Il 70° anniversario del Parlamento europeo 

 
 

Condividi questa pagina: 

Il Parlamento Europeo festeggia 70 anni di democrazia in azione - dalla prima assemblea del 1952, al suo rafforzamento per poter affrontare i momenti più difficili.

Settant'anni fa a Strasburgo si svolse la prima sessione dell'Assemblea comune della Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA), che segnò la nascita del Parlamento europeo come lo conosciamo oggi.

Nel corso dei decenni da sei paesi fondatori, si è arrivati all'Unione a 27 Stati membri di oggi. Un'Unione che promuove la democrazia, i diritti fondamentali, la stabilità economica e la crescita. Il Parlamento europeo è stato un attore chiave nello sviluppo dell'Unione europea, passando dai 78 rappresentanti nazionali del 1952 agli attuali 705 deputati eletti a suffragio universale diretto.

"In 70 anni l'assemblea è cresciuta e si è rafforzata passando da organo consultivo con poteri limitati, a vera e propria istituzione in grado di abbracciare la democrazia europea e l'espressione dell'opinione pubblica europea", ha sottolineato durante la sessione plenaria di settembre la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola.

In quanto parlamento, transnazionale, multilingue, multipartitica eletto direttamente - unica esperienza al mondo - il Parlamento europeo svolge un'importante funzione di forum per il dibattito politico e il processo decisionale, con poteri legislativi e di bilancio che interessano milioni di cittadini dell'UE.

"Con una guerra illegale in corso in Ucraina che distrugge, uccide e mina la volontà politica del popolo, oggi conosciamo più che mai, l'importanza di difendere la voce democratica dei cittadini e i valori democratici europei che questa casa rappresenta", ha sottolineato la presidente.

Martedì 22 novembre 2022, nel corso di una cerimonia speciale, il Parlamento europeo celebrerà le conquiste storiche e legislative degli ultimi 70 anni.