Benessere e tutela degli animali: le norme UE (video) 

 
 

Condividi questa pagina: 

Le norme dell'UE tutelano gli animali selvatici, domestici, da allevamento e da laboratorio in tutta Europa ©AdobeStock/creativenature.nl  

Gli standard UE per il benessere degli animali sono tra i più alti al mondo. Ecco le norme che proteggono animali domestici e selvatici, da allevamento e da laboratorio

Per oltre quarant’anni l’Unione europea ha promosso il benessere degli animali. Gli standard europei per il benessere degli animali sono tra i più alti al mondo e l’UE è riconosciuta come leader globale in questo ambito. Le regole dell’UE hanno anche avuto un impatto positivo sulle norme dei paesi terzi.

Le norme riguardano principalmente animali da allevamento (in fattoria, durante il trasporto e al macello), ma anche la fauna, animali da laboratorio e animali domestici.

[...] l'Unione e gli Stati membri tengono pienamente conto delle esigenze in materia di benessere degli animali in quanto esseri senzienti [...]

Articolo 13 del Titolo II del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea 
Condividi la citazione: 

Benessere degli animali da allevamento

Le prime norme a tutela degli animali da allevamento risalgono agli anni Settanta. La direttiva sulla protezione degli animali negli allevamenti del 1998 stabilisce i criteri generici per la tutela degli animali allevati per la produzione di cibo, lana, pelle, pelliccia o per altri scopi - inclusi pesci, rettili e anfibi. La direttiva è basata sulla Convenzione europea sulla protezione degli animali negli allevamenti del 1978.

Le norme UE sul benessere degli animali riflettono ‘cinque libertà’: 
  • Libertà dalla fame e dalla sete 
  • Libertà dai disagi ambientali 
  • Libertà dal dolore, dalle ferite e dalle malattie 
  • Libertà di manifestare comportamenti caratteristici della specie 
  • Libertà dalla paura e dallo stress 

Le norme UE per la protezione e il benessere degli animali durante il trasporto sono state approvate nel 2004. Tuttavia, in una risoluzione adottata il 14 febbraio 2019, il Parlamento europeo ha chiesto di garantire un miglior trattamento degli animali da allevamento, controlli e sanzioni più severe e tempi di trasporto ridotti.

Il 19 giugno 2020 gli eurodeputati hanno stabilito una commissione d’inchiesta per indagare sulle presunte violazioni delle norme per il benessere degli animali durante il trasporto all’interno e all’esterno dell’UE.

Altre regole dell’UE stabiliscono i criteri per il benessere degli animali allevati durante l’abbattimento e la macellazione e per le condizioni di allevamento di specifiche categorie di animali come vitelli, maiali e galline da uova.

A ottobre 2018 gli eurodeputati hanno adottato un nuovo regolamento sui prodotti medicinali veterinari per ridurre l’uso di medicine volto a compensare condizioni di crescita povere o a far crescere più velocemente gli animali.

In linea con la strategia ‘dai campi alla tavola’ per un’agricoltura più sostenibile, la Commissione europea sta attualmente valutando tutte le norme dell’UE sul benessere degli animali da allevamento.

Tutela della fauna

500 specie di uccelli selvatici che vivono in natura nell’UE sono protetti dalla direttiva Uccelli, mentre la direttiva sugli habitat ha l’obiettivo di assicurare la conservazione di specie rare, minacciate o endemiche e habitat specifici.

L’iniziativa dell’UE sugli impollinatori è stata avviata nel 2018 per contrastare il declino degli insetti impollinatori selvatici, soprattutto le api. Il Parlamento tuttavia vuole una riduzione maggiore dei pesticidi e più fondi per la ricerca. In una relazione adottata a gennaio 2018, il Parlamento aveva già chiesto una migliore protezione delle varietà regionali e locali di api.

Balene e delfini sono tutelati contro la cattura e uccisione nelle acque dell’Unione europea. L’UE ha sempre promosso la piena attuazione della moratoria sulla caccia commerciale alle balene in vigore dal 1986.

Esiste anche un regolamento UE che vieta il commercio di prodotti derivati dalle foche.

Inoltre ci sono norme che regolano i metodi di cattura, proibiscono l’uso di tagliole per catturare gli animali selvatici nell’UE e stabiliscono criteri di non crudeltà.

L’UE applica le disposizioni della Convenzione sul commercio internazionale delle specie selvatiche di flora e fauna minacciate attraverso i regolamenti sul commercio di animali selvatici. Lo scopo è garantire che i prodotti derivati da animali selvatici non portino le specie a rischio d’estinzione.

A maggio 2020 la Commissione europea ha presentato una nuova e ambiziosa strategia sulla biodiversità, che fa parte del Green Deal europeo.

Zoo

Le regole dell’UE sugli animali nei giardini zoologici puntano a rafforzarne il ruolo nella conservazione della biodiversità e stabiliscono i criteri per le misure di protezione, tra cui sistemazioni adeguate per gli animali.

Sperimentazioni sugli animali a scopo scientifico

L’UE ha creato un quadro legislativo che regola gli studi condotti sugli animali per lo sviluppo di nuove medicine, per studi fisiologici e per testare gli additivi alimentari o sostanze chimiche. Le regole sono basate sul ‘principio delle tre R’ (dall’inglese):

  • “replacement”: sostituzione degli animali con metodi alternativi
  • “reduction”: riduzione del numero di animali utilizzati per lo stesso scopo
  • “refinement”: perfezionamento delle condizioni di sperimentazione per ridurre dolore e sofferenza

Nell’UE è vietato condurre test sugli animali per i cosmetici e vendere prodotti testati sugli animali. In una risoluzione adottata nel 2018, il Parlamento europeo ha chiesto un divieto globale sulla sperimentazione animale per i cosmetici.

Tutela degli animali domestici

Per porre fine al commercio illegale di cani e gatti, il Parlamento ha chiesto un piano d’azione a livello dell’UE, sanzioni più dure e registrazione obbligatoria degli animali in una risoluzione adottata il 12 febbraio 2020.

Per rispondere alle preoccupazioni dei cittadini europei che considerano gli animali domestici come parte della propria famiglia, nell’UE le pellicce di cane e gatto sono state vietate nel 2008. La legislazione vieta l’immissione sul mercato e l’importazione ed esportazione di pelliccia di cane e gatto e di tutti i prodotti che la contengono.

Grazie alle norme armonizzate dell’UE sui viaggi con gli animali domestici, le persone possono spostarsi liberamente con i propri amici a quattro zampe nell’Unione europea. Il passaporto per animali domestici o il certificato sanitario sono gli unici documenti richiesti per cani, gatti e furetti per viaggiare in tutta l’UE, con alcune eccezioni.