Video: come ridurre il divario retributivo di genere nell’UE 

 
 

Condividi questa pagina: 

Scopri cosa fa il Parlamento europeo per ridurre il divario retributivo di genere.

L’uguaglianza di genere è uno dei principi fondanti dell’UE e il principio della parità di retribuzione a parità di lavoro venne introdotto più di 60 anni fa. Tuttavia ancora oggi le donne vengono pagate meno degli uomini in Europa: guadagnano infatti in media il 14,1% in meno all’ora rispetto ai colleghi uomini.

Il Parlamento europeo vuole che questa situazione cambi: in una risoluzione sulla Strategia dell'UE per la parità di genere del 21 gennaio 2021, gli eurodeputati hanno chiesto alla Commissione europea di presentare una strategia ambiziosa per l’uguaglianza di genere, che includa misure chiare e concrete per gli Stati membri allo scopo di ridurre il divario salariale nei prossimi cinque anni.

Affrontare le cause alle base del divario salariale

Nel 2019 il Parlamento europeo ha adottato la Direttiva relativa all'equilibrio tra attività professionale e vita familiare introducendo nuove regole sui congedi parentali in Europa per incoraggiare l’occupazione delle donne, creare incentivi da destinare ai padri per richiedere permessi familiari e promuovere, di conseguenza, la parità di genere.

Nella risoluzione gli eurodeputati chiedono una revisione annuale da parte della Commissione rispetto all'attuazione della direttiva. Chiedono ai paesi europei di adottare misure che vadano oltre la direttiva, come per esempio promuovere accordi flessibili in merito agli orari di lavoro.

Il Parlamento mira ad eliminare l’attribuzione tradizionale tra generi e professioni, adottando specifiche misure per facilitare l’inserimento di donne e ragazze in ambienti di formazione e lavoro solitamente predominati dagli uomini.

Scopri cos’è il divario retributivo di genere e quali sono le cause alla sua base

Combattere la povertà tra le donne

Gli eurodeputati chiedono azioni concrete contro la povertà tra le donne, in modo da portare a un miglioramento delle condizioni lavorative nei settori a prevalenza femminile e risolvere così il problema del divario pensionistico di genere.

Soluzioni per la parità di retribuzione: obiettivi vincolanti e misure trasparenti

La parità di retribuzione è regolata da una direttiva dell’UE, ma il Parlamento ha più volte chiesto che quest'ultima venga rivista e aggiornata regolarmente.

Nel marzo del 2020 la Commissione europea ha presentato la Strategia dell’UE per la parità di genere 2020-2025, che include misure volte a colmare il divario retributivo e pensionistico tra donne e uomini. Gli eurodeputati sono a favore della definizione di obiettivi più concreti e di strumenti più chiari che aiutino a monitorare gli eventuali progressi fatti. A marzo del 2021, la Commissione ha inoltre presentato una proposta sulla trasparenza totale sulle retribuzioni, la quale verrà poi discussa e votata dal Parlamento europeo.