Dimensione sociale dell'UE: rafforzamento del Fondo sociale europeo 

Aggiornato il: 
 
Pubblicato:   
 

Condividi questa pagina: 

Con il nuovo Fondo Sociale Europeo + (FSE+) si rafforzano le misure contro la povertà infantile e la disoccupazione giovanile. Scopri di più nel nostro video.

L’8 giugno 2021, il Parlamento europeo ha approvato nuove misure volte a contrastare la disoccupazione e la povertà in Europa, sulla scia della crisi pandemica.

Il Fondo sociale europeo oggi cambia nome e diventa il Fondo sociale europeo + (FSE+) per concentrarsi sulle necessità dei bambini e dei giovani, con una nuova formula semplificata.

Con un budget da 88 miliardi di euro per il periodo 2021-2027 il fondo permetterà di fornire accesso all'istruzione gratuita, cibo dignitoso e alloggi sicuri per i bambini. Il fondo contribuirà inoltre a potenziare gli investimenti per la disoccupazione giovanile, sia nel campo dell'apprendistato che della formazione professionale.

I problemi sociali ed occupazionali sono fra le principali preoccupazioni dei cittadini europei. Il Fondo sociale europeo + (FSE+) promuoverà l’inclusione sociale per coloro che hanno subito una perdita di reddito o dell’impiego e fornirà cibo e assistenza materiale agli indigenti.


Cos’è il Fondo sociale europeo? 
  • È lo strumento finanziario europeo più longevo che investe nelle persone, migliora le opportunità di lavoro e aumenta gli standard di vita 
  • I fondi dell’ESF per gli stati membri e le regioni finanziano programmi operazionali e progetti legati all’occupazione, promozione inserimento nel lavoro, gestione divari nell’educazione, povertà ed esclusione sociale lasciati dalla crisi economica 
  • Chi ne può beneficiare: solitamente le persone fisiche, come lavoratori, giovani, o persone in cerca di lavoro o economicamente svantaggiate, ma anche aziende e organizzazioni 

Maggiore flessibilità, semplicità ed efficienza

Con l’aggiornamento del Fondo sociale europeo plus sono stati convogliati diversi fondi e programmi attualmente attivi, in modo da raggrupparne le risorse:

  • Il Fondo sociale europeo (FSE) e l’Iniziativa per l’impiego giovanile (YEI)
  • Il Fondo di aiuti europei agli indigenti (FEAD)
  • Il Programma europeo per l’impiego e l’innovazione sociale

 

In questo modo si integrano e si indirizzano meglio, gli aiuti destinati ad affrontare le sfide sociali e del mercato del lavoro. Per esempio, le persone più indigenti saranno coperte dal Fondo sociale europeo plus, in modo da offrire loro sia assistenza materiale che aiuto sociale.

Il programma diventa oggi più flessibile e le norme sono state semplificate per facilitare l’accesso ai fondi.

Le priorità chiave

 

Le aree di maggiore investimento dell’FSE+ saranno tre:

  • educazione, formazione e apprendimento continuo;
  • efficienza del mercato del lavoro e uguale accesso all’occupazione di qualità;
  • inclusione sociale e lotta alla povertà.

L’FSE+ sostiene le iniziative a supporto della ricerca di miglior impiego e alla mobilità lavorativa verso una regione o un paese diverso dell'UE. Questo permette lo sviluppo delle competenze necessarie per le nuove tipologie di lavoro, in linea con quanto contenuto nella transizione verde e digitale in Europa.