Prossimamente in Parlamento: proposte per la creazione di un’Europa migliore nel 2020 

 
 

Condividi questa pagina: 

L’UE sta lavorando su numerose proposte legislative per rendere l’Europa un posto ancora migliore in cui vivere. Ecco cosa accadrà nel 2020.

Emergenza climatica

Contrastare l’emergenza climatica è una delle priorità assolute dell’UE. La Commissione europea sta lavorando su un Green Deal per rendere l’Europa climaticamente neutrale entro il 2050. Ci si aspetta proposte sulla produzione di alimenti sostenibili, prodotti più durevoli, l’uso dei pesticidi e una strategia per salvaguardare la biodiversità guardando al 2030, così come piani per ridurre le emissioni derivanti dal traffico aereo e marittimo.

Bilancio a lungo termine dell’UE

Continueranno i negoziati sul bilancio UE 2021-2027. Il Parlamento sta richiedendo più fondi per combattere il cambiamento climatico, promuovere l’innovazione e proteggere i confini UE.

Servizi digitali

La Commissione dovrebbe presentare una proposta di legge sui servizi digitali, e un’altra sull’intelligenza artificiale.

Quest’ultima dovrebbe chiarire alcuni aspetti legali e aiutare a promuovere gli investimenti per le compagnie europee che operano nel settore.
Il Parlamento indagherà per capire se i sistemi decisionali automatizzati possano essere compromessi da pregiudizi - derivanti degli algoritmi utilizzati - che potrebbero portare a discriminazioni.

Tale rischio discriminatorio investirebbe direttamente la vita dei cittadini: un esempio pratico sono i sistemi di intelligenza artificiale utilizzati negli uffici risorse umane di alcune aziende che a causa di distorsioni storiche nei dati che utilizzano per elaborare una decisione - privilegiano le assunzioni (o le promozioni) maschili rispetto a quelle femminili.

Unione bancaria

La crisi dell’eurozona ha mostrato la necessità di un’ulteriore integrazione del sistema finanziario UE. Nel 2020 il Parlamento lavorerà sulle proposte per completare l’Unione bancaria, tra cui una strategia per proteggere i risparmi e misure di sicurezza nel caso in cui una banca dovesse fallire.

Accordi commerciali

Il Parlamento voterà su accordi commerciali e di investimento con il Vietnam, che abbatterebbe il 99% delle tariffe. Inoltre, l’UE continuerà a lavorare su nuovi accordi con altri paesi, tra cui Australia, Nuova Zelanda, Cile, Indonesia, Filippine, Marocco e Tunisia. Sono in corso colloqui anche per un accordo di investimento con la Cina.


Salute

All’inizio del prossimo anno la Commissione europea dovrebbe elaborare un piano d’azione per la lotta al cancro, che verrà esaminato dal Parlamento.


Diritti dei passeggeri

Una nuova proposta potrebbe migliorare ulteriormente i diritti dei passeggeri che viaggiano in treno e in aereo. I deputati sono particolarmente interessati a rafforzare i diritti dei disabili.

Allargamento

Continueranno i colloqui con i paesi che vogliono entrare nell’UE. Il Parlamento sta lavorando affinché si inizino i colloqui con Albania e Nord Macedonia dato che hanno soddisfatto i requisiti. I deputati discuteranno anche le possibilità di entrare in UE dei paesi dei Balcani occidentali.


Brexit

Attualmente è previsto che il Regno Unito lasci l’UE il 31 gennaio 2020, tuttavia è possibile che esca prima se l’accordo di ritiro viene approvato dal Regno Unito e dal Parlamento europeo.

Una volta approvato l’accordo di ritiro, il passo successivo sarebbe negoziare un accordo sulle relazioni future, che dovrebbe includere temi quali commercio e cooperazione sulla difesa, l’ambiente e la lotta al terrorismo.

Sicurezza

Il Parlamento e il Consiglio stanno negoziando delle proposte per contrastare la diffusione di contenuti terroristici su internet. Si discute anche di controlli temporanei alle frontiere all’interno dell’area Schengen. Inoltre, nel 2020 la Commissione dovrebbe elaborare una proposta per mettere in sicurezza i confini dell’UE.

Dichiarazione Schuman

Il 9 maggio si celebreranno 70 anni dal giorno in cui il ministro francese degli affari esteri Robert Schuman ha proposto la creazione di una Comunità europea del carbone e dell’acciaio, il primo passo verso la nascita dell’attuale Unione Europea.