Punti chiave in plenaria: nuovo Presidente del PE, priorità francesi per l'UE, servizi digitali 

 
 

Condividi questa pagina: 

I deputati hanno eletto Roberta Metsola presidente del Parlamento europeo, hanno discusso i piani della Francia per la Presidenza del Consiglio e votato misure sulle piattaforme online.

Omaggio al Presidente Sassoli

La prima sessione plenaria dell'anno a Strasburgo si è aperta con una cerimonia in memoria del presidente David Sassoli, scomparso lo scorso 11 gennaio. L'ex Primo ministro italiano ed ex deputato europeo, Enrico Letta, amico intimo del presidente Sassoli, nell'elogio funebre ha ricordato la sua "lotta per la democrazia". Gli interventi dei vertici dei gruppi politici dell'PE, sono stati preceduti da quelli del presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, e del presidente francese, Emmanuel Macron - che detiene la presidenza di turno del Consiglio dell'Unione europea.

Presidente e Ufficio di presidenza del Parlamento

Martedì gli eurodeputati hanno eletto Roberta Metsola come nuova Presidente del Parlamento europeo. Metsola, che ha compiuto 43 anni il ​​giorno della sua elezione, è la persona più giovane ad aver mai ricoperto questa carica e la terza donna a presiedere il Parlamento, dopo Simone Veil (dal 1970 al 1982) e Nicole Fontaine (dal 1999 al 2002).

I membri del PE hanno inoltre eletto i loro 14 vicepresidenti e i cinque questori che, insieme al presidente, costituiscono l'Ufficio di presidenza del Parlamento.

Scopri di più sul ruolo dell'Ufficio di presidenza e su quello del Presidente del Parlamento.


Presidenza francese del Consiglio dell'UE

I membri del Parlamento hanno discusso con il presidente francese Emmanuel Macron le priorità del suo paese per la presidenza di turno del Consiglio dell'UE. Durante il suo discorso, Macron ha chiesto un impegno per "dare nuova vita" alle promesse su cui è stata fondata l'UE, come democrazia, progresso e pace. I deputati hanno affermato che tra i temi prioritari figurano gli squilibri esistenti tra uomini e donne, la riforma delle norme relative al Patto di stabilità e crescita e l'indecisione in merito a questioni di politica estera.

Unione della salute


Il Parlamento ha approvato l'accordo provvisorio con il Consiglio per il rafforzamento dei poteri dell'Agenzia europea per i medicinali (EMA). La normativa forma parte dell'Unione europea della salute. Per rispondere meglio alle crisi future, l'agenzia sarà meglio attrezzata e in grado di monitorare e mitigare le carenze di medicinali e prodotti sanitari.

Servizi digitali


Il Parlamento ha dato il via libera all'apertura dei negoziati con gli Stati membri sulle misure per combattere prodotti, servizi e contenuti illegali online. La legge sui servizi digitali stabilisce chiare competenze e responsabilità per le piattaforme online, inclusi i social media e i mercati online.

Transporto degli animali


I deputati hanno votato su come migliorare il benessere degli animali durante il trasporto, controllare le esportazioni di animali vivi in ​​modo più efficace e limitare il trasporto di animali giovani. Hanno esortato la Commissione e i paesi dell'UE ad un aggiornamento delle norme UE, per passare al trasporto di carne anziché di animali vivi.

Affari Esteri


I deputati hanno condannato il deterioramento dei diritti umani a Hong Kong (Cina), hanno chiesto un'indagine sui crimini commessi contro il popolo del Kazakistan e hanno chiesto un dialogo politico in Sudan per una transizione verso il governo civile nel paese.