McAvan: "Bisogna evitare una nuova generazione di fumatori" 

 
 

Condividi questa pagina: 

La deputata inglese di centro sinistra Linda McAvan.  

L'8 ottobre il Parlamento europeo ha imposto ai produttori di tabacco un nuovo regime di produzione. L'obiettivo? Ridurre la probabilità che i giovani inizino a fumare. Linda McAvan, membro britannico del gruppo S&D, sarà ora incaricata di guidare i negoziati con il Consiglio per trovare un accordo finale. Abbiamo parlato con lei di come le nuove regole potrebbero impedire ai giovani di prendere un'abitudine mortale.

McAvan definisce le proposte adottate un buon compromesso: "L'obiettivo fondamentale della nuova legislazione è di impedire alle aziende produttrici di tabacco di reclutare una nuova generazione di fumatori con il lancio di prodotti ingannevoli rivolti ai giovani. Alcuni di questi prodotti spariranno dal mercato: sigarette aromatizzate e pacchetti profumati sono ideati per attrarre le giovani ragazze al fumo. Abbiamo anche previsto di coprire la maggior parte della superficie di tutti i tipi di packaging con delle avvertenze per la salute."


Il futuro delle sigarette elettroniche


Le sigarette elettroniche non saranno vietate, ma saranno regolamentate come medicinali se le imprese affermano di poter curare o prevenire delle malattie. "La domanda è: come fare in modo che le sigarette elettroniche sul mercato non siano nocive alla salute e non siano vendute ai giovani come prodotti sostitutivi delle sigarette?" sottolinea McAvan.


McAvan ha inoltre ricordato che i cittadini saranno in grado di acquistare le sigarette elettroniche nella stessa maniera di prima: "Non abbiamo mai pensato che le sigarette elettroniche dovessero essere vendute solo in farmacia. Questa è una questione di diritto nazionale. La normativa UE riguarda semplicemente la regolamentazione delle sigarette elettroniche."


I prossimi passi


Gli eurodeputati si incontreranno con i ministri degli Stati membri nelle prossime settimane per cercare di raggiungere un accordo, che sarà poi votato in Parlamento. McAvan spera di poter raggiungere un accordo entro Natale.