Briefing 
 

Big tech: il Parlamento vuole mettere fine alle pratiche sleali 

Il Parlamento voterà la sua posizione sulla legge sui mercati digitali, che definirà le norme su ciò che è consentito o meno alle grandi piattaforme online nell’UE.

Il progetto di legge, che sarà discusso martedì e votato mercoledì, mette sulla lista nera alcune pratiche attuate dalle piattaforme che agiscono come "gatekeeper" e consentirebbe alla Commissione di condurre indagini di mercato e sanzionare i comportamenti non conformi.


La legge sui mercati digitali (DMA - Digital Markets Act), modificata il 23 novembre dalla commissione parlamentare per il mercato interno e la protezione dei consumatori, stabilisce nuovi obblighi e divieti direttamente applicabili a tali piattaforme, al fine di garantire una concorrenza leale.


La legge si applicherebbe alle principali società più inclini a pratiche commerciali sleali fra quelle fornitrici dei cosiddetti "servizi di base di piattaforma". Fra queste figurano i servizi di intermediazione online, i social network, i motori di ricerca, i sistemi operativi, i servizi pubblicitari online, il cloud computing e i servizi di condivisione video, che soddisfano i criteri per essere considerati "gatekeeper". I deputati hanno incluso nel campo di applicazione della DMA anche i browser web, gli assistenti virtuali e le TV connesse.


Altre modifiche introdotte alla proposta della Commissione riguardano la definizione di gatekeeper sulla base di determinate soglie, l'elenco degli obblighi e dei divieti ("do's and don'ts"), comprese le nuove disposizioni sulla pubblicità mirata e sull'interoperabilità dei servizi, le restrizioni alle "acquisizioni killer", l'applicazione della legislazione UE, il ruolo delle autorità nazionali per la concorrenza e le multe.


Per maggiori informazioni, è possibile consultare (in inglese e francese) il
comunicato stampa dopo il voto in commissione parlamentare.



Dibattito: martedì 14 dicembre

Votazione: mercoledì 15 dicembre (risultati)

Procedura: procedura legislativa ordinaria (mandato negoziale)