I punti chiave della plenaria: Brexit, accessibilità e sicurezza informatica 

 
 

Condividi questa pagina: 

Misure d’emergenza in caso di Brexit senza accordo, atto sulla sicurezza informatica e maggiore accessibilità di prodotti e servizi d'uso quotidiano. Questi i temi rilevanti della plenaria

A seguito della bocciatura dell’accordo sulla Brexit da parte del Parlamento inglese, gli eurodeputati hanno richiesto al governo britannico di rendere chiare le sue intenzioni. Il Parlamento europeo ha anche approvato delle misure d’emergenza che limiterebbero l'impatto negativo sui cittadini e sulle aziende in caso di una Brexit senza accordo.


Prodotti e servizi d’uso quotidiano, come le biglietterie automatiche, gli smartphone e gli sportelli bancari, diventeranno più accessibili alle persone disabili e agli anziani; questo il cuore dell’Atto europeo sull’accessibilità approvato dal Parlamento europeo.

Gli eurodeputati hanno anche approvato le nuove norme che semplificano le procedure con cui inoltrare le Iniziative dei cittadini.


In vista delle elezioni europee del 23-26 maggio 2019 (26 maggio 2019 in Italia), il Parlamento ha approvato delle nuove regole per punire i membri dei partiti politici europei che violano deliberatamente la protezione dei dati personali per influenzare il risultato delle elezioni. Gli eurodeputati hanno anche richiesto all’UE di rispondere in modo più rigoroso alla propaganda ostile (ulteriori informazioni nella nostra intervista con la Presidente della Sottocommissione per la sicurezza e la difesa Anna Fotyga).


Per rispondere meglio alle sfide imposte dalla sicurezza e dall’immigrazione a livello europeo, mercoledì gli eurodeputati hanno approvato una riforma del sistema di informazione visti (VIS) dell’UE.


“È ovvio che isolazionismi, protezionismi e nazionalismi non sono la soluzione”, ha dichiarato il Primo ministro slovacco Peter Pellegrini nel dibattito tenutosi al Parlamento martedì 12 marzo 2019. Pellegrini è stato il 18° leader europeo che ha preso parte alle discussioni sul futuro dell’Europa.


Martedì 12 marzo 2019 il Parlamento ha anche approvato una nuova direttiva europea che protegge gli agricoltori e le piccole e medie aziende dalle pratiche commerciali sleali messe in atto dagli operatori commerciali più grandi, come le catene di supermercati.

Gli eurodeputati hanno adottato l’Atto europeo sulla sicurezza informatica con cui si istituisce un piano di certificazione per la sicurezza informatica a livello europeo (per approfondire l’argomento guarda la nostra infografica).


Martedì 12 marzo 2019 il Parlamento ha approvato le priorità per il Corpo europeo di solidarietà per il periodo 2021-2027.

Nella stessa giornata gli eurodeputati hanno concordato sul fatto che l’UE dovrebbe considerare la possibilità di imporre delle sanzioni alla Russia nel caso in cui quest'ultima continuasse a violare il diritto internazionale.


Il Parlamento ha inoltre espresso le sue preoccupazioni rispetto alla bocciatura da parte degli stati membri della proposta della Commissione europea di aggiungere nuovi paesi nella lista nera UE sul riciclaggio di denaro.