Summit: i deputati discutono l'unione dell'energia e la situazione in Grecia 

 
 

Condividi questa pagina: 

Summit: i deputati discutono l'unione energetica, la Grecia e come rilanciare l'economia.  

L'unione energetica, la Grecia e come rilanciare l'economia. Ecco i temi discussi durante il vertice del Consiglio la scorsa settimana durante la sessione plenaria del 25 marzo. I deputati hanno sostenuto i piani per una più stretta collaborazione in materia di energia, ma hanno richiamato anche l'attenzione sulla terribile situazione in Grecia.

Donald Tusk, il presidente del Consiglio europeo - Nonostante il miglioramento delle prospettive economiche, le riforme sono ancora necessarie. È venuto il tempo delle riforme, ora che il vento soffia a nostro favore. Ci sono ancora circa cinque milioni di giovani disoccupati nell'Unione europea, nessuno può sedersi e rilassarsi.

Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea - L'economia sta migliorando grazie alla caduta dei prezzi del petrolio e l'euro ha perso circa il 30% nel tasso di cambio rispetto al dollaro USA. "Questo fornisce un enorme impulso al programma economico a breve termine, e abbiamo intenzione di sfruttare al meglio questa opportunità".

Françoise Grossetête (PPE, Francia) - Gli Stati membri dovrebbero investire di più nell'unione dell'energia. Le riforme strutturali sono necessarie per rilanciare la crescita economica.

Kathleen Van Brempt (S&D, Belgio) - La forza dell'unione dell'energia dipende dal peso globale dell'Europa: «Abbiamo bisogno di un'economia senza carbonio. C'è stato un momento in cui in Europa eravamo pionieri delle nuove tecnologie, delle energie rinnovabili, dell'efficienza energetica ... ma altre aree del mondo ci stanno superando".

Syed Kamall (ECR, Regno Unito) ha criticato il Consiglio per non discutere la situazione della Grecia al summit della scorsa settimana. "Dimostrate che avete la volontà di fornire soluzioni. Nulla deve essere considerato un troppo complesso per il tavolo del Consiglio".

Guy Verhofstadt (ALDE, BE) - "Se non otteniamo la decisione degli Stati membri di dare un ruolo di primo piano alla Commissione per condurre i negoziati sugli accordi energetici e sugli investimenti, non avremo una vera unione di energia".

Neoklis Sylikiotis (GUE / NGL, Cipro) - L'estorsione finanziaria della Grecia deve essere interrotta: "Dovremmo solo attuare le vere riforme che possono aiutare l'economia reale e risolvere i gravi problemi di corruzione e di evasione fiscale".

Rebecca Harms (Verdi / ALE, Germania) ha espresso il suo sostegno per l'unione di energia: "Se è fatta correttamente potrebbe essere il modo migliore per proteggere il clima e portare l'innovazione nei settori industriali garantendo anche la sicurezza degli approvvigionamenti nei confronti della Russia".

Riferendosi alla tragedia di ieri di Germanwings, Paul Nuttall (EFDD, Regno Unito) ha detto: "Oggi non è il giorno per segnare punti politici. La tragedia di ieri ha toccato tutti noi. I nostri pensieri sono con coloro che hanno perso la vita".

Harald Vilimsky (NI, Austria) ha chiesto perché la situazione disastrosa in Grecia non è stato oggetto di dibattito: "La maggior parte di questo emiciclo sembra abbassare la possibilità di un dibattito sul tema: Non vi vergognate?"