Conferenza sul futuro dell'Europa: Che cos'è e come funziona? 

 
 

Condividi questa pagina: 

La conferenza sul futuro dell'Europa offre ai cittadini europei la possibilità di contribuire a definire la rotta dell'UE. Scopri di più.

Infografica sul funzionamento della Conferenza sul futuro dell'Europa  

In un mondo in lotta contro la pandemia e alla ricerca di soluzioni a sfide come il cambiamento climatico, l'UE si impegna ad ascoltare la voce degli europei in un dibattito democratico e aperto per definire le sue priorità.


Un processo inclusivo e democratico


In una recente indagine speciale Eurobarometro è emerso che il 92% dei cittadini degli Stati membri, vorrebbe che la loro opinione " fosse presa maggiormente in considerazione per le decisioni relative al futuro dell'Europa". L'obiettivo della conferenza è quello di permettere che ciò accada.

Il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione fanno appello a tutti i cittadini europei affinché condividano le proprie idee su come dovrebbe evolversi l'Europa, quali dovrebbero essere le sue priorità e come dovrebbe prepararsi per un mondo post-Covid. Le istituzioni dell'UE si propongono di consultare il più ampio numero possibile di persone, riservando una speciale attenzione ai giovani.

La Conferenza è qualcosa di più che un semplice esercizio di ascolto. I contributi apportati dalle persone vengono raccolti sulla piattaforma online e alimentano i dibattiti con i deputati, i rappresentanti del governo e dell'UE, i membri dei parlamenti nazionali e le altre parti interessate. Sulla base di questi dibattiti verranno presentate delle proposte politiche da trasformare in azioni concrete da parte dell'Unione Europea.Il Parlamento, il Consiglio e la Commissione si sono impegnati ad ascoltare le proposte dei cittadini e a dare seguito ai risultati della Conferenza.

Tutti i cittadini europei sono invitati a partecipare indipendentemente dalla loro età, sesso, istruzione o esperienza professionale. Il Parlamento desidera garantire una partecipazione attiva dei giovani e, a questo proposito, si è concentrato sulle proposte elaborate all'Evento della gioventù europea (EYE) che si è tenuto a ottobre 2021. L'evento ha permesso di raccogliere le loro idee e le loro visioni sul futuro dell'Europa.

Come funziona?

 

La piattaforma digitale della Conferenza è stata inaugurata il 19 aprile 2021 e il suo scopo è quello di permettere a tutti i cittadini europei, di poter condividere e discutere le proprie idee. La piattaforma serve anche per preparare, organizzare o registrarsi a eventi in tutta l'UE (a patto che le condizioni sanitarie lo permettano). Tali eventi costituiscono un ulteriore serbatoio di idee per il cambiamento.

I panel che hanno iniziato i loro lavori dopo l'estate, stanno esaminando le idee presentate sulla piattaforma e discutendo di ciò che deve cambiare nell'UE.

In totale i panel sono quattro, ciascuno dei quali è composto da 200 membri e suddiviso per argomenti:

  • Economia, giustizia sociale, lavoro, istruzione, gioventù, cultura, sport e trasformazione digitale
  • Democrazia, valori europei, Stato di diritto, sicurezza e diritti
  • Cambiamento climatico, ambiente e salute
  • L'UE nel mondo e la migrazione

Ciascun panel può stabilire le proprie priorità e si riunisce almeno tre volte. Le raccomandazioni proposte verranno presentate alla Plenaria della Conferenza.

La Plenaria della Conferenza svolge un ruolo centrale all’interno della Conferenza stessa, consentendo ai rappresentanti delle istituzioni dell'UE, dei governi e dei parlamenti nazioniali di confrontarsi con i cittadini per discutere e sviluppare le proposte di cambiamento. Il Parlamento europeo ha insistito per avere una Plenaria politicamente forte, con la presenza di numerosi esponenti politici e un ruolo importante per i cittadini.


Infografica sul funzionamento della Conferenza sul futuro dell'Europa  

La sessione plenaria inaugurale della Conferenza si è tenuta il 19 giugno 2021 a Strasburgo ed ha visto una ampia partecipazione sia da remoto che in presenza. La seconda sessione è prevista per il 22 e 23 ottobre. Ulteriori sessioni verranno organizzate per discutere le raccomandazioni provenienti dai panel di cittadini.

Scoprite il calendario degli appuntamenti della Conferenza e chi sono i rappresentanti del Parlamento europeo alla Plenaria della Conferenza.

Il Comitato esecutivo, responsabile del funzionamento della Conferenza, è composto da rappresentanti del Parlamento europeo, del Consiglio, della Commissione, nonché da altri osservatori.



Quale sarà l'esito della Conferenza?


L'esito della Conferenza dipenderà dalle raccomandazioni presentate dai cittadini e dai relativi dibattiti.


La relazione finale, attesa per la primavera del 2022 , verrà redatta dal Comitato esecutivo sulla base delle proposte approvate dalla Plenaria della Conferenza. Il suo testo sarà preparato in collaborazione con la Plenaria, da cui dipenderà la sua approvazione. Una volta finalizzata la relazione, questa verrà presentata al Parlamento europeo, al Consiglio e alla Commissione che decideranno come dargli seguito.

Il Parlamento ha sottolineato come la Conferenza debba caratterizzarsi per un'impatto reale, tanto sulla struttura che sul funzionamento dell'UE, per garantire che le voci e le preoccupazioni dei cittadini siano al centro delle sue politiche e delle sue decisioni.