Prima metà del 2021: Covid-19, Conferenza sul futuro dell'Europa, legge sul clima 

 
 

Condividi questa pagina: 

Nella prima metà del 2021 il PE ha messo a punto misure per affrontare la pandemia di Covid-19, ha lanciato la Conferenza sul futuro dell'Europa e ha approvato la nuova legge UE sul clima.

Covid-19


A giugno, il Parlamento ha dato il via libera definitivo al certificato COVID digitale dell'UE esortando i paesi dell'UE ad implementarlo a partire dal 1 luglio 2021. Sebbene il certificato sia uno strumento volto a facilitare il ripristino della libertà di movimento, tuttavia i deputati hanno sottolineato l'importanza del rispetto dei diritti delle persone.

Revoca temporanea dei brevetti per i vaccini

A febbraio, i deputati hanno insistito sulla revoca temporanea dei brevetti per i vaccini anti Covid-19, sottolineando l’importanza degli sforzi compiuti dall'UE per combattere la pandemia e accelerare la produzione dei vaccini.

EU4Health

A marzo, il Parlamento ha dato il via libera al nuovo programma EU4Health, che consentirà all'UE di affrontare più efficacemente le gravi minacce per la salute, fornendo maggiore disponibilità di medicinali e dispositivi medici a costi accessibili

Per saperne di più su come l'UE sta lavorando per affrontare l'impatto della pandemia di coronavirus nel 2021.

Conferenza sul futuro dell'Europa

 

Con la cerimonia del 9 maggio presso la sede del Parlamento europeo a Strasburgo, si è ufficialmente aperta la Conferenza sul futuro dell'Europa. L'obiettivo di questo processo partecipativo è quello di consentire agli europei di condividere le proprie idee sull'Europa e di formulare le proprie proposte sulle politiche future dell'UE.


L'evento inaugurale è stato seguito dal lancio della piattaforma digitale multilingue della Conferenza ad aprile, uno strumento dove i cittadini possono pubblicare i loro contributi e partecipare al dibattito. A giugno, il PE ha accolto rappresentanti delle istituzioni europee, dei parlamenti nazionali, della società civile, delle parti sociali e dei cittadini nel corso della prima sessione plenaria della Conferenza.


Clima e ambiente


Legge UE sul clima

Il Parlamento ha approvato a giugno la nuova legge UE sul clima, che aumenta l'obiettivo di riduzione delle emissioni dell'UE per il 2030 dal 40% ad almeno il 55%.

Biodiversità

Il Parlamento ha inoltre adottato la sua posizione sulla strategia dell'UE sulla biodiversità per il 2030 che punta ad affrontare l'attuale crisi della biodiversità. I deputati vogliono che almeno il 30% della terra e del mare dell'UE sia protetto entro il 2030.

Life

A maggio il Parlamento ha approvato il programma Life da 5,4 miliardi di euro per il 2021-27. Fra i tanti programmi approvati durante i primi sei mesi del 2021, Life è l'unico programma dell'UE dedicato esclusivamente all'ambiente e al clima.

Economia circolare

Il piano d'azione sull'economia circolare approvato a febbraio mira a raggiungere un'economia a emissioni zero, sostenibile, priva di sostanze tossiche e completamente circolare entro il 2050.

Bielorussia

A Giugno, il Parlamento europeo ha chiesto all'UE di sanzionare le persone e le entità coinvolte nel dirottamento dell’aereo a Minsk e per la detenzione del giornalista Raman Pratasevich, invitando gli Stati membri a continuare con le sanzioni contro le violazioni dei diritti umani in Bielorussia.

Stato di diritto

In una risoluzione approvata a giugno, la sessione plenaria ha incaricato il presidente Sassoli di chiedere alla Commissione l’adempimento agli obblighi previsti dal regolamento sulla condizionalità, che mira a proteggere i fondi europei dall'uso improprio da parte dei governi nazionali.

In risposta al declino dei diritti LGBTIQ in alcuni paesi dell'UE, la plenaria di marzo ha dichiarato l'UE una zona di libertà LGBTIQ.

I deputati hanno anche espresso preoccupazione per gli attacchi alla libertà di stampa e hanno esortato la Commissione ad adottare maggiori misure per proteggere i giornalisti.

Relazioni UE-Regno Unito

Ad aprile il Parlamento ha approvato l'accordo commerciale e di cooperazione tra UE e Regno Unito, che stabilisce le regole per il futuro partenariato. Secondo i deputati, l'accordo è l'opzione migliore per ridurre al minimo gli effetti negativi dell'uscita del Regno Unito dall'UE.


Relazioni UE-USA

A gennaio, i deputati hanno accolto l'insediamento del nuovo presidente degli Stati Uniti Joe Biden, come un'opportunità per l'Europa di ricalibrare le relazioni transatlantiche e affrontare le sfide e le minacce comuni al sistema democratico. A giugno si è tenuto a Bruxelles il primo vertice UE-USA dal 2014.

Ref.: 20210628STO07259