Briefing 
 

Piani di ripresa ungheresi e polacchi non approvati: dibattito 

Mercoledì i deputati discuteranno con i commissari Dombrovskis e Gentiloni lo stato di avanzamento nel processo di approvazione dei piani di ripresa e di resilienza ungherese e polacco.

I deputati chiederanno le ragioni del ritardo e le scadenze per l'approvazione di entrambi i piani da parte della Commissione. La proroga per approvare il piano polacco è scaduta il 3 agosto e per quello ungherese il 30 settembre.


Riguardo le preoccupazioni per la situazione dello Stato di diritto in entrambi i paesi, i deputati dovrebbero rassicurare che, se i piani saranno approvati, gli interessi finanziari dell'UE saranno adeguatamente protetti e un solido meccanismo di controllo sarà messo in atto.


Inoltre, i deputati dovrebbero chiedere ai commissari se le discriminazioni contro le minoranze in Polonia e in Ungheria possano essere contrarie al principio di trattamento giusto ed equo.


Contesto


Il Meccanismo per la ripresa e la resilienza (Recovery and Resilience Facility - RRF) è l’elemento principale del pacchetto di stimolo dell'UE ‘Next Generation’ e uno strumento temporaneo di crisi progettato per aiutare i paesi dell'UE ad affrontare gli effetti della pandemia COVID-19, con una portata totale di 672,5 miliardi di euro in prestiti e sovvenzioni.


Finora sono stati presentati 25 piani nazionali; la Commissione ne ha approvati 20 e 18 sono stati adottati dal Consiglio. Successivamente, il prefinanziamento è già stato erogato a 16 Stati membri, come richiesto.



Dibattito: mercoledì 6 ottobre

Procedura: dichiarazione della Commissione, senza risoluzione