Ridurre le emissioni di anidride carbonica: obiettivi e azioni dell’UE  

Aggiornato il: 
 
Pubblicato:   
 

Condividi questa pagina: 

L’UE ha elaborato una legislazione ambiziosa per combattere il cambiamento climatico ©AP Images/European Union-EP  

Scoprite quali misure sta adottando il Parlamento europeo per raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni nel quadro del pacchetto "Pronti per il 55%" entro il 2030.

Per contrastare i cambiamenti climatici, il Parlamento europeo ha approvato la Legge europea sul clima, che innalza l'obiettivo di riduzione delle emissioni dell'UE per il 2030 dal 40% ad almeno il 55%, rendendo giuridicamente vincolante la neutralità climatica entro il 2050. La legge sul clima fa parte del Green Deal europeo, la tabella di marcia dell’UE verso la neutralità climatica.  Per raggiungere il suo obiettivo climatico, l'Unione Europea ha elaborato un ambizioso pacchetto legislativo noto come "Pronti per il 55%" che comprende la revisione di 13 leggi interconnesse tra loro, insieme a sei proposte di legge su clima e energia.

In questa infografica i progressi fatti dai paesi UE verso il raggiungimento di questi ambiziosi obiettivi.

Un sistema di scambio di quote di emissione per il settore industriale

 

Il sistema di scambio di quote di emissione dell’UE (ETS – dall’inglese Emission Trading Scheme) punta a ridurre le emissioni di carbonio prodotte dall’industria obbligando le aziende ad avere un permesso per ogni tonnellata di CO2 (anidride carbonica) emessa. Le aziende devono acquistare i permessi attraverso delle aste. Esistono anche alcuni incentivi per promuovere l’innovazione nel settore.

Il sistema di scambio di quote di emissione ETS dell’UE è il primo e più grande mercato mondiale delle emissioni. Regolamenta circa il 40% di tutte le emissioni di gas effetto serra dell’UE e riguarda approssimativamente 11.000 tra centrali energetiche e impianti industriali all’interno dell’Unione europea.

Per allineare l'ETS agli obiettivi di riduzione delle emissioni del Green Deal europeo, l'UE sta lavorando a un aggiornamento del sistema. Il Parlamento vuole che le emissioni nei settori ETS scendano del 63% entro il 2030, rispetto ai livelli del 2005, e del 61% rispetto alla proposta della Commissione.

In questa pagina troverete ulteriori informazioni sul funzionamento e sulla riforma.

Taglio delle emissioni dei trasporti

Emissioni di aerei e navi


L'aviazione civile rappresenta il 13,4% delle emissioni totali di CO2 dei trasporti dell'UE. L'8 giugno il Parlamento europeo ha approvato la riforma del sistema di scambio per i diritti di emissione nel settore dell'aviazione. In linea con gli obiettivi stabiliti nell'accordo di Parigi, i deputati intendono estendere il campo di applicazione del sistema di scambio di emissioni, a tutti i voli in partenza dallo SEE compresi i voli in atterraggio al di fuori di quest'area.

I deputati vogliono che l'olio da cucina usato, il carburante sintetico o persino l'idrogeno diventino gradualmente la norma per il carburante per aerei. Vogliono che i fornitori inizino a fornire carburante sostenibile dal 2025, raggiungendo l'85% di tutto il carburante per aerei negli aeroporti dell'UE entro il 2050.

Il Parlamento vuole anche accelerare la decarbonizzazione dell'industria estendendo l'ETS al trasporto marittimo. Gli eurodeputati vogliono che il settore marittimo riduca le emissioni di gas serra delle navi del 2% a partire dal 2025, del 20% a partire dal 2035 e dell'80% a partire dal 2050 rispetto ai livelli del 2020. I tagli dovrebbero applicarsi alle navi di stazza lorda superiore a 5000, che rappresentano il 90% delle emissioni di CO2.

Maggiori informazioni sull'azione dell'UE per ridurre le emissioni di aerei e navi.

La riduzione delle emissioni auto

Il 15% delle emissioni di CO2 in Europa viene prodotto dalle auto e dai furgoni. Il Parlamento ha appoggiato la proposta della Commissione di zero emissioni per automobili e furgoni nel 2035. Gli obiettivi intermedi di riduzione delle emissioni per il 2030 sarebbero fissati al 55% per le automobili e al 50% per i furgoni.

Scoprite di più sulle nuove soglie di emissioni di CO2 per le auto.

Per raggiungere questi ambiziosi obiettivi qualsiasi autovettura nuova, destinata ad entrare sul mercato dal 2035, dovrà essere a emissioni zero. Tali norme non riguarderanno le autovetture già in circolazione.

Maggiori informazioni sul divieto di vendita di auto nuove a benzina e diesel nell'UE dal 2035

La transizione verso i veicoli ad emissioni zero, deve essere accompagnata dalla creazione di un'infrastruttura completa per combustibili sostenibili. Gli eurodeputati vorrebbero che, entro il 2026, lungo le principali strade dell'UE fosse presente un'area di ricarica elettrica per auto ogni 60 chilometri e una stazione di rifornimento a idrogeno ogni 100 chilometri entro il 2028.

Scoprite di più su come l'UE vuole aumentare l'uso di combustibili sostenibili.

Tassa sul carbonio alle frontiere dell'UE


Il Meccanismo di aggiustamento del carbonio alla frontiera (CBAM - dall’inglese Carbon Border Adjustment Mechanism) incentiverebbe le industrie commerciali dell'UE e dei paesi terzi a decarbonizzare, in quanto porrebbe una tassa sul carbonio alle importazioni di alcuni beni provenienti da paesi con normative meno severe dell'UE sul clima. Lo scopo è quello di evitare la delocalizzazione delle emissioni di carbonio - la pratica adottata dalle industrie dell'UE che consiste nel delocalizzare la produzione verso paesi con normative sulle emissioni di gas serra meno restrittive.

Nell'ambito del pacchetto Pronti per il 55, la Commissione europea ha proposto un meccanismo di adeguamento del carbonio alle frontiere (CBAM) nel luglio 2021, che applicherebbe una tassa sul carbonio sulle importazioni di determinati beni dall'esterno dell'UE. I deputati vogliono che sia attuato dal 1° gennaio 2023, con un periodo transitorio fino alla fine del 2026 e la piena attuazione entro il 2032.

Scoprite come funzionerà la tassa sulle importazioni per fermare la delocalizzazione della CO2

Contrastare le emissioni di CO2 in altri settori: la condivisione degli sforzi 

 

Circa il 60% delle emissioni totali dell’UE proviene da trasporti, agricoltura, edilizia e gestione dei rifiuti. Questi settori non fanno parte dell'attuale sistema di scambio di quote. La Commissione ha proposto un taglio nelle emissioni di questi settori del 40% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2005.

La riduzione avverrà attraverso degli obiettivi concordati di emissione nazionali che vengono calcolati sulla base del prodotto interno lordo (PIL) pro-capite. I paesi dell’Unione europea a basso reddito riceveranno un supporto.

Informazioni sugli obiettivi degli stati membri e sulle modalità di supporto per i paesi UE a basso reddito.

 

Gestire le foreste per combattere il cambiamento climatico


Le foreste sono pozzi naturali di carbonio, il che significa che catturano più carbonio dall'atmosfera di quanta ne rilasciano. All'interno dell’UE le foreste sono in gradi di assorbire una quantità equivalente a circa il 7% dei i gas serra emessi dall’UE ogni anno. L’Unione europea è intenzionata a usare questa capacità per combattere il cambiamento climatico.

Nel giugno 2022 i deputati hanno sostenuto un aumento degli obiettivi di assorbimento del carbonio per settori legati all'utilizzo del suolo, degli alberi e delle piante. Questo obiettivo potrebbe essere raggiunto, per esempio, piantando nuove foreste e arrestando la deforestazione o attraverso il ripristino di zone umide, paludi.

Ulteriori informazioni su come l'UE intende sviluppare pozzi di carbonio.

La deforestazione è un problema di dimensione globale. Questo è il motivo per cui l'UE è al lavoro per un regolamento che obblighi le aziende a verificare che i prodotti importati nell'UE non siano stati prodotti su terreni deforestati o degradati.

Maggiori informazioni sulle cause della deforestazione e su come l'UE la sta affrontando.

Per saperne di più