Condividi questa pagina: 

Il Parlamento ha deciso di istituire una commissione d'inchiesta composta da 45 membri per indagare sulle violazioni delle norme comunitarie in materia di misurazioni delle emissioni di auto e sulla mancata adozione da parte della Commissione e delle autorità degli Stati membri di misure per far rispettare le norme UE. La commissione d'inchiesta presenterà una relazione intermedia entro 6 mesi e quella finale entro un termine di 12 mesi dall'inizio dei suoi lavori.

La proposta di decisione è stata approvata con 354 voti favorevoli, 229 contrari e 35 astensioni.

 

Il compito della commissione sarà quello di indagare su:


  • il presunto inadempimento da parte Commissione di verificare i cicli di prova utilizzati;
  • la presunta mancata adozione da parte della Commissione e delle autorità degli Stati membri di misure appropriate ed efficaci per sorvegliare rendere effettiva l'applicazione dell'esplicito divieto di "impianti di manipolazione";
  • la presunta omissione da parte della Commissione dell'introduzione di prove che riflettano le condizioni reali di guida;
  • la mancata fissazione da parte degli Stati membri di sanzioni effettive, proporzionale e dissuasive applicabili ai costruttori per le violazioni,
  • se la Commissione e gli Stati membri disponevano di elementi di prova dell'uso di meccanismi di manipolazione prima del 18 settembre 2015, data in cui è scoppiato lo scandalo.

Nota per i redattori

 

La richiesta fa seguito alla scoperta fatta negli Stati Uniti che il gruppo Volkswagen ha utilizzato un software per ridurre il valore delle emissioni di NOx durante i test. Il Parlamento ha votato una risoluzione nel mese di ottobre che chiede un'indagine approfondita sul ruolo e sulla responsabilità della Commissione europea e degli Stati membri, chiedendo loro di rivelare ciò che sanno su queste violazioni e quali azioni erano state intraprese.

 

La Conferenza dei presidenti del Parlamento (Presidente del Parlamento europeo e leader dei gruppi politici) ha preso atto mercoledì che era stato ottenuto il numero necessario di firme dei membri (almeno un quarto dei membri - Regolamento 198 e 27) e ha deciso di presentare la richiesta, corredata da una proposta di mandato della commissione di inchiesta, da porre in votazione giovedì in Plenaria.