidate dal dittatore Aliaksandr Lukashenka hanno diretto un numero considerevole di migranti verso i confini polacchi, lituani e lettoni - con centinaia di persone arrestate dopo aver attraversato illegalmente l'UE. Misure urgenti, compresa la dichiarazione dello stato d’emergenza, sono state adottate per rafforzare la protezione delle frontiere, con l'assistenza dell'UE e dei suoi organismi.


Recentemente, alcuni migranti sono stati trovati morti vicino al confine polacco-bielorusso. Martedì mattina, i deputati discuteranno di questi eventi drammatici, e di come rispondere alle azioni e alle provocazioni bielorusse, con il Capo della politica estera dell'UE Josep Borrell e il Commissario per gli affari interni Ylva Johansson. Una risoluzione sarà messa ai voti mercoledì.



Discussione: martedì 5 ottobre

Votazione: mercoledì 6 ottobre

Procedura: dichiarazione del Vicepresidente della Commissione/Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, con risoluzione